Kailash

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kailash
Kailash south side.jpg
Stato Cina Cina
Provincia Regione Autonoma del Tibet
Altezza 6.638 m s.l.m.
Catena Himalaya
Coordinate 31°03′59.76″N 81°18′45″E / 31.0666°N 81.3125°E31.0666; 81.3125Coordinate: 31°03′59.76″N 81°18′45″E / 31.0666°N 81.3125°E31.0666; 81.3125
Autore/i prima ascensione nessuno noto
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Cina
Kailash

Il monte Kailash (कैलाश पर्वत in devanagari, ossia Kailāśā Parvata) è una montagna appartenente ai monti Gangdisê, a loro volta inclusi nell'Himalaya.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Alto seimilaseicentotrentotto metri sul livello del mare, il monte Kailash si trova in Tibet, poco lontano da due grandi laghi, il Manasarovar e il Rakshastal. In cima alla sua vetta trovano la fonte di alcuni dei fiumi più lunghi dell'Asia, ossia l'Indo, il Sutlej, il Brahmaputra e il Karnali, noto affluente del Gange.

La montagna non è mai stata scalata da nessuno, poiché è considerata sacra dall' Induismo, in quanto ritenuta la residenza di Shiva, dal Bön, dal Buddhismo tibetano, come centro dell'universo, e dal Giainismo. Tibetani e indiani ritengono di dover compiere un pellegrinaggio presso il Kailash almeno una volta nella vita.

Lungo i cinquantatré chilometri del versante tibetano, praticabili dalle quattro alle sette ore di cammino, vi sono molte rocce dipinte e bandiere di preghiera, concentrate particolarmente sul Passo di Dolma, e si trovano quattro monasteri buddhisti: il Darchen Gön, il Chuku, il Dhira Phuk e il Zuthul Phuk. Nella stessa zona si trova anche lo Shiwatshal, cimitero in cui vengono cremati Lama e monaci. Alcuni tra i principali luoghi di culto locali sono stati fondati da Je Paljin, autorevole Lama del XIV secolo. L'area è abitualmente frequentata da decine di pellegrini provenienti da tutto il Tibet, che si prostrano nei pressi dei luoghi consacrati.

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il Kailash compare in una delle opere più apprezzate del canone tibetano, «I centomila canti di Milarepa», e nei più grandi poemi epici della letteratura indiana.


La parete Nord.


Altri nomi del Kailash[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]