Julio César Chávez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julio César Chávez
Julio César Chávez.jpg
Dati biografici
Nome Julio César Chávez González
Nazionalità Messico Messico
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi superleggeri
Carriera
Incontri disputati
Totali 115
Vinti (KO) 107 (86)
Persi (KO) 6 (4)
Pareggiati 2
Palmarès
1984-1987 Titolo mondiale WBC superpiuma
1987-1988 Titolo mondiale WBA leggeri
1988-1989 Titolo mondiale WBC leggeri
1989-1994 Titolo mondiale WBC superleggeri
1990 Titolo mondiale IBF superleggeri
1994-1996 Titolo mondiale WBC superleggeri
 

Julio César Chávez González (Ciudad Obregón, 12 luglio 1962) è un ex pugile messicano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Julio César Chávez nasce a Ciudad Obregon nella provincia di Sonora in Messico; ma cresce e vive nella città di Culiacan. Il padre, Rodolfo Chavez, era un ferroviere e Julio è cresciuto in povertà assieme ai quattro fratelli e alle cinque sorelle. Ha iniziato a praticare la boxe a sedici anni. Soprannominato prima "il Toro di Culiacàn" e successivamente " JC" viene spesso definito dai ring announcer "el gran Campeon Mexicano". Infatti di questo si tratta, Chavez nella sua carriera durata 15 anni combatte 115 incontri, vincendone 107 di cui 86 per KO perdendone 6 e pareggiandone 2. Campione del mondo in tre diverse categorie superpiuma, leggeri e superleggeri ha boxato per 633 round ed ha avuto una media di vittorie per KO del 74,78%. Nella sua gloriosa carriera ha affrontato molti Campioni come: Roger Mayweather, Rocky Lockridge, Edwin "Chapo" Rosario, Meldrick Taylor (2 volte), Hector "Macho" Camacho, Greg Haugen, Pernell Whitaker, Tony Lopez, Oscar de la Hoya (2 volte), Miguel Angel Gonzalez, Kostya Tszyu. Boxer amato in tutto il Messico, sono stati confrontati nel loro paese con grandi campioni di boxe ed è considerato dai suoi fan più accaniti ed esperti di boxe del loro paese come uno dei pugili "più grande di tutti i tempi libbra per la libbra".

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Carriera da dilettante[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Dopo 14 incontri amatoriali Chavez ha deciso di partecipare ad un torneo locale a Città del Messico, dove ha subito la sua unica sconfitta da pugile dilettante.

I primi passi[modifica | modifica sorgente]

Julio Cesar Chavez ha fatto il suo debutto professionale il 5 febbraio 1980, all'età di 17 anni. Il suo primo passo è stato molto buono: vittoria per KO su Andres Felix al 6º round. Nel suo 12° match, datato 4 marzo 1981, ha affrontato Miguel Ruiz a Culiacan. Alla fine della 1ª ripresa Chavez ha sferrato un pugno da KO all'avversario, atterrandolo. Poiché il colpo è stato lanciato durante il gong, Julio è stato squalificato per il pugno e Ruiz è stato dichiarato vincitore del match. Il giorno dopo, tuttavia, dopo uletriori esaminazioni sull'esito della gara, la commissione messicana ha invertito il risultato del match, proclamando Chavez vincitore. Il manager di Julio, Ramón Felix, era un membro della commissione.

superpiuma[modifica | modifica sorgente]

Chavez ha vinto il suo primo titolo da professionista (la corona vacante WBC dei superpiuma) il 13 settembre 1984, mettendo KO il compatriota Mario "Azabache" Martínez al Grand Olympic Auditorium di Los Angeles, California. Martinez era il favorito per la vittoria.

Il 19 aprile 1985 Chavez ha difeso il suo titolo contro Ruben Castillo (63-4-2), trionfando per KO alla 6ª ripresa. Il 7 luglio 1985 Chavez ha sconfitto il futuro campione Roger Mayweather (zio dell'imbattuto Floyd Mayweather Jr.), per KO alla 2ª ripresa. Difende il titolo vittoriosamente contro Pratchett, Barrios e Rojas prima di affrontare 3 agosto 1986 Rocky Lockridge ex campione WBA e futuro campione IBF dei superpiuma) a Monte Carlo, Monaco, vincendo ai punti per majority decision. Nell'incontro successivo ha sconfitto l'ex campione Juan Laporte per verdetto unanime dopo 12 round e difendendolo ulteriormente per altre due volte avendo la meglio su Da Cruz e Cabrera. Chavez così dopo 9 difese del titolo di cui 6 ottenute prima del limite decide di salire di categoria ed approdare nei leggeri.

leggeri[modifica | modifica sorgente]

Il 21 novembre 1987 sul ring dell'Hilton Hotel affronta e sconfigge per KO all'undicesima ripresa Edwin Rosario conquistando così il titolo dei leggeri) WBA titolo che difende contro Aguilar. Il 29 ottobre 1988 sempre all'Hilton Hotel affronta e sconfigge Josè Luis Ramirez (101-6) vincendo per decisione tecnica all'undicesima ripresa e conquistando anche la cintura di Campione del Mondo versione WBC. Chavez ottenuta anche questa straordinaria vittoria decide di salire ancora di categoria e di passare tra i superleggeri.

superleggeri[modifica | modifica sorgente]

Il 13 maggio 1989 al Great Western Forum di Inglewood California ritrova Roger Mayweather e lo sconfigge anche nella rivincita per KO alla decima ripresa conquistando il titolo superleggeri WBC. Chavez difende il titolo contro Sammy Fuentes prima di affrontare il 17 marzo 1990 sul ring dell'Hilton Hotel per la riunificazione del titolo WBC e IBF il pugile americano Meldrick Taylor. Il Messico affronta una partita difficile, è stato chiaramente perdendo a causa di come scomodo è stato il suo avversario tecnico e agile, ma riesce a buttarlo giù con un colpo della mano destra durante l'assalto finale e l'arbitro Richard Steele decreto che questo autunno è stato un knock out e favorito il messicano con una vittoria ingiusta e inaspettata. Come molti avrebbero potuto seguita il gioco, mancava solo un secondo alla fine della guerra. Questo match viene premiato come match dell'anno del 1990. Dopo questa bella e controversa vittoria Chavez difende vittoriosamente il titolo contro Ahn, Deplessis, Smith, Hernandez, Mitchell, Hector "Macho" Camacho. Il 20 febbraio 1993 Chavez affronta l'americano Greg Haugen allo Stadio Azteca di città del Messico e lo sconfigge per KO alla quinta ripresa di fronte a 125.000 spettatori stabilendo il secondo record di pubblico per un match di pugilato.

Note[modifica | modifica sorgente]