Jumpman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio originariamente noto con questo nome, vedi Mario (personaggio).
Jumpman
Jumpman.png
Immagine del primo livello della versione DOS
Sviluppo Epyx
Pubblicazione Epyx, Commodore Gaming
Ideazione Randy Glover
Serie Jumpman
Data di pubblicazione 1983
Genere Piattaforme
Modalità di gioco giocatore singolo
Piattaforma Atari 8-bit, Apple II, Commodore 64, ColecoVision, MS-DOS
Supporto floppy, Cartuccia
Periferiche di input tastiera, joystick

Jumpman è un videogioco a piattaforme, inizialmente pubblicato da Epyx per gli Atari a 8 bit e in seguito convertito anche per Commodore 64, Apple II, ColecoVision e MS-DOS. Lo schema di gioco è similare a Donkey Kong, che l'autore stesso ha definito fonte di ispirazione[1]. Nel 2004 Jumpman, insieme ad altri titoli Epyx, è stato incluso nella console C64 Direct-to-TV.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Scopo di ognuno dei 30 livelli, a schermata fissa e priva di scrolling, è quello di disinnescare delle bombe, toccandole con il personaggio; allo stesso tempo è necessario evitare vari ostacoli. È possibile salire su delle scale o delle corde, che permettono di raggiungere le piattaforme superiori.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Jumpman Junior[modifica | modifica wikitesto]

Seguito del gioco, praticamente identico nel gameplay ma dotato di nuovi livelli, rilasciato nel 1984 per Commodore 64, Atari 400/800, e ColecoVision.

Jumpman Lives![modifica | modifica wikitesto]

Una versione per MS-DOS intitolata Jumpman Lives! è uscita nel 1991, pubblicata da Apogee Software e programmata da uno studente di nome Dave Sharpless. Il gioco, diviso in quattro episodi (il primo dei quale shareware) e dotato di editor, contiene livelli tratti dall'originale Jumpman e da Jumpman Jr. La Epyx, che all'epoca deteneva ancora i diritti sul gioco (solo nel 1994 andarono, per contratto, all'autore Randy Glover), costrinse Apogee a ritirarlo dal mercato; questa lo rilasciò nel pubblico dominio.[2]

Versioni amatoriali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Epyx Shrine website, intervista con Randy Glover, 3 giugno 2007
  2. ^ Jumpman Lounge, intervista a Dave Sharpless, 30 settembre 2004

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]