Kazem Shariatmadari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kazem Shariatmadari

Mohammad Kazem Shariatmadari, Grande Ayatollah ((persiano: محمد کاظم شريعتمداري‎), anche chiamato Shariat-Madari; Tabriz, 1905Teheran, 3 aprile 1986), è stato un capo religioso sciita, partecipe della Rivoluzione Iraniana.

Nato da famiglia azera uno tra i più importanti capi religiosi conosciuto per le sue idee liberali moderate. Con la morte del Grande Ayatollah Borujerdi, diviene uno dei leader marja'a non solo dell'Iran ma anche dell'Iraq, Pakistan, India e gli stati del Golfo Persico del Sud. Attivo rivoluzionario già dal 1978 affianca l'Ayatollah Khomeini nel rovesciamento dell'allora Scià iraniano Mohammad Reza Pahlavi.

Qualche mese dopo la vittoria della rivoluzione, a causa della sua tendenza moderata che andava in contrasto con quella radicale del clero rivoluzionario sotto l'egida di Khomeini, viene messo agli arresti domiciliari tra le violente proteste dei suoi seguaci a Tabriz.

Muore agli arresti domiciliari nella sua casa di Teheran nel 1986.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 38307121 LCCN: n84017321