KRS-One

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
KRS-One
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Underground rap
Political rap
Old school rap
East Coast rap
Periodo di attività 1984 – in attività
Gruppi Boogie Down Production
Album pubblicati 10
Studio 9
Raccolte 1

Lawrence Krisna Parker meglio conosciuto con gli pseudonimi di KRS-One (Knowledge Reigns Supreme Over Nearly Everyone) The Blastmaster e The Teacha[1] (New York, 20 agosto 1965) è un rapper, attivista e writer statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Brooklyn, all'età di 14 anni fugge da casa trovando riparo presso un rifugio di senzatetto nel South Bronx, in quegli anni viene soprannominato Krishna, visto il suo interesse verso la religione degli Hare Kṛṣṇa. Inizia quindi l'attività di writing sotto il nome di KRS-ONE (acronimo di Knowledge Reigns Supreme Over Nearly Everyone).

Grazie all'incontro con Scott Sterling (in arte DJ Scott La Rock) nasce la crew Boogie Down Productions. Nel 1984 KRS collabora con il gruppo di Scott chiamato Scott La Rock And The Celebrity Tree, registrando l'album Advance per la B-Boy Records[1]. Sotto la stessa etichetta esce il primo LP dei BDP, Criminal Minded, del 1987, ma la collaborazione termina in quanto Scott La Rock viene ucciso in uno scontro tra gang del Queens[1].

Sotto la Jive Records nel 1988 KRS pubblica un singolo, Self Destruction, a cui collaborano Chuck D e Flavour Flav dei Public Enemy, Doug E Fresh, Kool Moe Dee, Heavy D, Just-Ice e MC Lite, riuniti sotto il nome di "Stop the Violence Movement"[1]. Un paio di settimane dopo pubblica un intero album By All Means Necessary.

Tra il 1989 e il 1997 realizza dapprima Ghetto Music: The Blueprint of Hip Hop, Edutainment, Live Hardcore Worldwide, Sex And Violence tutti con i BDP, poi prosegue con una carriera solista in cui produce KRS-One ed I Got Next (dove si evidenzia Step Into A World).

Fonda un'organizzazione con Afrika Bambaataa, DJ Kool Herc e Grandmaster Flash, chiamata The Temple Of Hip Hop, che fra le altre cose organizza concerti nel Bronx e cerca di proteggere la cultura e le radici dell'hip hop.

Nel 2001 KRS partecipa al singolo di Sway & Tech The Anthem, collaborando tra gli altri con Eminem, RZA, Xzibit, Pharoahe Monch. Nel 2003 esce Kristyles', nel 2004 pubblica l'LP Digital, Keep Right e Let's Go, singolo realizzato in collaborazione con Warren G.

Le sue attività non si limitano al mondo della musica, conferisce in prestigiose università statunitensi su vari temi, e si dedicò ad un progetto mirato ad educare i bambini che vivevano per strada, cercando di offrirgli un'opportunità.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Boogie Down Productions[modifica | modifica wikitesto]

Album come solista[modifica | modifica wikitesto]

Con Marley Marl

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 - Inserito al 6º posto nella lista I più grandi mc di tutti i tempi da MTV[2]
  • 2007 - BET lifetime archievement
  • 2007 - BET: I am hip hop
  • 2009 - Urban music awards living legend award

Collaborazioni con artisti[modifica | modifica wikitesto]

Cammei e ruoli cinematografici[modifica | modifica wikitesto]

  • "I'm Gonna Git You Sucka" (1988)
  • "Who's the Man?" (1993) - Rashid
  • "SUBWAYstories: Tales from the Underground" (1997) - Vendor
  • "Rhyme & Reason" (1997) - sé stesso
  • "Boricua's Bond" (2000)
  • "2Pac 4 Ever" (2003) - Narratore
  • "Beef" (2003) - sé stesso
  • "Hip-Hop Babylon 2" (2003) - sé stesso
  • "Soundz of Spirit" (2003)
  • "5 Sides of a Coin" (2003) - sé stesso
  • "War On Wax: Rivalries In Hip-Hop (Febbraio 2004) - sé stesso
  • "The MC: Why We Do It" (2004) - sé stesso
  • "Beef 2" (2004) - sé stesso
  • "And You Don't Stop: 30 Years of Hip-Hop" (2004) - sé stesso
  • "Hip-Hop Honors" (2004) - sé stesso
  • "Keep Right DVD" (2004) - sé stesso
  • "Zoom prout prout" (2005) - sé stesso

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

KRS-One è il titolo di una canzone dei Sublime, presente nell'album 40 oz. to Freedom, che è un tributo al sopra citato musicista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Paolo Ferrari, I protagonisti - Boogie Down Productions in Hip Hop, Giunti, 2008, p. da 26 a 28, ISBN 978-88-09-05811-8.
  2. ^ mtv.com - The Greatest MCs of All Time. URL consultato il 5 marzo 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 85522090 LCCN: n93112291