Kaizer Motaung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kaizer Motaung
Dati biografici
Nazionalità Sudafrica Sudafrica
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1960-1968 Orlando Pirates Orlando Pirates  ? (?)
1968-1971 Atlanta Chiefs Atlanta Chiefs 63 (32)
1974-1975 Denver Dynamos Denver Dynamos 35 (11)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 novembre 2013

Kaizer Motaung (Johannesburg, 10 ottobre 1944) è un ex calciatore e dirigente sportivo sudafricano, presidente del Kaizer Chiefs.

Motaung è il padre di Kaizer Motaung Junior, anch'egli calciatore.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Calciatore[modifica | modifica sorgente]

A sedici anni venne ingaggiato dagli Orlando Pirates[2], società con cui militerà sino al 1968, quando Phil Woosnam lo ingaggia per i suoi Atlanta Chiefs.[2]

Con il sodalizio di Atlanta vinse la NASL 1968[3] ed il titolo individuale di miglior esordiente.[4] L'anno seguente fu il capocannoniere del campionato.[4]

Ritornato in patria nel 1970, ove fondò i Kaizer Chiefs[2], tornò a giocare con gli Atlanta Chiefs l'anno seguente.

Lasciò la NASL sino al 1974, quando venne ingaggiato dai Denver Dynamos, con cui, in entrambe le due sue stagioni di militanza non superò la fase a gironi.[3]

Dirigente sportivo[modifica | modifica sorgente]

Ritornato in patria ed influenzato dalla sua prima esperienza nel calcio professionistico nordamericano, decise di fondare un proprio club, che chiamò, unendo il suo nome alla squadra in cui militava, Kaizer Chiefs.[2] La squadra, che ha sede a Johannesburg, è la più titolata del Sudafrica, con undici campionati vinti.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kaizer jnr trapped between two families Timeslive.co.za
  2. ^ a b c d Kaizer Motaung: Mr Kaizer Chiefs Southafrica.info
  3. ^ a b North American Soccer League Rsssf.com
  4. ^ a b NASL Awards and Honors Homepages.sover.net
  5. ^ South Africa Champions Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]