Joseph Franklin Rutherford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Franklin Rutherford

Joseph Franklin Rutherford, meglio conosciuto come "il giudice Rutherford" (Morgan, 8 novembre 1869San Diego, 8 gennaio 1942), è stato un predicatore statunitense. Fu il secondo presidente della Watchtower Society, l'ente legale usato dagli Studenti Biblici e successivamente dai Testimoni di Geova.

Durante la presidenza di Rutherford (1916-1942) gli Studenti Biblici sperimentarono diversi scismi al loro interno, dovuti ad alcuni che, nell’ambito dell’organizzazione, non condividevano la sua nomina quale successore del fondatore al vertice del movimento, Charles Taze Russell. Coloro che rimasero legati alla Watchtower Society adottarono nel 1931 il nome di Testimoni di Geova.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rutherford nacque in una famiglia battista nel Missouri l’8 novembre 1869. All’età di 16 anni il padre, gli consentì di frequentare l’università a patto però che pagasse da se stesso gli studi e anche un operaio che svolgesse nel frattempo il suo lavoro nella fattoria di famiglia. Joseph, che era un giovane risoluto ed intraprendente accettò. Dopo aver completato gli studi accademici, e un periodo di due anni come assistente del giudice E. L. Edwards, all’età di 22 anni cominciò ad esercitare la professione di avvocato. In seguito prestò servizio per quattro anni come pubblico ministero a Boonville nel Missouri. Successivamente divenne giudice speciale, incarico per il quale in seguito divenne noto come il “giudice” Rutherford.

Gli studenti biblici[modifica | modifica wikitesto]

I primi contatti con il movimento degli studenti biblici Ruherford li ebbe nel 1894, quando acquistò la serie di tre volumi intitolati L'Aurora del Millennio scritti da Charles Taze Russell e iniziò a frequentare le riunioni degli studenti biblici insieme a sua moglie. Nel 1906 si battezzò divenendo a tutti gli effetti un membro degli studenti biblici e l’anno successivo divenne consulente legale della Watchtower Society.

Il 31 ottobre 1916 il fondatore del movimento, Russell, morì durante un giro di predicazione nel Texas e Rutherford gli succedette il 6 gennaio 1917, quando il consiglio direttivo della Watchtower Society lo nominò presidente.

La presidenza del movimento[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo iniziale della presidenza di Rutherford fu alquanto turbolento per l’organizzazione degli studenti biblici. Non tutti infatti erano d’accordo con la scelta fatta dal consiglio direttivo di nominarlo quale successore di Russell. Questo perché il suo carattere era molto diverso da quello del suo predecessore. Russell era conosciuto come un uomo mite e gentile mentre il temperamento di Rutherford era completamente l’opposto: deciso e risoluto anche a costo di essere impopolare nelle scelte che faceva. Era alto 1 metro e 88 centimetri e pesava 102 chili caratteristiche che gli conferivano un aspetto imponente e che incuteva timore.

Ben presto alcuni che erano rimasti legati al modo di fare di Russell cominciarono a non vederlo di buon occhio. Gli attriti si inasprirono soprattutto quando Rutherford diede il via ad una maggiore spinta nell’opera di evangelizzazione del movimento a partire dal 1919. Fu disposto infatti che tutti gli studenti biblici dovessero partecipare all’opera di diffusione del messaggio evangelico di porta in porta, attività che fino a quel momento era stata compiuta per lo più da pochi “colportori” cioè ministri a tempo pieno. Si scatenò quindi un’ondata scismatica con a capo alcuni preminenti studenti biblici non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa, che diede vita a gruppi di studenti biblici, alcuni dei quali continuano ancor oggi le loro attività.

Rutherford tuttavia riuscì a resistere a questi tentativi di destabilizzazione del suo incarico e mise in atto ulteriori cambiamenti rispetto al passato. Diversi punti dottrinali vennero rivisti come ad esempio l’abbandono della celebrazione della festa del Natale, dei compleanni e l’affermazione che Gesù Cristo non morì su una croce ma su un palo diritto. Anche il distintivo di una croce e una corona che gli studenti biblici portavano, e che appariva sulle loro pubblicazioni, venne abbandonato.

Persecuzione governativa[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua vita Charles Taze Russell aveva scritto sei volumi degli Studi sulle Scritture ed aveva in mente di pubblicare l’ultimo, un commentario sulle profezie dell’Apocalisse, ma non fu in grado di farlo perché morì prima. Rutherford dispose che alcuni suoi collaboratori portassero a termine quel lavoro, così che nell’estate del 1917 fu pubblicato con il nome de Il mistero compiuto.

Il libro conteneva duri attacchi al clero delle chiese che si adirarono e fecero pressione sui governi degli Stati Uniti e del Canada perché proscrivessero l’opera degli studenti biblici e mettessero al bando il libro. L’operazione riuscì perché prima in Canada e poi negli Stati Uniti la vendita del libro venne vietata. Gli studenti biblici risposero pubblicando un volantino in cui esecravano l’operato dei suddetti governi e li accusavano di una politica repressiva da “medioevo”. Il volantino non usava mezzi termini nell’additare il clero, descritto come “una classe di bigotti che hanno cercato sistematicamente di impedire alla gente di capire la Bibbia e di sopprimere ogni insegnamento biblico a meno che non venisse da loro”. A questo seguirono altri due volantini dallo stesso tenore. La reazione degli ecclesiastici a questi ulteriori attacchi fu furiosa. L’opposizione raggiunse il culmine il 7 maggio del 1918, quando fu emesso dal governo federale il mandato di arresto contro J. F. Rutherford e alcuni stretti collaboratori. Verso la metà del 1918 Rutherford e sette suoi collaboratori si trovavano nel penitenziario federale di Atlanta (Georgia).

Il primo capo d'accusa, che riguardava il maggior numero di accusati, includeva capi di imputazione: cospirazione in violazione della legge contro lo spionaggio del 15 giugno 1917 e di cercare di attuare i loro piani illeciti o di attuarli effettivamente. Si dichiarava che stavano cospirando per causare insubordinazione e rifiuto del servizio militare nell’esercito degli Stati Uniti e per ostacolare il reclutamento e l’arruolamento di uomini per tale servizio mentre la nazione era in guerra, e anche che avevano tentato di fare o avevano effettivamente fatto entrambe le cose. L’atto di accusa menzionava in particolare la pubblicazione e la distribuzione del libro The Finished Mystery. Il secondo atto di accusa interpretava l’invio di un assegno in Europa (da usare per l’opera di istruzione biblica in Germania) come un’azione contraria agli interessi degli Stati Uniti.

Il 20 giugno 1918 Joseph F. Rutherford e sei altri furono dichiarati colpevoli di aver violato la Legge sullo Spionaggio, e perciò vennero condannati a 20 anni nel penitenziario di Atlanta dalla sentenza del giudice Howe.

Gli otto membri del consiglio direttivo della Watchtower Society condannati nel 1918. Da sinistra: W. E. Van Amburgh, J. F. Rutherford, A. H. Macmillan, R. J. Martin, F. H. Robinson, C. J. Woodworth, G. H. Fisher, G. De Cecca

La pressione del clero insieme alla censura del governo fecero arrestare il 7 maggio 1918, J. F. Rutherford, presidente della Watch Tower Bible and Tract Society, e dei suoi più stretti collaboratori. Alcuni giornali però si mobilitarono in difesa di Rutherford e degli altri dirigenti del movimento e chiesero a gran voce al governo la loro liberazione. Nel marzo del 1919 gli studenti biblici raccolsero 700.000 firme in una petizione indirizzata al presidente statunitense Woodrow Wilson affinché usasse la sua influenza per ottenere la scarcerazione dei dirigenti della Watchtower Society e la loro assoluzione.

Il risultato fu che il 25 marzo Rutherford e gli altri responsabili del movimento furono scarcerati e successivamente scagionati definitivamente dalle accuse. Comunque la Corte d’Appello della Seconda Circoscrizione Federale della città di New York, del 14 maggio 1919 annullò la sentenza con la seguente motivazione: “In questa causa gli imputati non ebbero un processo moderato e imparziale a cui avevano diritto, e per questa ragione il giudizio è revocato”. Il 5 maggio 1920, in pubblica udienza a Brooklyn l’avvocato del governo annunciò il ritiro della querela.

Attività successiva[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la scarcerazione l’attività di Rutherford divenne sempre più incalzante. Indisse grandi assemblee e pubblicò articoli sul periodico Watchtower (La Torre di Guardia) dove propose nuove interpretazioni delle profezie bibliche. Un notevole cambiamento molto sentito ancora oggi dai componenti del movimento religioso fu l’adozione nel 1931 del nome “Testimoni di Geova” tratto dal passo biblico di Isaia 43:10-12.

Gli studiosi del movimento dei Testimoni di Geova sono concordi nel riconoscere che nel periodo della sua presidenza, Rutherford gettò le basi per l’assestamento dottrinale di questo gruppo religioso, percorso che fu poi portato avanti dai successivi presidenti della Watchtower Society. A motivo dell'ingiusta incarcerazione del 1918 e 1919 Rutheford ebbe problemi medici in quanto come risultato di una grossa polmonite gli rimase un solo polmone buono.

Da quel momento gli fu impossibile rimanere a New York d'inverno in quanto il clima era troppo rigido. Dopo che il medico gli consigliò di passare l'inverno a San Diego, dove il clima è mite, Rutherford si stabilì regolarmente d'inverno li. A suo tempo, qualcuno fece un’offerta con il preciso scopo di costruire a San Diego la residenza di Beth Sarim, presso San Diego, per accogliere i principi e i patriarchi dell'Antico Testamento quando fossero tornati sulla terra, secondo Rutheford. L’atto, pubblicato per intero nel “Golden Age” del 19 marzo 1930, trasferiva la proprietà a J. F. Rutherford e in seguito alla Watch Tower Society.[1]

Ultimi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

All’età di circa 70 anni Rutherford dovette sottoporsi a diversi trattamenti medici a causa di un tumore al colon. Nel 1941 subì una difficile operazione della quale era incerto l’esito. Rutherford sopravvisse, ma divenne subito chiaro che non si sarebbe ripreso. Per cui fu trasferito in una villa a San Diego in California dove morì l’8 gennaio 1942 all’età di 72 anni. Alla presidenza della Watchtower Society gli succedette il vicepresidente Nathan Homer Knorr.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Testimoni di Geova, proclamatori del regno di Dio, edito dai Testimoni di Geova, p. 76

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Testimoni di Geova - Proclamatori del Regno di Dio, Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, Roma, 1993
  • Massimo Introvigne, I Testimoni di Geova già e non ancora, Leumann, Edizioni Elledici, 2002, ISBN 88-01-02375-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 95206017 LCCN: n88058968

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie