Kagami Biraki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Kagami Biraki (鏡開き) è una cerimonia giapponese, il cui nome è traducibile con "Apertura dello Specchio" (dall'astinenza), oppure “Rottura del Mochi." Tradizionalmente si celebra l'11 gennaio; in Giappone infatti, i numeri dispari sono considerati fortunati. Durante una cerimonia od una festa si rompe un Kagami mochi oppure si apre una confezione di Sake.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quarto Shogun Tokugawa fu il primo a celebrare il Kagami Biraki nel 300 d.C.. Prima di andare in guerra fece venire il suo daimyo nella sua dimora per rompere e dividere un barile di sake. La battaglia ebbe successo e da allora il rituale divenne convenzione.

Barile di Sake prima del Kagami Biraki

Cerimonia[modifica | modifica wikitesto]

La cerimonia, oggigiorno, ha luogo in occasioni quali matrimoni, eventi sportivi, inaugurazioni o qualunque evento che valga la pena essere celebrato. In Giappone, i mochi sono confezionati tradizionalmente nelle case, ma la maggioranza delle famiglie preferisce comprarne di già realizzati. Durante le feste, una coppia di ridotti (kagami mochi) – uno più grande dell'altro – viene poggiata su un mobiletto e poi collocata su un altare Shinto o buddista o su un tokonoma, come offerta agli dei in visita, durante il Capodanno. Il mochi ornamentale è rimosso l'11 gennaio e viene spezzato in più frammenti prima di essere mangiato.

A quell punto, il kagami mochi è già alquanto fragile e sulla superficie possono essere presenti crepe. Il mochi non viene tagliato col coltello, perché tagliare è un gesto negativo (è associato al taglio dei legami tra le persone) ed è solitamente frantumato con un colpo di mano o con un martelletto.

Molti dojo celebrano il rito del Kagami Biraki per ricordare la loro prima sessione dall'allenamento dopo il Capodanno.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone