Jozef IJsewijn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jozef AMK IJsewijn

Jozef AMK IJsewijn (Zwijndrecht, 30 dicembre 1932Lovanio, 27 novembre 1998) è stato un latinista e filologo belga studioso della letteratura neo-latina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Belga di lingua fiamminga, studiò filologia classica alla Katholieke Universiteit Leuven, dove divenne professore nel 1967. Fu un'autorità nel campo della letteratura neo-latina, ossia gli scritti in lingua latina composti dall'inizio del XV secolo in poi. Per lo studio della letteratura neo-latina, fondò a Lovanio il Seminarium Philologiae Humanisticae e la rivista Humanistica Lovaniensia, che diresse fino alla sua morte. Nel 1980 fu insignito del Prix Francqui per le scienze umanistiche, il più prestigioso premio belga.

Scritti (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • De sacerdotibus sacerdotiisque Alexandri Magni et Lagidarum eponymis, Bruxelles, 1961; Milano: Cisalpino-Goliardica, 1971
  • Verhandelingen van de Koninklijke Vlaamse Academie voor Wetenschappen, Letteren en Schone Kunste van België, Klasse der Letteren, 42, 1961
  • Companion to Neo-Latin Studies, Leuven : University Press ; Peeters Press; Amsterdam-New York-Oxford: North-Holland Publishing Company, 1977 (2 voll: Comprende: Vol. I: History and diffusion of neo-latin literature; Vol. II, in collaborazione con Dirk Sacré: Literary, linguistic, philological and editorial questions)
  • History and diffusion of neo-latin literature, Leuven: University press; Peeters press, 1990, ISBN 906186366X

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dirk Sacré e Gilbert Tournoy (a cura di), «Myricae. Essays on Neo-Latin Literature in Memory of Jozef IJsewijn», Supplementa Humanistica Lovaniensia Vol. XVI, 2000 (Google libri)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 89793842 LCCN: n79005664