Kay Bojesen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kay Bojesen (18861958) è stato un designer danese.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Bojesen è stato allievo di Georg Jensen prima di diventare studente alla Scuola Tecnica per i Metalli Preziosi di Schwäbisch-Gmünd.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1913 il designer apre un proprio laboratorio a Copenaghen, abbandonando lo stile decorativo del maestro per realizzare prodotti maggiormente adatti alla produzione in serie. Tra il 1930 e il 1931 ha progettato per Bang & Olufsen.[1]. Dal 1941 è diventato argentiere della famiglia reale della Danimarca.

Contributo e opere[modifica | modifica wikitesto]

La sua attività ha contribuito alla fondazione del Den Permanente a Copenaghen, un centro di promozione del migliore design danese[1]. Tra le suo opere bisogna menzionare il servizio di posate ‘’Grand Prix’’, del 1938, e gli oggetti per la casa, progettati in argento ma prodotti in acciaio dalla ‘’Motala Verkstad’’ e l’ ‘’Universal Steel Company’’. La sua produzione di oggetti in legno, soprattutto giocattoli, ha ottenuto numerosi riconoscimenti.

Premi ed Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Bojensen ha vinto il Grand Prix alla IX Triennale di Milano nel 1951. Nel 1954 ha vinto una medaglia d’oro alla X Triennale di Milano con il progetto di insalatiere in teak. Il Danske Kunstindustrimuseum di Copenaghen nel 1938 e la VII Triennale di Milano nel 1940 hanno allestito una personale sul designer danese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Charlotte Fiell, 2002, op. cit., p. 124

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 13515766 LCCN: no2008055357