Kasia Smutniak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kasia Smutniak
Altezza 173[1] cm
Misure 86.5-61-89[1]
Taglia 36[1] (UE)
Peso 52 kg
Scarpe 39[1] (UE) - 8,5[1] (US)
Occhi Castani
Capelli Castani

Katarzyna Anna "Kasia" Smutniak (Piła, 13 agosto 1979) è una modella e attrice polacca che vive e lavora in Italia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di un generale dell'aeronautica militare polacca, cresce a contatto con il mondo dell'aviazione, ereditando dal padre la passione per il volo, tanto che a 16 anni consegue il brevetto di pilota di alianti. A soli 17 anni partecipa in Polonia ad un importante concorso di bellezza, nel quale arriva seconda. Inizia a lavorare come modella, ricevendo ingaggi da parte degli stilisti più prestigiosi in varie parti del mondo: Giappone, Stati Uniti, Inghilterra, Italia, dove diviene famosa come testimonial della campagna pubblicitaria del 2002 della TIM, da allora si trasferisce in Italia dove vive dal 1998.

Esordisce come attrice nel 2000 con il film Al momento giusto, regia di Giorgio Panariello. Successivamente alterna il lavoro cinematografico con quello televisivo: recita in varie fiction tv, tra le quali le due stagioni della miniserie tv Questa è la mia terra (2006-2008), regia di Raffaele Mertes, e Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu (2007), regia di Marco Turco, miniserie dedicata a Rino Gaetano, con Claudio Santamaria nel ruolo del cantante prematuramente scomparso nel 1981.

Tra i suoi lavori per il grande schermo, ricordiamo: Ora e per sempre, regia di Vincenzo Verdecchi e 13dici a tavola, regia di Enrico Oldoini, entrambi del 2004, e Nelle tue mani, regia di Peter Del Monte (2007), con cui nel 2008 vince il Globo d'oro alla miglior attrice rivelazione dell'anno. Del 2009 sono i film: Tutta colpa di Giuda, regia di Davide Ferrario, e Barbarossa, regia di Renzo Martinelli, e del 2010: From Paris with Love, regia di Pierre Morel, Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio, regia di Isotta Toso, e La passione, regia di Carlo Mazzacurati.

Nel 2012 è stata la madrina della 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[2] Nel 2013 interpreta Franca Gandolfi, moglie di Domenico Modugno, in Volare - La grande storia di Domenico Modugno, una miniserie televisiva italiana di due puntate, diretta da Riccardo Milani e prodotta da Rai Fiction. La fiction racconta la storia del cantautore pugliese Domenico Modugno, interpretato da Giuseppe Fiorello ed è andata in onda il 18 e 19 febbraio 2013 su Rai Uno.

Nello stesso periodo, a distanza di tre anni, torna al cinema con Tutti contro tutti di e con Rolando Ravello e poi con Benvenuto Presidente! con Claudio Bisio sempre per la regia di Riccardo Milani. Il 1º aprile fa il suo debutto su Sky Cinema 1 nella serie In Treatment con Sergio Castellitto nei panni dell'avvenente Sara.

Nell'ambito del Festival di Sanremo 2014 è tra i "proclamatori" che annunciano le canzoni dei vari artisti che passano il turno. Pochi settimane dopo esce nelle sale il film Allacciate le cinture, in cui viene diretta da Ferzan Özpetek.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

È stata legata sentimentalmente a Pietro Taricone (attore ed ex concorrente del reality show Grande Fratello, conosciuto sul set del film Radio West), fino alla sua morte avvenuta in seguito ad un incidente di paracadutismo il 29 giugno 2010. Dalla loro unione è nata il 4 settembre 2004 la figlia Sophie. Nell'estate 2011 inizia una relazione con il produttore Domenico Procacci.[3] La coppia è in attesa di un bambino[4].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Kasia Smutniak in Fashion Model Directory, Fashion One Group.
  2. ^ Venezia 2012: Kasia Smutniak madrina
  3. ^ Kasia Smutniak ritrova il sorriso con Procacci, vanityfair.it, 9 settembre 2011.
  4. ^ http://www.repubblica.it/speciali/sanremo/edizione2014/2014/02/19/foto/kasia_smutniak_sul_palco_in_dolce_attesa-79097873/1/#1

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 137770006