KNM WT 17000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
KNM-WT 17000 detto il cranio nero.

Il reperto KNM WT 17000[1] comunemente noto come il cranio nero, è il cranio fossilizzato di un Australopithecus aethiopicus ritrovato da Alan Walker nel 1985 presso il lago Turkana in Kenia.[2]


La sua età è stata stimata in 2,5 milioni di anni.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

È caratterizzato da una struttura robusta con una cresta sagittale prominente. Per queste caratteristiche fu inizialmente classificato come Paranthropus boisei, mentre altre caratteristiche come l'inclinazione della faccia e la posizione della cresta lo avvicinano di più all'Australopithecus afarensis. Alla fine KNM WT 17000 fu assegnato a una specie separata di ominidi chiamata Australopithecus aethiopicus.

La caratteristica colorazione nera del fossile, che ha gli valso il soprannome di cranio nero è dovuta all'elevato contenuto di manganese presente nei sedimenti del sito dove era inglobato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ KNM-WT 17000 sta per: Kenya National Museum - West Turkana, numero di catalogo 17.000
  2. ^ A.C. Walker, R.E. Leakey, J.M. Harris, F.H. Brown. 1986. « 2.5-Myr Australopithecus boisei from west of Lake Turkana, Kenya », Nature, vol. 322.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Images of KNM WT 17000.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]