Kālidāsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Kālidāsa (sanscrito कालिदास, lett. "servitore della dea Kali") (IV secoloV secolo) è stato un poeta e drammaturgo indiano. È il più grande poeta della letteratura classica indiana, vissuto probabilmente tra il III e il V secolo. Si ritiene che sia vissuto alla corte del sovrano Gupta Chandragupta II.

Kālidāsa è considerato, accanto a Amaruka (o Amaru) e Bhartṛhari, come il maggior rappresentante della poesia sanscrita. Goethe era affascinato dalla Sakùntala di Kālidāsa, che il poeta Arthur Symons nominava il più bel dramma del mondo.

Sakùntala fu una delle prime opere della letteratura indiana che vennero conosciute in occidente. Venne tradotta nel 1789 da Sir William Jones in inglese. La storia di Sakùntala viene trattata anche in Mahābhārata e in Puranas, tuttavia non con la stessa maestria stilistica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

L'attribuzione dei drammi non è sicura, poiché esistono autori con lo stesso nome.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Sakuntala si ferma per guardare Dushyanta, Raja Ravi Varma (1848-1906)

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100903230 LCCN: n79145177

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro