Juan de Salcedo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Juan de Salcedo (Messico, 1549Vigan, 11 marzo 1576) è stato un esploratore e conquistador spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Miguel López de Legazpi e fratello di Felipe de Salcedo, nacque in Messico nel 1549 e fu uno del soldati che parteciparono alla colonizzazione spagnola delle Filippine nel 1565. Si unì all'esercito spagnolo nel 1564 durante l'esplorazione delle Indie Orientali e del Pacifico, all'età di 15 anni. Nel 1569 guidò con Martín de Goiti un gruppo di 300 soldati verso la conquista di Manila e in quella campagna militare si trovarono a combattere spesso i capi musulmani nel 1570 e nel 1571.

Nel 1571 Salcedo esplorò le regioni settentrionali delle Filippine assieme ad 80 soldati, soprattutto nella zona di Ilocos Sur e Luzon, fondando numerose città spagnole. Nel 1574 Salcedo si trasferì a Manila, dopo lo scoppio di una guerra in cui 3000 pirati del mar Cinese, guidati da Limahong, avevano assediato gli insediamenti spagnoli. Salcedo ed i 600 uomini che guidava rioccuparono i villaggi, inseguendo la flotta cinese fino in Pangasinan nel 1575. Qui gli spagnoli assediarono i pirati per tre mesi, uccidendone i capi.

In seguito Salcedo tornò a Vigan, dove morì in casa sua di febbre all'età di 27 anni. Il suo corpo fu sepolto nella Chiesa di San Agustin ad Intramuros dove già riposava lo zio de Legazpi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio de Morga, The Project Gutenberg Edition Book : History of the Philippine Islands - 1521 to the beginning of the XVII century, 2004, Volume 1 e 2
  • Don Miguel López de Legazpi,Cartas al Rey Don Felipe II : sobre la expedicion, conquistas y progresos de las islas Felipinas, 1564-1572, Siviglia