Juice (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juice
Juicе (film).png
Una scena del film
Titolo originale Juice
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1992
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico
Regia Ernest R. Dickerson
Soggetto Ernest R. Dickerson
Sceneggiatura Gerard Brown, Ernest R. Dickerson
Produttore Peter Frankfurt, David Heyman, Preston Holmes, Neal H. Moritz
Casa di produzione Island World
Fotografia Larry Banks
Montaggio Sam Pollard, Brunilda Torres
Musiche The Bomb Squad, Hank Shocklee
Scenografia Lester Cohen
Costumi Donna Berwick
Trucco Matiki Anoff, Carol Campbell, Larry Cherry, Joe Cuervo
Interpreti e personaggi

Juice è un film drammatico del 1992, diretto da Ernest R. Dickerson.

Con un cast d'eccezione rappresentato da Omar Epps e dall'artista hip hop, nonché astro promettente del cinema hollywoodiano, Tupac Shakur. Tra gli altri attori appaiono: Jermaine Hopkins, Khalil Kain, Samuel L. Jackson, che vanno ad affiancare le comparse di personaggi celebri del mondo artistico afroamericano quali: Queen Latifah, EPMD, Special Ed, Ed Lover, Doctor Dre, Flex Alexander, Fab Five Freddy e Treach.

Dickerson, già regista di film duri come Sopravvivere al gioco (1994), realizza un'opera, inizialmente sottovalutata - che invece col tempo è diventata film di culto per gli amanti del genere e per la critica cinematografica in generale, soprattutto per la recitazione dello scomparso Shakur.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film racconta la storia di quattro adolescenti afro-americani nelle strade di Harlem disperati per ottenere il rispetto dei loro sogni. Ma dopo una rapina a mano armata trasformata in un disastro, la storia cambia completamente. Il film è basato sulla forza della strada, la situazione nei ghetti, la violenza e il rispetto, il che porta a rispettare estremi, Juice.


Personaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Omar Epps è Q. Figura chiave del film e più sensibile dei quattro protagonisti. Membro della The Wrecking Crew; sa dove fermarsi, essendo una persona che distingue il bene dal male, pensando molto alle ripercussioni che ogni azione cattiva potrebbe avere nel suo futuro.
  • Tupac Shakur è Bishop. Principale antagonista, nonché il più violento dei quattro. Membro della The Wrecking Crew; vuole soprattutto rispetto dai suoi amici e dalle persone che lo circondano. Inizia la sua completa ascesa nel mondo della criminalità, facendosi un nome sinonimo di terrore, dopo aver ucciso Quiles, proprietario di un negozio, e i testimoni dell'omicidio, dai quali partirà però con l'uccidere anche i suoi stessi amici: dapprima Raheem, poi Steel, che però riesce a sopravvivere, e Q, con il quale ingaggia un violento combattimento che conclude la loro storia. Secondo Shakur è [1]: «uno psicopatico, violento, pieno di temperamento» che «voleva solo essere rispettato. Voleva il rispetto che suo padre non aveva avuto. Ogni cosa che faceva, era solo per avere una reputazione». In particolare all'ultimo pezzo, l'attore si riferisce a una parte di trama poi eliminata nel prodotto finale riguardante il passato del padre di Bishop, «una puttana in un penitenziario», che avrebbe guidato e influenzato in malomodo la crescita di Bishop.
  • Khalil Kain è Raheem Porter.
  • Jermaine Hopkins è Eric "Steel" Thurman.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 stava svolgendosi la selezione del cast artistico di Juice. Money B, una delle figure principali del gruppo hip hop Digital Underground, era stato chiamato per un'audizione in un ruolo. Dopo aver letto il soggetto, Money ne parlò a Shakur che su consiglio di Sleuth, altro componente del gruppo, si presentò per il provino di Bishop, in quello che il cantante definì «un gran bel film in cui c'è anche l'Hip-Hop». [1]

Tematiche[modifica | modifica sorgente]

Il tema centrale e corrente del film è la vita di strada nelle difficili periferie americane, temi già affrontati in altri film di genere come l'acclamato Boyz n the Hood - Strade violente di John Singleton. Quattro giovani afroamericani nati e cresciuti ad Harlem sembrano non avere altra scelta che la via della delinquenza e l'associazione in bande criminali per sopravvivere alla disoccupazione, all'emarginazione e all'indigenza.

Attraversando situazioni difficilmente sopportabili come la brutalità delle forze di polizia, le molestie in famiglia e la violenza delle strade, i quattro protagonisti capiranno a loro spese il prezzo da pagare per la vita che si sono scelti.

Secondo Tupac Shakur, il film sarebbe un esempio di ciò che succede nella crescita di un ragazzo abbandonato a se stesso che non viene seguito, riferendosi in particolare al suo personaggio ma anche agli altri protagonisti. [1]

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Le locandine promozionali usate per pubblicizzare il film nelle città americane provocarono un certo disagio a causa del fatto che Shakur impugnasse una pistola. Nonostante questo fosse per rappresentare il personaggio da Shakur interpretato, si polemizzò circa il fatto che tutto ciò, compreso l'intero film, potesse portare a una qualche sorta di recrudescenza di violenza nelle periferie. In relazione a ciò, il film ottenne un visto censura "R" (vietato ai minori) e la Paramount Pictures, dopo un po' di titubanze, decise di togliere la pistola impugnata dal rapper nelle copertine pubblicate per le edizioni casalinghe del film chiudendo la controversia. [2]

Remake[modifica | modifica sorgente]

Per il 2011 è prevista l'uscita di un remake, con i rapper Soulja Boy, nel ruolo di Bishop, e Cam'Ron, da definire, confermati nel cast artistico. Le riprese iniziano il 28 aprile ad Atlanta (Georgia).[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Intervista a 2pac (1991). West Coasta Nostra,
  2. ^ http://www.amoeba.com/blog/2007/10/jamoeblog/airbrushing-out-controversy.html, Airbrushing Out Controversy
  3. ^ Soulja Boy Talks Taking On Tupac’s Role In “Juice” Remake | Hip-Hop Wired

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema