Julen Guerrero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julen Guerrero
Aplauden Guerrero Bilbao.JPG
Dati biografici
Nome Julen Guerrero López
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 179 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Trequartista
Ritirato 11 luglio 2006
Carriera
Giovanili
1982-1991 Athletic Bilbao Athletic Bilbao
Squadre di club1
1991-1992 Bilbao Athletic Bilbao Athletic 12 (6)
1992-2006 Athletic Bilbao Athletic Bilbao 372 (101)
Nazionale
1992-1994
1993-2000
Spagna Spagna U-21
Spagna Spagna
11 (6)
41 (13)
Carriera da allenatore
2006- Athletic Bilbao Athletic Bilbao Giovanili
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 28 giugno 2007

Julen Guerrero López (Portugalete, 7 gennaio 1974) è un ex calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista.

Ha giocato tra il 1992 e il 2006 nell'Athletic Club e nella Nazionale spagnola. È il giocatore con più presenze (11) e più gol (6) dell'Euskal Selekzioa, la rappresentativa formata da soli giocatori baschi.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordi[modifica | modifica sorgente]

Julen entrò a far parte dell'Athletic Club all'età di 8 anni. Dopo aver svolto tutta la trafila delle giovanili del club, nella stagione 1991/92 esordisce con il Bilbao Athletic, allora in Segunda División, dove gioca 12 partite segnando 6 gol. Insieme con Aitor Karanka era uno dei titolari dell'Athletic U-19 che vinse la coppa nazionale e il campionato nel 1992. La stagione successiva esordisce in prima squadra a soli 18 anni, sotto la guida di Jupp Heynckes. Viene promosso subito titolare e, alla prima stagione, realizza 10 reti.

La consacrazione in campionato[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'esordio in nazionale e con l'Euskal Selekzioa, arriva la consacrazione in campionato. Nella stagione 1993/94 realizza 18 reti (suo miglior bottino di sempre), tra cui una tripletta contro l'Albacete e un poker contro lo Sporting Gijón, e viene proclamato Calciatore dell'Anno sia secondo Don Balón che secondo El País[1].

La stagione 1994/95 lo vede sempre ad altissimi livelli (27 presenze e 13 gol) e comincia a destare attenzioni di club di importanza europea quali Atlético Madrid, Barcelona, Juventus, Lazio, Manchester United e Real Madrid. In risposta a ciò, Guerrero ribadisce il suo legame inscindibile con l'Athletic Club e firma, nel 1995, un contratto dodecennale che lo legherà al club fino al 2007. Un contratto di questa durata diventa un record per la società bilbaina e Julen il giocatore più pagato in squadra.

La stagione di maggior successo è quella del 1997/98, quando l'Athletic Club giunge secondo nella Primera División ed ottiene una storica qualificazione alla Champions League.

L'inizio del declino[modifica | modifica sorgente]

A partire dal 2000 comincia a giocare sempre meno partite. La stagione 2000/01 lo vede scendere in campo 27 volte (di cui 25 da titolare) e la stagione 2001/02 lo vede giocare 20 volte (di cui 17 da titolare). Il fondo della sua carriera, tuttavia, lo tocca a partire dalla stagione 2002/03. Guidato da Jupp Heynckes nella stagione 2002/03 e da Ernesto Valverde (suo compagno di squadra dal 1992 al 1996) nelle stagioni 2003/04 e 2004/05, gioca in tutto 40 partite, di cui solamente 4 come titolare.

Ultima stagione e addio al calcio giocato[modifica | modifica sorgente]

La stagione 2005/06 è la sua ultima da giocatore. Guidato da José Luis Mendilibar per le prime 9 giornate e da Javier Clemente per il resto della stagione, colleziona 17 presenze, di cui 4 da titolare. L'Athletic Club entra in un periodo di crisi di risultati e, l'11 luglio 2006, a fine stagione, Guerrero decide di lasciare il calcio giocato, anche se manca ancora un anno alla scadenza del suo contratto. Non lascia, però, l'Athletic Club, poiché entra a far parte dello staff di allenatori del settore giovanile.


La nazionale[modifica | modifica sorgente]

Guerrero in allenamento con la nazionale spagnola

A partire dal 1993, quando aveva solo 19 anni, Javier Clemente comincia a convocarlo nella nazionale spagnola, esordendo contro il Messico. In tutto conterà 41 presenze condite da 13 reti, di cui una al Mondiale USA '94. Sempre con il numero 8 sulle spalle, giocò per la Spagna anche il Mondiale di Francia del 1998 e l'Europeo inglese del 1996. Le sue partite più memorabili con le Furias Rojas sono state il 18 dicembre 1996 contro Malta e l'8 settembre 1999 contro Cipro, nelle quali realizzò una tripletta. La sua ultima apparizione con la maglia della Spagna è stata l'11 ottobre 2000 nel match di qualificazione al Mondiale del 2002 contro l'Austria, terminata 1-1.

Uomo-simbolo dell'Euskal Selekzioa[modifica | modifica sorgente]

Il 22 giugno 1993 fa il suo debutto nell'Euskal Selekzioa contro la Real Sociedad, in una partita amichevole non riconosciuta dall'EFF. Il suo esordio in una gara riconosciuta dall'EFF avviene il 22 dicembre 1993 contro la Bolivia. La partita termina 3-1 e Julen segna una rete. In tutto conterà 11 presenze (record attuale) e 6 reti (record attuale) tra il 1993 e il 2006, anno in cui disputa la sua ultima partita contro il Galles, persa per 1-0. Anche con la rappresentativa basca riesce a mettere a segno una tripletta, il 26 dicembre 1997 contro la Jugoslavia.

Attività extracalcistiche[modifica | modifica sorgente]

L'annuncio dell'addio al calcio arriva assieme alla decisione di entrare a far parte dello staff tecnico delle giovanili dell'Athletic Club, di cui tuttora fa parte. Inoltre è proprietario di un ristorante a conduzione familiare[2] e, dalla stagione 2006, è commentatore delle partite della nazionale spagnola per la Televisión Española.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Athletic Club U-19: 1992
Athletic Club U-19: 1992

Individuale[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior giovane spagnolo: 1
1992/93
  • Miglior giocatore spagnolo: 1
1993/94

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I migliori giocatori del campionato spagnolo secondo Don Balón e El País dalla stagione 75/76 alla stagione 02/03
  2. ^ Sito del ristorante di Julen Guerrero

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]