Kerbal Space Program

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da KSP)
bussola Disambiguazione – "KSP" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi KSP (disambigua).
Kerbal Space Program
Sviluppo Squad
Pubblicazione Squad
Data di pubblicazione 24 giugno 2011
Genere Simulatore
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X, Linux
Distribuzione digitale Steam, KSP Store
Motore grafico Unity
Requisiti di sistema Processore 2.0 GHz Dual Core
RAM 4 GB
Scheda Video 512 MB con Shader Model 3
Disco Fisso 1 GB disponibile
Periferiche di input Tastiera e Mouse

Kerbal Space Program (abbreviato KSP) è un videogioco di simulazione spaziale sviluppato dalla Squad.

Il gioco consiste di un potente editor per la costruzione di razzi e aerei e di un simulatore fisico che permette di pilotare quanto realizzato in maniera realistica, dalla rampa di lancio fino al nostro obiettivo. Lo scopo è di riuscire a superare l'atmosfera del pianeta di origine (simile alla Terra) e raggiungere così nuove mete spaziali. Si potrà così creare stazioni spaziali, portare sonde e satelliti in orbita, eseguire manovre di rendezvous, rifornimenti in volo, portare rover o astronauti su lune e pianeti e, infine, esplorare tutto il sistema planetario.

Il gioco nelle ultime versioni presenta diverse modalità di gioco che vanno da una classica sandbox, a modalità più articolate in cui saremo vincolati da budget assegnatoci oppure dalla ricerca di nuove componenti. Il gioco in ogni caso però, non vincola il giocatore alla realizzazione di un obiettivo specifico (se non alcuni obiettivi secondari per l'ottenimento di denaro extra). La durata dunque è in teoria illimitata, l'unico limite è dettato solo dalla fantasia del giocatore che ha la possibilità di creare un vero e proprio programma spaziale.

KSP si adatta a qualsiasi tipo di giocatore: dai casual gamer agli l'hardcore gamer. Il gioco infatti risulta spettacolare nei suoi catastrofici fallimenti ma stimola anche a spingersi sempre oltre. Il motore di di simulazione fa uso delle reali (a meno delle masse, trattandosi di un sistema solare alternatico) leggi fisiche che regolano i moti astronomici e le meccaniche orbitali (es. TWR e il baricentro). Il giocatore è quindi tenuto a pianificare oculatamente la realizzazione del razzo vettore e capire sin dalla sua progettazione se potrà, a meno di errori, raggiungere l'obiettivo prefissato.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è attualmente ancora in fase beta, mentre su Steam viene classificato come gioco ad accesso anticipato ed ha fatto parte dello Steam Greenlight. La prima versione rilasciata, la 0.7.3, è del 24 giugno 2011, mentre la terzultima versione, la 0.24, uscita il 19 luglio 2014, ha introdotto una modalità "carriera" con gestione di budget, reputazione e avanzamento tecnologico. La modalità Carriera spinge al limite i giocatori, sfidandoli ad eseguire diverse missioni con un ridottissimo numero di parti iniziali. Per poterne sbloccare di nuove si dovranno compiere diverse spedizioni per raccogliere dati scientifici e materiali da varie parti del sistema Kerbol, in modo da ottenere il numero di punti scienza necessario a procedere nello sviluppo tecnologico. La penultima versione (0.25, uscita il 7 ottobre 2014) ha introdotto la possibilità di cambiare la difficoltà di gioco, rendendo la modalità carriera ancora più impegnativa, e di scegliere varie strategie su come gestire il KSC: tentare un approccio più economico o più scientifico. L'ultima versione è la 0.90, che ha portato definitivamente il gioco in fase beta. Questa è denominata "Beta than Ever" e ha portato con sé molte novità. L'editor è stato completamente rivisto, presentando tre diverse modalità di costruzione, la possibilità di cambiare la parte primaria dei veicolo ed le nuove parti mk3. Inoltre sono stati aggiunti numerosi biomi a tutti i pianeti.

Il sistema planetario[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema planetario di Kerbal Space Program si compone in totale di diciassette corpi celesti. Nonostante alcuni corrispondano a pianeti reali del sistema solare, le loro caratteristiche (massa, raggio, periodo orbitale...) sono diverse e non vanno quindi confuse:

Kerbol[modifica | modifica wikitesto]

E' il centro dell'intero sistema planetario. Comparato al nostro Sole, è 113 volte meno massiccio e ha una raggio tre volte più piccolo.

Caratteristiche Fisiche
Raggio equatoriale 261 600 000 m
Superficie 8.5997404×1017 m2
Massa 1.7565670×1028 kg
Parametri Gravitazionali 1.1723328×1018 m3/s2
Densità 234.24098 kg/m3
Gravità 17.1 m/s2 (1.746 g)
Velocità di fuga 94 672.01 m/s
Periodo rotazione siderale 432 000.00 s (5 d 0 h 0 m 0 s)
Velocità rotazione siderale 3 804.8 m/s

Moho[modifica | modifica wikitesto]

Simile a Mercurio è un pianeta privo di atmosfera di colore marrone, chiamato così per la composizione della superficie, prevalentemente di roccia magmatica. Si trova molto vicino a Kerbol con un orbita molto inclinata, ciò rende particolarmente difficile un qualsiasi viaggio verso questo pianeta, senza un eccesivo uso di carburante e di Delta-V.

Eve[modifica | modifica wikitesto]

Corrispondente del pianeta Venere, è un pianeta di colore viola con una densa atmosfera ed è il secondo pianeta più grande del sistema planetario. La superficie è composta da molti oceani, tra i quali si trovano vasti continenti per lo più piatti, nonostante Eve abbia alcune catene montuose che arrivano fino a 7562 m.

  • Gilly

L'unica luna di Eve, è un piccolissimo corpo celeste con un'alta velocità di rotazione e una bassissima attrazione gravitazionale. La sua superficie è composta da alte scarpate e picchi irregolari, tanto che la sua forma ricorda più quella di un asteroide che quella di una luna vera e propria.

Kerbin[modifica | modifica wikitesto]

È l'equivalente del pianeta Terra: ci vivono i Kerbals e ci si trova il Centro Spaziale Kerbal. La sua superficie è divisa circa a metà tra oceano e terraferma, e vi si trovano diversi biomi, dai deserti fino alle calotte polari. La sua montagna più alta tocca i 6761m. Il Centro Spaziale è il punto di partenza per tutte le missioni che può compiere il giocatore, e dispone di una rampa di lancio per i razzi e di una pista di decollo per gli spazioplani. Questi veicoli vengono costruiti rispettivamente nel VAB (Vehicle Assembly Building, edificio di assemblaggio veicoli) e nello SPH (Space-Plane Hangar). Il Centro dispone inoltre di una stazione radar da cui il giocatore può monitorare o accedere a tutti i voli in corso, di un edificio di reclutamento dei Kerbonauti (l'equivalente del gioco degli astronauti) e di un reparto di Ricerca e Sviluppo, che permette ai giocatori, in modalità Carriera, di spendere la "scienza" accumulata con gli esperimenti per sbloccare nuove parti.

  • Mun

Scritto anche Mün, orbita attorno a Kerbin, è l'equivalente della Luna ed ha pressappoco le stesse caratteristiche, è di colore grigio con parecchi crateri visibili sulla superficie. È spesso il primo corpo celeste che viene colonizzato dai giocatori, per l'ovvia maggiore facilità delle manovre necessarie.

  • Minmus

È la seconda luna di Kerbin, su un'orbita più ampia rispetto a quella di Mun. È di colore bianco-verde e la sua superficie è composta da una sostanza congelata, o forse sale, visto che Minmus è troppo vicino al sole per permettere la formazione di ghiaccio. L'altitudine media della superficie è di circa 2000m, ma molti altopiani arrivano a 5km con un'altitudine massima di 5725m.

Asteroidi[modifica | modifica wikitesto]

Introdotti nella versione 0.23 (in collaborazione con la Nasa), sono dei piccoli corpi, che orbitano vicino Kerbin, possono e trovati utlizzando la tracking station ( che si trova nel KSC) selezionandoli. Di tanto in tanto entreranno nella sfera d'influenza del pianeta per fare due azioni: o un flyby (sorvolo ravvicinato) o si schianteranno al suolo, senza portare però nessun cambiamento.

Si dividono in 3 classi a seconda della grandezza: classe A circa 10m, classe C 20m e classe E 30m. Comunque è possibile cambiare la loro traiettoria utilizzando l' Advanced Grabbing Unit che si trova nel menù costruzione. Non sarà facile intercettare questi corpi, poiché hanno orbite molto inclinate e non hanno gravità, quindi bisogna progettare molto bene una missione di questo tipo.

  • Usi

Una volta messo in un' orbita stabile è possibile convertirlo in una stazione spaziale.

Duna[modifica | modifica wikitesto]

È il quarto pianeta del sistema, equivale al pianeta Marte, di cui condivide il tipico colore rossiccio. Ha una superficie composta da picchi montuosi (di cui il più alto raggiunge gli 8264m) e parecchi mari, oltre ad alcuni crateri erosi dall'azione atmosferica. L'atmosfera di Duna è molto sottile, il che rende possibile, ma difficile, l'aerobraking. Su Duna non si trova ossigeno, ma ci sono due vaste calotte polari.

  • Ike

È il satellite di Duna, è di colore grigio scuro e ha una superficie irregolare con crateri ed alte catene montuose. A causa della sua piccola massa e della sua vicinanza a Duna, il satellite non ha moto relativo rispetto al pianeta: ciò vuol dire che ognuno dei due corpi celesti è visibile sempre nello stesso punto del cielo dell'altro.

Dres[modifica | modifica wikitesto]

È posizionato più esternamente di Duna, corrisponde al pianeta nano Cerere, e ha la forza di gravità più bassa di qualsiasi altro corpo del sistema planetario. È di colore grigio chiaro, simile a Mun, ma a differenza di questa ha sulla superficie degli ampi depositi di ghiaccio. Il punto più alto è appena inferiore a 5700m di altitudine.

Jool[modifica | modifica wikitesto]

È il corrispondente di Giove, è un pianeta gassoso, con un raggio dieci volte maggiore di quello di Kerbin ed è di colore verde scuro. È il pianeta più grande dell'intero sistema, ed ha un'atmosfera molto densa. Essendo un pianeta gassoso, non è possibile atterrarci, ma è comunque un'interessante destinazione per via del suo vasto sistema di lune

  • Laythe

È la prima luna di Jool. È quasi totalmente ricoperta da oceani, con un gran numero di piccolissime isole rocciose, il che rende un atterraggio molto difficile. Laythe ha un'atmosfera abbastanza simile a quella di Kerbin, in cui è anche presente ossigeno. È pianificato dagli sviluppatori di dotare Laythe di un vasto sistema vulcanico e di alti livelli di radiazioni, rendendola una luna molto più ostile di quanto non sia adesso.

  • Vall

Analogo di Europa, è di colore verde-acqua, con una superficie ricoperta di ghiaccio e caratterizzata da zone pianeggianti separate da catene montuose. I crateri sulla superficie sono profondamente erosi, il che porta a supporre che su Vall ci sia qualche tipo di erosione, probabilmente di tipo vulcanico.

  • Tylo

È la più grande luna di Jool, e ricorda la luna di Giove Ganimede. La sua attrazione gravitazionale è simile a quella di Kerbin, ma non c'è alcuna atmosfera su Tylo, rendendo gli atterraggi molto più complessi. Il picco più alto raggiunge gli 11290m.

  • Bop

È un altro satellite di Jool, probabilmente si tratta di un asteroide catturato dall'attrazione gravitazionale. Le sue catene montuose sfiorano i 22km di altitudine, e le poche aree pianeggianti non sono molto estese. La forza di gravità è molto bassa, rendendo gli atterraggi molto semplici da questo punto di vista.

  • Pol

È il più piccolo corpo in orbita Jooliana, ha una superficie che scala dal rosso al verde scuro passando per l'ocra, caratterizzata da una superficie molto irregolare, con aspre catene montuose.

Eeloo[modifica | modifica wikitesto]

È un pianeta nano, il più lontano da Kerbol per la maggior parte del suo periodo di rivoluzione (nonostante la sua orbita fortemente inclinata intersechi quella di Jool, portando i due pianeti ad invertirsi di posizione di tanto in tanto), che ricorda anch'esso la luna Europa. Le sue caratteristiche fisiche sono molto simili a quelle di Mun, ma su Eeloo si trovano molti meno crateri, e la superficie è più regolare.

Mods[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli aspetti principali di KSP è quello di avere la possibilità di modificare il gioco aggiungendo parti, migliorando la grafica e molto altro. La community è molto attiva e ha creato centinaia di mod diverse per ogni esigenza e gusto. Grazie alle mod si ha una personalizzazione completa del gioco.

Nelle vecchie versioni del gioco, per scaricare una di queste si doveva andare allo Spaceport, un sito dedicato solo per il gioco. Dalla versione "0.23.5" si utilizza invece Curse.

-link per per le mod: http://www.curse.com/ksp-mods/kerbal

Easter eggs[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono moltissimi easter eggs sparsi per tutto il sistema di Kerbol, il più comune tra tutti è senz'altro il monolite, il quale lo si trova su tutti i corpi celesti.(ovviamente questa è una citazione del film "2001 Odissea nello spazio")

  • Su Vall possiamo trovare una struttura che ricorda lo Stonehenge, formato da monoliti piramidali.
  • Su Dres c'è un grande burrone che arriva alla profondità di 7 km.
  • Su Duna c'è una roccia a forma di kerbal, una misteriosa piramide che trasmette segnali SSTV e la telecamera semi-sepolta del rover della NASA Curiosity, sulle stesse coordinate del suo atterraggio su Marte.
  • Intorno ad Ike c'è un piccolo asteroide chiamato Magic Boulder con un monolite.
  • Su Mun si trova un arco di roccia e un monumento in memoria di Neil Armstrong sulle stesse coordinate dell' allunaggio dell' Apollo 11.
  • Su Kerbin ci sono: uno smile sulla superficie dell' acqua a sud del KSC, un tributo alla vecchia versione del pod ed un ufo al Polo Nord.
  • Su Moho ci sono ai rispettivi poli due profonde cavità chiamati "Moholes".
  • Ci sono inoltre altri smile nascosti sulle o nelle rocce.
  • La descrizione della batteria ricaricabile Z200 mette in guardia di non " invertire la polarità " , facendo riferimento alla famosa serie tv " Doctor Who "
  • Sulla batteria ricaricabile Z200 ha una etichetta che dice " Batt - Man" , che fa riferimento al supereroe Batman .

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi