Katanga (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Katanga
Katanga – Bandiera Katanga - Stemma
(dettagli)
Motto: Force, espoir et Paix dans la Prosperite
(Forza, Speranza e Pace in Prosperità)
Katanga - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo État du Katanga
Nome ufficiale Inchi ya Katanga
Lingue parlate francese
Inno La Katangaise
Capitale Élisabethville
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo
Nascita 1960 con Moise Tshombe
Causa Guerra civile in Congo
Fine 1963
Territorio e popolazione
Economia
Valuta Franco katanghese
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of the Democratic Republic of the Congo (2003-2006).svg Congo-Léopoldville
Succeduto da Flag of Congo-Léopoldville (1963-1966).svg Congo-Léopoldville

Lo stato del Katanga esistette tra il giugno 1960 (anno della secessione dalla Repubblica Democratica del Congo) e il Gennaio 1963.
Si estendeva sull'intero territorio dell'attuale provincia del Katanga (Repubblica Democratica del Congo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lubumbashi è stata la capitale ed il centro delle attività secessionista della provincia di Katanga durante la sanguinosa guerra civile congolese dal 1960 al 1963.
Moise Ciombe proclamò l'indipendenza del Katanga nel luglio del 1960. Ciombe fu arrestato ed incriminato di tradimento nell'aprile del 1961. Il leader secessionista in cambio della propria liberazione si accordò per allontanare i suoi consulenti e le forze militari straniere. Ciombe ritornò ad Elisabethville ma non rispettò gli accordi e ricominciò a combattere.

Dag Hammarskjöld, segretario generale delle Nazioni Unite, muore in un misterioso incidente aereo in Zambia il 18 settembre 1961, mentre si reca in Katanga per discutere dell'autonomia. Solo l'intervento delle forze armate inviate dalle Nazioni Unite permise il controllo di Elisabethville nel gennaio 1963.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione dei membri del servizio d'ordine del Movimento Studentesco, ossia katanga o katanghesi, derivava dal nome dell'omonima provincia secessionista.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]