Juglandaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Juglandaceae
Juglans regia Broadview.jpg
Juglans regia L.
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fagales
Famiglia Juglandaceae
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiospermae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eurosids I
Ordine Fagales
Generi

Le Juglandaceae sono una famiglia di piante legnose (alberi e grandi arbusti), che prende il nome dal suo rappresentante più conosciuto, il noce (genere Juglans).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le specie sono monoiche: i fiori unisessuali sono riuniti in infiorescenze, anch'esse unisessuali, portate dal medesimo individuo. I fiori maschili portano numerosi stami, resti di un ovario non funzionale, e un perigonio poco visibile. I fiori femminili hanno ovario infero formato da due carpelli, un perigonio di 4 tepali circondato da diverse brattee che possono andare a costituire parte del mallo. Le infiorescenze maschili sono amenti penduli portati dai rami dell'anno precedente, quelle femminili sono costituiti da pochi fiori (2-4) portati sui rami dell'anno.

Le foglie sono composte pennate e senza stipole a fillotassi alterna.

Il frutto è una drupa ed il seme è provvisto di 2 grossi cotiledoni ricchi di sostanze oleaginose.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Le Juglandaceae fanno parte dell'ordine delle Fagales, a sua volta appartenente alle Dicotiledoni e quindi alle Angiosperme.

Normalmente vengono inclusi in questa famiglia cinque generi:

  • Juglans L.: il noce e altre specie affini;
  • Carya Nutt.: genere diffuso quasi esclusivamente in Nordamerica, con numerose specie divise nei due gruppi chiamati localmente Hickory e Pecan;
  • Platycarya Sieb.&Zucc.: comprende poche (o una sola) specie di alberi della Cina;
  • Pterocarya Kunth: alberi asiatici;
  • Engelhardtia Lesch. ex Blume: arbusti e piccoli alberi asiatici.

APG aggiunge:

Più problematico lo status di altri generi:

  • Annamocarya A.Chev. (1941) (assorbito generalmente in Carya)
  • Juglandicarya Reid &Chandl. (1933) (genere fossile nel quale alcuni studiosi iscrivono una specie, che altri attribuiscono a Juglans o Carya)
  • Rhamphocarya Kuang (1941) (assorbito generalmente in Carya)
  • Wallia Alef. (1861) (assorbito generalmente in Juglans)

Generi come Fortunaea, Hicoria, Hicorius, Nux, Pterilema e Scoria, proposti nel Settecento o nella prima metà dell'Ottocento, si possono considerare ormai totalmente assorbiti da altri generi.

Per APG la famiglia dev'essere divisa in due sottofamiglie, Engelhardtioideae e Juglandoideae.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Le Juglandaceae sono distribuite nelle zone temperate dell'Emisfero boreale principalmente in Asia e in America, sia Settentrionale che Meridionale; sono anche presenti in alcuni porzioni orientali dell'Europa, continente in cui erano assai più diffuse prima delle glaciazioni.

Importanza colturale[modifica | modifica sorgente]

Alcune specie vengono coltivate in quasi tutto il mondo. Quasi tutte le Juglandaceae producono frutti con semi commestibili. In Italia sono conosciuti e commercializzati quasi esclusivamente i semi del frutto del noce bianco (Juglans regia L.), le comuni noci. In altri paesi, però, sono apprezzati anche i frutti di altre specie come ad esempio il pecan frutto di Carya.

Il legno di molte Juglandaceae - sia pure con differenti gradi di qualità - è ampiamente utilizzato per mobili e altri prodotti di falegnameria.

Alcune specie sono considerate di pregio ornamentale, particolarmente il noce nero (Juglans nigra L.), non raro nei nostri parchi e giardini.

Infine, alcune specie hanno applicazioni secondarie per la produzione di liquori e in erboristeria.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Juglandaceae [1] in L. Watson and M.J. Dallwitz (1992 onwards). The families of flowering plants
botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica