Jurij di Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illustrazione raffigurante Jurij di Mosca

Jurij Danilovič di Mosca (in russo: Юрий Данилович?; 1281Saraj, 1325) principe di Mosca (dal 1303) e Gran Principe di Vladimir (dal 1317).

Primogenito di Daniil, accrebbe il territorio della Moscovia con varie acquisizioni tra cui la città di Možaisk. Combatté contro il principe di Tver', Mikhail Jaroslavič per il titolo di gran principe di Vladimir a partire dal 1304. In questa lotta ricevette l'appoggio del Metropolita Pietro. Nel 1314 strinse alleanza con la Repubblica di Novgorod contro Tver'. Per assicurarsi l'appoggio del khan dell'Orda d'Oro Jurij trascorse due anni presso i mongoli e sposò Končaka, sorella del Khan. Nel 1317 ritornò a Mosca accompagnato da un esercito di mongoli guidato da Kavdygai e attaccò Tver. Malgrado ciò venne sconfitto ed il fratello Boris e sua moglie vennero presi prigionieri. Jurij si rifugiò prima a Novgorod poi nuovamente presso l'Orda dove persuase il Khan a far uccidere il suo rivale (ucciso nel 1318). Nel 1322 Jurij guidò l'esercito di Novgorod contro gli svedesi e l'anno seguente firmò il trattato di Oreshek. Tornato presso l'Orda venne ucciso, nel 1325, da Dimitrij di Tver' figlio di Michail Jaroslavič.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Jurij di Mosca in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Predecessore Principe di Mosca Successore
Daniele 1317 - 1325 Ivan I
Predecessore Gran Principe di Vladimir Successore
Mikhail Jaroslavič 1318 - 1325 Dimitrij di Tver'