Katherine Mortimer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomba di Katherine Mortimer e Thomas de Beauchamp

Katherine Mortimer (Ludlow, 13144 agosto 1369) fu una nobile inglese, poi divenuta contessa di Warwick.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Ruggero Mortimer, I conte di March e di sua moglie Giovanna de Geneville, II baronessa di Geneville e nacque nel castello di Ludlow, nello Shropshire.

Suo padre fu governatore de facto dell'Inghilterra insieme all'amante Isabella di Francia, regina consorte in quanto moglie di Edoardo II d'Inghilterra. Il re successivamente venne deposto nel 1326 e assassinato per ordine dei due amanti.

Katherine aveva solo sedici anni quando suo padre venne imprigionato per ordine di Edoardo III, impiccato il 26 novembre 1330 e il suo corpo fatto a pezzi, pena prevista per il Regicidio.

Ciò non impedì più tardi a Katherine di entrare a far parte della corte reale e diventarne una delle protagoniste sotto il regno di Edoardo III.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 aprile 1319, ad appena cinque anni, Katherine venne data in sposa a Thomas de Beauchamp, XI conte di Warwick figlio maggiore di Guy de Beauchamp, X conte di Warwick e di Alice de Toeni[1].

Per il loro matrimonio fu necessaria la dispensa papale in quanto la coppia era legata da vincolo di parentela. Thomas era divenuto conte di Warwick all'età di due anni per cui Katherine divenne contessa consorte.

Le trattative matrimoniali erano state avviate nel luglio 1318 al fine di risolvere le controversie tra le due famiglie circa la sovranità di Elfael, che venne concesso a Katherine come dote[2]. Essendo minore di età, la custodia venne affidata a Roger Mortimer[3].

La coppia ebbe quindici figli[4]:

Katherine divenne più tardi un importante personaggi presso la corte di Edoardo III. Come segno del favore reale, venne scelta come una delle madrine di Filippa Plantageneta[5].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Ella morì il 4 agosto 1369 all'età di 55 anni. Due anni prima della morte, nel 1367, ricevette un legato testamentario da sua sorella Agnes de Hastings, contessa di Pembroke[6].

Venne inumata nella chiesa di Santa Maria a Warwick, nel Warwickshire. Il suo corpo giace accanto a quello del marito, che morì tre mesi dopo di lei di peste nera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Charles Cawley"Medieval Lands Earls of March 1328-1425 (Mortimer)
  2. ^ G. Holmes. Estates of the Higher Nobility in Fourteenth Century England.p13
  3. ^ Thomas B. Costain,The Three Edwards, page 231
  4. ^ Douglas Richardson, Kimball G. Everingham, Magna Carta Ancestry: A Study in Colonial and Medieval Families, p.56
  5. ^ Strickland, Agnes (2009). Lives of the Queens of England from the Norman Conquest: With Anecdotes of the Courts: First Published From Official Records and Other Authentic Documents, Private as Well as Public. Volume II. p.295. Google Books. Retrieved 6-11-10
  6. ^ Douglas Richardson, Kimball G. Everingham, Magna Carta Ancestry: A Study in Colonial and Medieval Families,p.56

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]