Jules-Géraud Saliège

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jules-Géraud Saliège
cardinale di Santa Romana Chiesa
GHSaliege3.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Sub umbra Illius
Nato 24 febbraio 1870, Crouzy-Haut
Ordinato presbitero 21 settembre 1895
Consacrato vescovo 6 gennaio 1926
Creato cardinale 18 febbraio 1946 da papa Pio XII
Deceduto 5 novembre 1956, Tolosa

Jules-Géraud Saliège (Crouzy-Haut, 24 febbraio 1870Tolosa, 5 novembre 1956) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Crouzy-Haut il 24 febbraio 1870.

Nominato vescovo di Gap il 29 ottobre 1925, lasciò la diocesi tre anni dopo, essendo stato nominato arcivescovo di Tolosa, carica che tenne fino alla morte. Papa Pio XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 18 febbraio 1946, con il titolo di Santa Pudenziana.

Morì il 5 novembre 1956 all'età di 86 anni.

Impegno contro il nazismo[modifica | modifica sorgente]

Fece parte della resistenza ed era visceralmente contrario al nazismo e al razzismo.

Il 23 agosto 1942 fece leggere una lettera pastorale in ogni parrocchia della sua diocesi, rischiando di essere arrestato dalla Gestapo:

(FR)
« Il y a une morale chrétienne, il y a une morale humaine qui impose des devoirs et reconnait des droits. Ces devoirs et ces droits tiennent à la nature de l'homme. Ils viennent de Dieu. On peut les violer. Il n'est au pouvoir d'aucun mortel de les supprimer. Que des enfants, des femmes, des hommes, des pères et mères soient traités comme un vil troupeau, que les membres d'une même famille soient séparés les uns des autres et embarqués pour une destination inconnue, il était réservé à notre temps de voir ce triste spectacle. [...] Les Juifs sont des hommes, les Juives sont des femmes. Les étrangers sont des hommes, les étrangères sont des femmes. Tout n'est pas permis contre eux, contre ces hommes, contre ces femmes, contre ces pères et mères de famille. Ils font partie du genre humain. Ils sont nos frères, comme tant d'autres. Un chrétien ne peut l'oublier. »
(IT)
« C'è una morale cristiana. C'è una morale umana che impone doveri e riconosce diritti. Questi doveri e questi diritti risultano della natura umana. Vengono da Dio. Non possono essere violati. Non è in potere di nessun mortale di sopprimerli. Che bambini, donne, uomini, che padri e madri siana trattati come un vil gregge, che i membri di una stessa famiglia siana separati gli uni dagli altri e portati via, verso una destinazione sconosciuta, c'è voluto il nostro secolo per vedere questo triste spettacolo. [...] Gli Ebrei son uomini. Le Ebree sono donne. Gli stranieri sono uomini, le straniere sono donne. Tutto non è permesso contro loro, contro questi uomini, contro queste donne, contro questi padri e queste madri. Fanno parte del genere umano. Sono nostri fratelli, come tanti altri. Un cristiano non può dimenticarlo. »
(Et clamor Jerusalem ascendit, (pp. 81–82))

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Gap Successore BishopCoA PioM.svg
Gabriel Roch de Llobet
1915 - 1925
1925 - 1928 Camille Pic
1928 - 1932
Predecessore Arcivescovo di Tolosa Successore Arcbishoppallium.png
Jean-Augustin Germain
1899 - 1928
1928 - 1956 Gabriel-Marie Garrone
1956 - 1966


Predecessore Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore CardinalCoA PioM.svg
Luigi Maglione
1936 - 1944
1946 - 1956 Alberto di Jorio
1958 - 1979

Controllo di autorità VIAF: 41888403