Joseph Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Schmidt
Nazionalità Austria-Ungheria Austria-Ungheria
Genere Opera lirica
Periodo di attività 1904-1942

Joseph Schmidt (Dawideny , Bucovina, 4 marzo 1904campo d'internamento Girenbad sopra Hinwil, cantone Zurigo, 16 novembre 1942) è stato un tenore austro-ungarico.

Francobollo per il 100º anniversario della nascita del tenore Joseph Schmidt (poste tedesche 2004)

Figlio di genitori ebrei ortodossi di lingua tedesca, crebbe a Dawideny e Czernowitz. (La sua patria, la Bucowina, allora apparteneva alla monarchia austro-ungherese e fu ceduta alla Romania dopo la fine della Prima Guerra Mondiale; nel 1940 una parte venne ceduta all'Unione Sovietica - i luoghi sopraccitati oggi si trovano nella Ucraina.) Già da bambino Joseph Schmidt cantò come cantore nella sinagoga.

Iniziò gli studi nel 1924 alla Scuola di Musica Reale a Berlino dal professor Weißenborn. Schmidt, tenore di fama mondiale, incise numerosi dischi e cantò tra il 1929 ed il 1933 alla stazione radio di Berlino in 38 trasmissioni liriche come tenore. Le sue trasmissioni radio contribuirono ad accrescere la popolarità della radio tedesca e a renderlo celebre come tenore. La sua piccola statura – soltanto 1,53 metri – gli precluse una grande carriera sul palco. Dal gennaio 1939 poté però interpretare Rodolfo ne La Bohème al teatro lirico di Bruxelles, cui seguì una tournée con tappe a Liegi, Gent, Anversa, Brügge, Courtraus, Ostende e Verviers. Nel giro di un anno interpretò questo ruolo 24 volte sul palco.

Dopo la prima del suo film Ein Lied geht um die Welt (titolo inglese: My Song Goes Round the World), il 9 maggio 1933 dovette fuggire dalle persecuzioni naziste, prima a Vienna, quindi nel 1938 negli Stati del Benelux e in seguito in Francia. Quale ebreo tedesco venne internato nella Francia del Sud. Dopo alcuni tentativi falliti, riuscì a scappare in Svizzera nel settembre 1942. Stremato a causa dalla fuga, Schmidt crollò in strada a Zurigo, dove venne riconosciuto e, come profugo illegale (nel 1942 era stata emessa una legge secondo la quale "gli ebrei in Svizzera non sono rifugiati politici"), portato nel campo d'internamento a Girenaad. Dopo poco tempo venne ricoverato nell'ospedale cantonale di Zurigo a causa di una infiammazione alla gola, che venne curata. Gli venne però rifiutata una visita medica per i forti dolori che egli accusava nella regione cardiaca. Dichiarato ufficialmente guarito, Schmidt venne dimesso dall'ospedale cantonale il 14 novembre 1942, dovendo così tornare nel campo d'internamento a Girenbad. Soltanto due giorni dopo il famoso tenore morì di sincope cardiaca in un ristorante a Waldegg vicino al campo d'internamento. Una lapide posta al di fuori del ristorante ricorda oggi il tenore.

Soltanto un giorno dopo la sua morte venne firmato il permesso di lavoro per Schmidt, che ne avrebbe permesso la liberazione.

È sepolto nel cimitero ebreo Unterer Friesenberg a Zurigo.

Nel 1958 è stato girato un film sulla vita del tenore (La storia di Joseph Schmidt). Il ruolo principale fu interpretato da Hans Reiser.

Per il 100º anniversario della nascita del tenore nel 2004, gli è stata intitolata la scuola di musica nel quartiere Adlershof a Berlino e le poste tedesche hanno emesso l'11 marzo 2004 un francobollo del valore di 55 cent.

Il 22 gennaio 2008 l'asteroide (168321) è stato denominato Josephschmidt.

Altri film[modifica | modifica wikitesto]

  • Der Liebesexpreß (Eight Days of Happiness, titolo inglese; girato in Germania, 1931)
  • Goethe lebt...! (È ancora vivo Goethe...!, trad.; girato in Germania 1932)
  • Ein Lied geht um die Welt (My Song Goes 'Round The World, titolo inglese; girato in Germania 1933)
  • Wenn du jung bist gehört Dir die Welt (Quando sei giovane possiedi il mondo, trad.; girato in Austria, 1934)
  • Ein Stern fällt vom Himmel (Una stella cade dal cielo, trad.; Austria, 1934)
  • Heut ist der schönste Tag in meinem Leben (Oggi è il giorno più bello della mia vita, trad.; Austria, 1936).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 69121588 LCCN: n82003141

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie