K-13

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
K-13
AA-2 Atoll
R-3
Uno schema del Vympel R-13M
Uno schema del Vympel R-13M
Descrizione
Tipo missile aria-aria a corto raggio
Impiego Aviolanciato
Sistema di guida passiva infrarosso R-13M
semiattiva radar R-13R
Progettista Vympel OKB
Costruttore Industria di Stato
Impostazione 1957
Utilizzatore principale URSS, Russia
Altri utilizzatori India, Yemen del Sud, Romania, Afghanistan, Yemen del Nord, Vietnam, Albania, Nigeria, Uganda, Iraq, Polonia, Siria, Algeria, Sudan, Marocco, Somalia, Angola, Bangladesh, Perù, Jugoslavia, Mozambico, Cina, Libia, Ungheria, Laos, Corea del Nord, Etiopia, Germania Est, Finlandia, Cecoslovacchia, Slovacchia, Repubblica Ceca, Cuba, Bulgaria
Peso e dimensioni
Peso 70,0 kg
Lunghezza 2,83 m R-13M
3,42 m R-3R
Larghezza 0,45 m R-13M
0,53 m R-3R
Diametro 0,12 m
Prestazioni
Gittata 8 km
Velocità massima 2.850 km/h
Motore razzo a propellente solido

[senza fonte]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il K-13 o R-3, noto come AA-2 Atoll (designazione NATO) in occidente, è un missile aria-aria (in inglese: AAM - Air to Air Missile) di fabbricazione sovietica.

L'R-3 viene prodotto in Cina come PL-2, PL-3 e PL-5, ed in Romania come A-91.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il K-13 (la sigla K deriva dal termine kompleks, complesso), anche designato come oggetto 310, fu sviluppato a partire dal 1958 ed entrò in servizio nel 1960. Il missile si basava interamente sul progetto del AIM-9 Sidewinder statunitense. Varie fonti riportano che un esemplare di AIM-9B praticamente integro cadde in mani sovietiche quando un MiG-17 cinese venne colpito durante la crisi dello stretto di Taiwan, senza che l'arma esplodesse, da un F-86 Sabre taiwanese in uno scontro aereo il 28 settembre 1958. Il missile rimase incastrato nella fusoliera del piccolo caccia e venne riportato alla base. L'ordigno venne quindi ceduto ai sovietici che lo smontarono e lo studiarono.

Una novità introdotta dal Sidewinder era quella di avere una costruzione modulare ed una semplicità che i missili sovietici precedenti non avevano. Il generale Gennadij Sokolovskij (Геннадий Соколовский), futuro ingegnere capo dell'OKB Vympel, affermò:

(RU)

« Ракета Sidewinder стала для нас настоящим университетом, предлагающим курс конструкции ракет, который поднял наше инженерное образование и обновил подход к созданию будущих ракет »

(IT)

« Il missile Sidewinder ci offrì un corso universitario in costruzione e tecnologia di missili, il quale ha migliorato la nostra conoscenza ingegneristica ed aggiornato il nostro approccio alla produzione di nuovi missili »

(Gennadij Sokolovskij)

Durante lo sviluppo, affidato all'MKB Vympel, i sovietici adottarono decine di nuove migliorie al progetto originale. La produzione di serie cominciò nel 1960, sotto il nome di R-3. In Occidente il missile venne alla luce nel 1961, quando la NATO gli assegnò il nome di Atoll (poi AA-2A per il Dipartimento della Difesa USA e Atoll-A per la NATO). Nel 1962 venne prodotto il primo R-3S (la sigla S indica ), di grande serie. L'R-3S necessitava di 22 secondi per agganciarsi al bersaglio, mentre all'R-3 ne servivano solo 11[1].

Furono approntate una versione da addestramento, denominata R-3U (učebnaja, addestrativa) e AA-2B Atoll-B per la NATO, che non veniva lanciata da un vettore aereo, e la versione inerte R-3P (praktičeskaja). Nel 1961 si cominciò anche a costruire una versione a guida radar semiattiva, inizialmente chiamata K-13R (od oggetto 320), successivamente entrata in servizio come R-3R nel 1966 (AA-2C Atoll-C). Vi era anche una versione chiamata RM-3V (raketa mišen, missile bersaglio) usata in addestramento come bersaglio aereo.

Verso la fine degli anni sessanta si cominciò a lavorare ad un aggiornamento sotto il nome di K-13M (od oggetto 380), introdotto in servizio poi nel 1973 come R-13M (AA-2D Atoll-D). Era un'arma comparabile allo AIM-9G Sidewinder, introduceva una nuova spoletta di prossimità radio invece che ottica, più propellente solido, una testa cercante raffreddata ad azoto, una migliore manovrabilità ed una più potente testata esplosiva. Comunque restava un missile non all-aspect, ovvero senza la possibilità di acquisire un bersaglio orientato in qualsiasi angolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) www.fas.org pagina relativa all'AA-2 Atoll.