Justin Hammer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


« Io voglio che Iron Man diventi un pezzo di antiquariato. »
(Justin Hammer ad Ivan Vanko in Iron Man 2.)
Justin Hammer
Sam Rockwell interpreta Justin Hammer in Iron Man 2
Sam Rockwell interpreta Justin Hammer in Iron Man 2
Universo Universo Marvel
Nome orig. Justin Hammer
Lingua orig. Inglese
Alter ego

Titanium Man (solo in Iron Man: Armored Adventures)

Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. marzo 1979
1ª app. in Iron Man n. 120 - I serie
Sesso Maschio
Parenti
  • Justine Hammer (figlia)

Justin Hammer è un personaggio dei fumetti, creato da David Michelinie e Bob Layton, pubblicato dalla Marvel Comics. È apparso la prima volta nel 1979 sulla rivista Iron Man (prima serie) n. 120.

Hammer è il fornitore della tecnologia e delle armi di tutti i nemici di Iron Man; al cinema è stato interpretato da Sam Rockwell.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Justin Hammer nasce in Inghilterra ma diventa ben presto cittadino di Monaco. Diventa multimiliardario e acerrimo nemico di Tony Stark negli affari. Per ottenere un buon guadagno, Hammer fornisce ai supercattivi armi e tecnologia all'avanguardia che permette loro di poter fronteggiare i supereroi senza problemi. Se il supercattivo/mercenario rompe il contratto con Hammer, questo si avvale dell'aiuto del supervillain Blacklash che, senza problemi, tenta di risolvere l'affare.

Successivamente Hammer (che ha preso in mano la compagnia Stane International di Obadiah Stane) prende possesso dell'armatura di Iron Man[1] inducendolo a compiere atti barbari e mandandogli contro un esercito di supercriminali; Stark riesce a riprendere il controllo dell'armatura e scopre che dietro a tutto ciò c'è Hammer.[2]

Hammer tenta, durante la sua vita, di uccidere Stark avvalendosi dell'aiuto di numerosi supercriminali ma senza successo. Poco tempo dopo costruisce la nuova "coda" del costume di Scorpione[3] e il nuovo costume di Rhino.[4]

Successivamente Hammer tenta di avvelenare il sangue di Stark, con scarso successo. Iron Man combatte Hammer su una navicella spaziale di quest'ultimo; Hammer viene accidentalmente congelato in una lastra di ghiaccio e perso nello spazio.[5]

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Ultimate[modifica | modifica sorgente]

Nella serie Ultimate Hammer è CEO delle Hammer Industries ed è rivale di Norman Osborn. Nel corso del tempo "crea" villains come Electro e l'Uomo Sabbia.[6]

Per contrastare il rivale ingaggia il Dottor Otto Octavius[7] che, in un incidente, diventa il Doctor Octopus; incolpa Hammer per il suo fato e cerca vendetta contro di lui. Hammer muore d'infarto poco tempo dopo.[8]

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Serie animate[modifica | modifica sorgente]

  • Il personaggio appare nella serie animata Iron Man del 1994 dove è un nemico ricorrente di Iron Man. Industriale alleato del Mandarino, acerrimo rivale in affari di Tony Stark e della sua compagnia. A differenza che nel fumetto Justin non è un'eminenza grigia della malavita, vivente in isolamento, ma un normale uomo d'affari, che viaggia per promuovere i suoi prodotti, ed ha a che fare con importanti personalità del governo degli Stati Uniti o dell'esercito.
  • Appare anche nella serie animata Iron Man: Armored Adventures del 2009. Come in Iron Man 2, anche questo Hammer è molto più giovane rispetto al fumetto. Durante un episodio della serie, lui e Obadiah Stane vengono rapiti da Whiplash. In un altro episodio, invece, diventa il criminale Titanium Man[9]; questa identità viene impersonata da Hammer esclusivamente nella serie e mai nei fumetti.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • In Iron Man 2 (2010) è interpretato da Sam Rockwell[10] ed è il secondo antagonista del film.[11]; a differenza del fumetto, nel film Hammer è coetaneo di Tony Stark, nel corso del film appare evidente come cerchi di imitarlo negl'atteggiamenti e nello stile, risultando, pateticamente, una pallida copia del suo rivale.[12] Nel film, Rockwell desidera creare un esercito personale di armature simili a quelle di Iron Man. Tuttavia i suoi tentativi falliscono miseramente. Così decide di allearsi con Ivan Vanko, il quale si offre nel costruirgli le armature. Tuttavia il vero intento del criminale è quello di poter controllare le armature alla dimostrazione di Hammer per uccidere Tony Stark. Dopo che Jim "Rhodey" Rhodes consegna l'armatura Mark II (la seconda che Tony aveva costruito nel primo film) all'esercito, Hammer ha il compito di potenziarla, ottenendo così una nuova versione denominata War Machine. Alla fine, Hammer viene arrestato sotto esortazione di Pepper Potts, la quale scopre l'alleanza tra il miliardario e Vanko.
  • In due scene durante i titoli di coda del corto Marvel One-Shot All Hail to the King, contenuto nell'edizione home video di Thor: The Dark World e incentrato sulle vicende del detenuto Trevor Slattery dopo gli eventi di Iron Man 3, viene inquadrato Sam Rockwell, che riveste i panni di Hammer (condannato evidentemente nello stesso carcere del falso Mandarino e, nei fumetti, di Luke Cage, Seagate), mentre discute con un altro prigioniero di quanto accaduto durante il film, di Tony Stark e di Pepper Potts. Questa è un'incongruenza in quanto nel libro tratto dal film (ufficialmente parte del Marvel Cinematic Universe, insieme a fumetti prequel e serie TV) , viene rivelato che dopo la cattura, Hammer è stato preso in custodia dallo S.H.I.E.L.D..

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Iron Man n. 118, 120, 123
  2. ^ Iron Man nn. 124–127
  3. ^ Amazing Spider-Man nn. 318–319
  4. ^ Iron Man n. 238
  5. ^ Iron Man: Bad Blood nn. 1-4
  6. ^ Ultimate Spider-Man n. 17, marzo 2002.
  7. ^ Ultimate Spider-Man #16 (Febbraio 2002)
  8. ^ Ultimate Spider-Man n. 20, giugno 2002)
  9. ^ Marvel Animation Age
  10. ^ Sam Rockwell Confirms Himself For 'Iron Man 2' - The Moviefone Blog
  11. ^ Marvel Studios and Paramount Extend Distribution Agreement | Superhero Hype
  12. ^ (EN) Rick Marshall, Sam Rockwell Planning 'Iron Man 2' Movie Homework For Justin Hammer Role in MTV Splash Page, 18 gennaio 2009. URL consultato il 20 gennaio 2009.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics