Julian Casablancas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julian Fernando Casablancas
Julian Casablancas (2006)
Julian Casablancas (2006)
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Indie rock
Alternative rock
Garage rock
Periodo di attività 1998 – oggi
Album pubblicati 6 (5 con gli Strokes)
Studio 6
Sito web

Julian Fernando Casablancas (New York, 23 agosto 1978) è un cantante e musicista statunitense. È il leader della rock band The Strokes, nonché autore della gran parte delle loro canzoni. È figlio di John Casablancas, imprenditore statunitense di origini spagnole, fondatore della Elite Model Management, e di Jeanette Christensen, ex Miss Danimarca nel 1965.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Amico d'infanzia del bassista Nikolai Fraiture, sin dall'età di 13 anni frequenta una prestigiosa scuola privata svizzera chiamata Institut Le Rosey, dove incontra il chitarrista Albert Hammond Jr.. Negli anni successivi, una volta trasferitosi a New York, incontrerà i restanti futuri membri degli Strokes, il chitarrista Nick Valensi e il batterista Fabrizio Moretti. Julian trascorre un'adolescenza difficile, in cui la sofferenza per il divorzio dei genitori e la solitudine lo portano ad eccedere con l'alcool, tanto da essere mandato dalla madre in una clinica disintossicante a soli 15 anni. "Jules" ha ricevuto critiche da molte persone a causa del suo comportamento spesso inadeguato durante i concerti: si presentava ubriaco, anche se questo non gli ha mai impedito di cantare. Smette di bere nel periodo dell'album Room On Fire per concentrarsi sul lavoro in modo ottimale.

Attraverso un disco dei Doors regalatogli dal suo padre adottivo, il pittore ghanese Sam Adoquei[1], scopre l'amore per la musica e comincia a scrivere le prime canzoni. Tra le sue influenze principali anche Ramones, Bob Marley, Nirvana, The Cure, Blondie e soprattutto The Velvet Underground. Quando compone, cerca di creare prima la melodia con la chitarra e poi il testo, considerando quest'ultimo parte secondaria delle sue canzoni.

Il 5 febbraio 2005 Julian Casablancas ha sposato Juliet Joslin, già segretaria del suo manager Ryan Gentles, con una cerimonia privata svoltasi a New York. Durante un concerto dirà "I'm gettin' married and it's Hard to Explain!" per annunciare la canzone tratta dall'album "Is This It". All'inizio di marzo 2010 è nato il suo primo figlio, Cal Casablancas.[2]

Album Solista[modifica | modifica sorgente]

Il 2 novembre 2009 esce in Italia il suo primo e unico lavoro solista Phrazes for the Young.

Il disco, formato da otto composizioni, esprime tutta la creatività di Julian che ha dichiarato sinceramente come in quest'album abbia sperimentato sonorità che gli Strokes non avrebbero ancora potuto affrontare. Definirlo in un unico genere è molto difficile: ci sono tratti Garage, Synth-Pop, Rock e sorprendentemente Folk. Ci sono tracce che ricordano le prime di "Is This It" come "Out Of The Blue", altre come "River Of The Brakelight" in cui Casablancas riprende i fili del percorso intrapreso con il disco degli Strokes "First Impression Of Earth", altre che catturano l'ascoltatore con tastiere accattivanti e ritmi sudamericani come "11th Dimension". Interessanti sono anche "Glass", con intrecci di organo e flauti traversi "sintetizzati", e "Tourist", traccia che chiude il disco, in cui Casablancas esprime tutte le sue emozioni in assoli di chitarre elettriche "synth" e acustiche che si inseguono l'una con l'altra. Ha collaborato al singolo "Boombox" dell'album Incredibad dei Lonely Island. Nel 2013 collabora anche con i Daft Punk, prendendo parte alla canzone Instant Crush

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Superiorpics.com
  2. ^ Julian Casablancas & Wife Welcome Son Cal | Celebrity Baby Scoop

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 96940780 LCCN: nb2007005476