Juke Box (Franco Battiato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juke Box
Artista Franco Battiato
Tipo album Studio
Pubblicazione 1978
Durata 26 min : 54
Dischi 1
Tracce 6
Genere Musica sperimentale
Rock progressivo
Rock sperimentale
Etichetta Ricordi
Produttore Franco Battiato
Franco Battiato - cronologia
Album precedente
(1977)

Juke Box è un album musicale di Franco Battiato, pubblicato nel 1978 con etichetta Ricordi.

Le tracce, quasi tutte strumentali, furono composte come colonna sonora del film Brunelleschi, ma alla fine vennero rifiutate in quanto giudicate inadatte.[1][2] Il film documentario, a cura di Claudio Barbati per la regia di Roberto Cacciaguerra, realizzato in occasione del sesto centenario della nascita di Filippo Brunelleschi, venne trasmesso in due puntate dalla Rete 2 della RAI il 29 marzo e il 5 aprile 1978[3].

La prima puntata, intitolata "Filippo Brunelleschi fiorentino", era quella in cui dovevano esserci le musiche di Franco Battiato, che vennero però sostituite da materiale preso da repertori di musica sacra antica; di Battiato vennero utilizzati solo due frammenti, estratti rispettivamente da Pollution e da Sulle corde di Aries. La seconda puntata, intitolata "Viaggio dentro la cupola" e dedicata alla cupola della cattedrale di Santa Maria del Fiore di Firenze, venne sonorizzata con brani di Luciano Berio, Roberto Cacciapaglia, Igor Stravinsky, Olivier Messiaen, Keith Jarret (un frammento del Köln Concert venne adoperato per i titoli di testa di entrambe le puntate) e Terry Riley.

Il testo di Hiver è tratto dal libro Le statue d'acqua della scrittrice Fleur Jaeggy; la melodia di Agnus sarà parzialmente ripresa da Battiato per Stranizza d'amuri, brano presente nell'album L'era del cinghiale bianco, ma già composto anni prima (è stata pubblicata una prima versione, all'interno del CD antologico La convenzione, che i crediti datano al 1975).

Gli interventi vocali sono di Juri Camisasca e del soprano Alide Maria Salvetta; Giusto Pio violino, Antonio Ballista pianoforte, Roberto Cacciapaglia direzione.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Campane – 2:45 (per soprano, violini e pianoforte diretti da Roberto Cacciapaglia)
  2. Su scale – 1:16 (per voce, coro e due pianoforti in sovrapposizione - voci soliste Juri Camisasca e Franco Battiato)
  3. Martyre celeste – 9:03 (per due violini in sovrapposizione)
  4. Hiver – 2:52 (per soprano e pianoforte)
  5. Agnus – 4:21 (per voce, soprano, nove violini, due trombe e pianoforte diretti da Roberto Cacciapaglia)
  6. Telegrafi – 6:37 (per violino solo in sovrapposizione)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dizionario dei cantautori (Giangilberto Monti, Veronica di Pietro, Garzanti, 2003, pag. 55)
  2. ^ I nostri cantautori (Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti, Alessandra Rocco, Thema Editore, 1990, pag. 167)
  3. ^ http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t=ebook&file=/archivio/uni_1978_03/19780330_0015.pdf
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica