Käte Bosse-Griffiths

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Käte Bosse-Griffiths (Wittenberg, 16 giugno 1910Swansea, 4 aprile 1998) è stata un'egittologa tedesca. Dopo essersi trasferita in Galles, divenne una scrittrice in lingua gallese.[1]

Gioventù[modifica | modifica sorgente]

Käte Bosse nacque a Wittenberg, in Germania, nel 1910, e nonostante la madre fosse di origine ebrea divenne membro della Chiesa luterana. Dopo aver completato l'istruzione secondaria nella città natale fu accettata presso l'università di Monaco, dove si laureò in storia classica ed egittologia nel 1935. Poco dopo iniziò a lavorare presso il Dipartimento di Egittologia ed Archeologia dei musei statali di Berlino. Quando scoprì che la madre era ebrea fu licenziata.[2]

Bosse lasciò la Germania trasferendosi in Gran Bretagna, dove istituì un gruppo di ricerca al Petrie Museum dello University College di Londra, passando poi all'Ashmolean Museum, Oxford.[3] Nel 1938, mentre si trovava ad Oxford come membro senior del Somerville College, incontrò l'egittologo John Gwyn Griffiths. Griffiths, uno studioso gallese classico cresciuto a Rhondda, era in quel periodo studente ricercatore ad Oxford, ma insieme tornarono a Rhondda dove presero casa nel villaggio di Pentre. Si sposarono nel 1939, e Bosse divenne Käte Bosse-Griffiths. Durante la seconda guerra mondiale Bosse-Griffiths ed il marito organizzarono il Cadwgan Circle nella loro casa di Pentre, un gruppo intellettuale e letterario d'avanguardia tra i cui membri figuravano Pennar Davies e Rhydwen Williams. In mezzo a tanti letterati di lingua gallese, anche Bosse-Griffiths scoprì un amore per questa lingua. Negli stessi anni, in Germania, la madre di Bosse-Griffiths morì a Ravensbrück, un famoso campo di concentramento femminile. I fratelli Günther e Fritz furono entrambi imprigionati, e lavorarono nel campo di Zöschen. L'ordine di ucciderli al termine della guerra non fu eseguito.[4] La sorella Dorothee fu reclusa per sei settimane e poi rilasciata.[4]

Carriera accademica e letteraria[modifica | modifica sorgente]

Quando il marito divenne docente dell'università di Swansea, la coppia si trasferì prima ad Uplands e poi a Sketty, in Swansea. Bosse-Griffiths divenne dipendente del museo di Swansea, dove fu nominata Custode di Archeologia, carica che ricoprì per 25 anni. Aiutò nella raccolta della collezione egizia di Henry Wellcome, al tempo conservata in un magazzino, trasferendola nel dipartimento di storia classica di Swansea, per poi passare i successivi 20 anni a studiare questi 5000 pezzi. Questa collezione Wellcome è ora esposta nel centro egizio dell'università di Swansea.

Bosse-Griffiths fu anche una scrittrice. Scrisse dei movimenti pacifisti tedeschi in Mudiadau Heddwch yn yr Almaen (1942) in lingua gallese, mentre tra le opere accademiche si trova la sua collezione del 1995 intitolata Amarna Studies and Other Collected Papers.[5]

Gli articoli accademici scritti da Bosse-Griffiths riguardano spesso l'archeologia. Tra le opere letterarie vi sono racconti brevi e romanzi, tra cui Anesmwyth Hoen (1941), My sister eve and other stories (Fy Chwaer Efa a Storïau Eraill) (1944), Mae'r Galon wrth y Llyw (1957) e Cariadau (1995), oltre a due libri di viaggi, train air Rwsia to Berlin (Trem ar Rwsia a Berlin) (1962) e Tywysennau o'r Aifft (1970).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John Davies, Nigel Jenkins, Baines Menna e Peredur I. Lynch, The Welsh Academy Encyclopaedia of Wales, Cardiff, University of Wales Press, 2008, p. 337, ISBN 978-0-7083-1953-6.
  2. ^ Meic Stephens, Obituary: Kate Bosse-Griffiths in The Independent, 10 aprile 1998. URL consultato il 27 dicembre 2009.
  3. ^ Lloyd, Allan B.; 'Kate Bosse-Griffiths' JSTOR
  4. ^ a b Bosse-Griffiths,Kate Teithiau'r Meddwl, Y Lolfa, (2004), pp.7-19
  5. ^ http://www.mnsu.edu/emuseum/information/biography/abcde/griffiths_kate.html Minnesota State University; Kate Bosse-Griffiths

Controllo di autorità VIAF: 19971254 LCCN: no2002014624

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie