Journal des débats

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Journal des débats
Logo di Journal des débats
Stato Francia Francia
Lingua francese
Periodicità quotidiano
Genere giornale d'opinione
Fondazione 1789
Sede Parigi
Tiratura 13.000 (1830)
Direttore Louis-François Bertin
 

Il Journal des débats è stato un quotidiano francese stampato dal 1789 al 1944, periodo durante il quale cambiò nome più volte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondato poco dopo le prime riunioni degli Stati Generali del 1789 da Gaultier de Biauzat, riportava le trascrizioni dei dibattiti dell'Assemblée nationale, e portava il titolo di Journal des débats et des décrets. Il 29 agosto 1789 fu acquisito da Baudoin; Louis-François Bertin e il fratello minore, anch'egli giornalista, l'acquistarono nel 1799.

Sotto forma di settimanale, più che di quotidiano, fu diretto per circa quarant'anni da Louis-François Bertin e rimase proprietà di famiglia per lungo tempo. Sotto il Primo Impero, il giornale era critico nei confronti di Napoleone Bonaparte, e l'Imperatore impose un nuovo nome, Journal de l'Empire (dal 1805 al 1814). Alla Prima Restaurazione il giornale prese il titolo di Journal des débats politiques et littéraires (1814 - 1864).

Con la Seconda Restaurazione, il Journal des débats era uno dei giornali conservatori, ma non era reazionario. Di fronte all'atteggiamento ultra-realista di Carlo X il giornale si spostò, negli anni 1827-1829, verso l'opposizione liberale. Pur non risparmiando critiche a Carlo X e al governo Polignac, il giornale non poteva tuttavia entrare in aperta opposizione al regime come invece fece Le National.

Con la Restaurazione e la Monarchia di Luglio il Journal des débats rimase il foglio più diffuso, dopo Le Constitutionnel: nel 1830 tirava 13.000 copie. Lasciò presto spazio nelle vendite a La Presse di Émile de Girardin, poi a Le Petit Journal.

Continuò ad apparire sino alla Seconda guerra mondiale e all'occupazione tedesca. Alla Liberazione (1944) fu chiuso.

Direttori[modifica | modifica sorgente]

Collaboratori celebri[modifica | modifica sorgente]

Ordinati alfabeticamente, con le date del periodo di collaborazione, si ricordano:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alfred François Nettement, Histoire politique, anecdotique et littéraire du « Journal des débats », Dentu, Parigi, 1842
  • Le Livre du centenaire du Journal des débats, Plon, Parigi, 1889
  • André-Jean Tudesq, Le Journal des débats au temps de Guizot, Politique, aprile-giugno 1959
  • Ruth Jakoby, Das Feuilleton des Journal des débats von 1814 bis 1830: ein Beitrag zur Literaturdiskussion der Restauration, G. Narr, Tübingen, 1988. ISBN 3-87808-786-1

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]