Julia von Hauke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contessa Julia von Hauke
Julia von Hauke
Julia von Hauke
Principessa di Battenberg
Nascita Varsavia, Congresso Polacco, 24 novembre 1825
Morte Castello di Heiligenberg, Jugenheim, Assia, 19 settembre 1895
Padre Conte Hans Moritz von Hauke
Madre Sophie Lafontaine
Consorte Principe Alessandro d'Assia e del Reno
Figli Marie, Principessa di Erbach-Schönberg
Louis Mountbatten, I Marchese di Milford Haven
Alessandro, Principe di Bulgaria
Principe Enrico
Principe Francesco Giuseppe

Julia von Hauke (24 novembre 182519 settembre 1895) fu la moglie morganatica del Principe Alessandro d'Assia e del Reno e madre del principe Alessandro I di Bulgaria e antenata delle attuali generazioni delle famiglie reali inglese e spagnola.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Julie Therese Salomea Hauke[1] nacque a Varsavia nel Polonia del Congresso, allora governata in unione personale dallo Zar di Russia. Era figlia di Hans Moritz von Hauke e di sua moglie Sophie (nata Lafontaine). Suo padre era tedesco, e un militare di professione, e aveva combattuto per Napoleone Bonaparte in Austria, Italia, Germania e nella Guerra peninsulare. Dopo il servizio nell'esercito polacco dal 1790 e l'esercito del Ducato di Varsavia dal 1809 al 1814 entrò nei ranghi dell'esercito del Congresso Polacco, diventando un generale completo nel 1828 e fu insignito di un titolo della nobiltà polacca. Riconoscendogli notevoli meriti, lo Zar Nicola I lo creò Ministro della Guerra della Polonia e lo elevò nel 1829 a Conte, questo titolo rese automaticamente Julia una Hrabianka - una contessa polacca ereditaria.

Nella rivolta del 1830, guidata da truppe insorte, l'obiettivo era il granduca Costantino, Governatore Generale della Polonia: il conte von Haucke lo difese permettendogli di fuggire, ma venne colpito a morte dai proiettili dei cadetti sulla strada di Varsavia davanti agli occhi di sua Sophia la Fontaine e dei suoi tre bambini; la moglie morì poco tempo dopo di dolore ed i loro figli furono posti sotto la tutela dello zar.

Julia divenne poi dama di compagnia dell'Imperatrice Maria Aleksandrovna, moglie dello zar Alessandro II e sorella del principe Alessandro d'Assia, che incontrò a San Pietroburgo: lo zar non approvò la liaison tra il cognato ed una dama di compagnia, e così i giovani amanti dovettero lasciare la corte russa. Si sposarono il 28 ottobre 1851 a Breslavia nella Slesia (oggi in Polonia).

Julia fu ritenuta di rango insufficiente rispetto al marito, e quindi il loro fu considerato un matrimonio morganatico, ed i loro figli non ebbero diritti al trono. Suo cognato il granduca Luigi III d'Assia la creò contessa di Battenberg nel 1851 con il trattamento di Altezza Illustrissima e nel 1858 la elevò a Principessa Ereditaria di Battenberg, con il trattamento di Altezza Serenissima (titolo comunque non regale): ne conseguì che i figli della coppia furono principi o principesse ed Altezze serenissime.

Julia si convertì dal cattolicesimo al luteranesimo il 12 maggio 1875 e morì al Castello di Heiligenberg presso Jugenheim nell'Assia meridionale.

Figli[modifica | modifica sorgente]

La coppia ebbe cinque figli:

Cambio del nome a "Mountbatten"[modifica | modifica sorgente]

Il primogenito di Alessandro e Julia, il principe Luigi di Battenberg, divenne First Sea Lord nella Royal Navy. In seguito all'odio anti-tedesco in Gran Bretagna durante la Prima guerra mondiale, anglicizzò il suo nome in Mountbatten, come fecero i suoi figli e nipoti, i figli del principe Enrico e della principessa Beatrice; la stessa Casa Reale inglese lasciò il cognome di Sassonia-Coburgo-Gotha in favore di quello di Windsor. I Mountbatten rinunciarono a tutti i titoli tedeschi e ricevettero delle paria inglesi dal cugino, re Giorgio V del Regno Unito: il principe Luigi divenne I Marchese di Milford Haven, mentre il principe Alessandro Mountbatten, figlio maggiore del principe Enrico, divenne I Marchese di Carisbrooke.

Titoli dalla nascita alla morte[modifica | modifica sorgente]

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Almanach de Gotha, Gotha 1931
  • Eckhart G. Franz, Das Haus Hessen: Eine europäische Familie, Kohlhammer, Stuttgart 2005 (S. 164-170), ISBN 3-17-018919-0

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Hauke Family
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie