Juan Sánchez Cotán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natura morta, Madrid, Museo del Prado

Juan Sánchez Cotán (Orgaz, 25 giugno 1560Granada, 8 settembre 1627) è stato un pittore spagnolo, tra i massimi esponenti del genere del bodegòn.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua formazione artistica avvenne a Toledo e nel 1603 abbracciò la vita religiosa presso i certosini del monastero di Santa Maria de El Paular, vicino a Madrid.

Soggetto della quasi totalità delle sue opere sono pochi frutti e verdure all'interno di una cornice: una presenza ricorrente è quella del cardo, forse per le sue valenze simboliche. I suoi dipinti sono conservati nella cattedrale di Siviglia e nel palazzo arcivescovile di Granada.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Ritratto di Brígida del Río, la barbuta di Peñaranda, 1590 circa, olio su tela, Madrid, Museo del Prado.
  • La Vergine che sveglia il Bambino, inizio 1600, olio su tela, Granada, Museo de Bellas Artes.
  • Natura morta con cotogno, cavolo, melone e cocomero, 1600 circa, olio su tela, 69 x 85 cm, San Diego, Timken Museum of Art.
  • Natura morta, 1600 circa, olio su tela, Madrid, Collezione Hernani.
  • Natura morta con verdura e frutta, 1602, olio su tela, 68 x 69 cm, Madrid, Museo del Prado.
  • Natura morta con ortaggi, frutta e selvaggina, 1602 circa, olio su tela, 67 x 88 cm, Chicago, The Art Institute.
  • Natura morta con cardo e carote, 1603-1627, olio su tela, Granada, Museo de Bellas Artes.
  • San Giuseppe guida Gesù Bambino, 1612 circa, olio su tela, 221 x 156 cm, Durham, Bowes Museum.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

AA.VV., La pittura barocca: due secoli di meraviglie alle soglie della pittura moderna, Electa, Milano 1999, pp. 50-51 ISBN 88-435-6761-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 79174020 LCCN: n94040882