Joseph Blatter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Blatter" rimanda qui. Se stai cercando l'hockeista su ghiaccio, vedi Florian Blatter.
Joseph Blatter
Sepp Blatter (2009).jpg

Presidente della Fédération Internationale de Football Association
In carica
Inizio mandato 8 giugno 1998
Predecessore João Havelange

Dati generali
Alma mater Università di Losanna

Joseph BenjaminSepp Blatter (Visp, 10 marzo 1936) è un dirigente sportivo svizzero.

Blatter annuncia il Brasile come Paese ospitante dei Mondiali nel 2014

È l'attuale presidente della FIFA, la massima organizzazione calcistica mondiale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato in Svizzera prima di ottenere una laurea all'HEC Lausanne, la scuola di business affiliata all'Università di Losanna.

Ha fatto parte del Comitato Organizzatore delle Olimpiadi estive 1972 e delle Olimpiadi estive 1976.

Entrato nella FIFA nel 1977, è stato il direttore tecnico fino al 1981 e successivamente venne eletto segretario, carica che ha ricoperto fino al 1998, anno della sua elezione alla presidenza come successore del brasiliano João Havelange. È stato rieletto per la quarta volta il 1º giugno 2011.

Dal 1999 è membro del CIO.

Nel 2006 gli è stata consegnata la tessera di socio onorario del Real Madrid.[1]

Segretariato della FIFA[modifica | modifica sorgente]

Sotto la sua spinta quale segretario della FIFA, e con il contributo fra gli altri anche dell'arbitro italiano Paolo Casarin, furono modificate alcuni aspetti delle regole del gioco del calcio e delle manifestazioni internazionali. Fra le più importanti:

  • L'abolizione della possibilità, da parte del portiere, di prendere la palla con le mani su retropassaggio dei suoi compagni di squadra a partire dal 1º luglio 1992.
  • L'introduzione dei tre punti-vittoria a partire dal Campionato mondiale di calcio 1994.

Entrambe le decisioni avevano lo scopo di rendere più offensivo l'atteggiamento delle squadre, visto che queste ultime con le regole precedenti tendevano a chiudersi in difesa e accontentarsi del pareggio (queste proposte vennero formulate dopo il Campionato mondiale di calcio 1990, in cui si notò che l'Egitto applicava sistematicamente il retropassaggio al portiere e puntava tutto sul pareggio).

Tra le decisioni prese durante la sua presidenza:

  • La non qualificazione automatica per la successiva competizione mondiale della compagine campione del mondo, che ora deve invece qualificarsi come ogni altra nazionale (questa regola è entrata in vigore a partire dal Campionato mondiale di calcio 2006).
  • L'inasprimento delle pene per atti ritenuti immorali durante lo svolgimento stesso del gioco, come la simulazione, il "fallo da dietro" o il togliersi la maglietta dopo un gol.

Lo si ricorda anche per l'ostilità nei confronti della tecnologia in campo a sussidio degli arbitri (moviola in campo) durante le partite, che di fatto ne ha impedito fino ad ora qualunque tipo di diffusione.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Joseph Blatter (al centro) insieme all'ex presidente brasiliano Lula e al presidente della federcalcio brasiliana (CBF) Ricardo Terra Teixeira

L'elezione del 1998 di Sepp Blatter alla presidenza della FIFA sul presidente della UEFA Lennart Johansson è avvenuta tra molte polemiche[2]. Nel 2002 la candidatura di Blatter alla presidenza della Fifa è stata caratterizzata da voci di irregolarità finanziarie e brogli[3] e si è conclusa con esplicite accuse di corruzione da parte del vice-presidente della Confederazione Africana del Calcio e presidente della Federcalcio somala, Farra Ado, che sosteneva di aver ricevuto un’offerta di 100.000 dollari per votare per Blatter nel 1998.[4]. Accuse anche da parte di Jack Warner, ex vicepresidente della Fifa ed ex segretario della Concacaf che dichiara di aver appoggiato l'elezione di Blatter in cambio dei diritti televisivi dei mondiali di Francia nel 1998 al prezzo di 1 dollaro. [5] Tra gli altri episodi che lo hanno visto al centro di polemiche, per la riconosciuta sua antiItalianità che contraddistingue Blatter,c'è stata l'assenza alle premiazioni del Campionato mondiale di calcio 2006, sia al termine della Finale 3º e 4º posto, disputata a Stoccarda l'8 luglio 2006, che al termine della Finale 1º e 2º posto tenutasi a Berlino il 9 luglio 2006. Per giustificare queste decisioni spiegò, in un primo momento, che aveva deciso di fare premiare le squadre semifinaliste ai dirigenti UEFA in quanto entrambe erano Nazionali europee; successivamente disse che aveva deciso così perché il giorno dell'inaugurazione del torneo (9 giugno a Monaco) tutto lo stadio l'aveva fischiato e insultato. Successivamente c'è stata una dichiarazione fatta il 30 ottobre 2006 sui mondiali di calcio 2006, nella quale affermava che l'Italia non meritava la vittoria ai mondiali, visto che, a suo giudizio, si era qualificata solo grazie ad un rigore regalatole contro l'Australia.[6]non dimenticando quando all'inizio dei mondiali del 2010 impose che la coppa venisse consegnata da un giocatore francese, sconfitto in finale invece che da uno italiano, Evidentemente NON GLI PIACE L'iTALIA

Il 18 novembre 2011, con un'altra delle sue irriverenti dichiarazioni, si è pronunciato circa il tema del razzismo sui campi da gioco, definendolo come una sciocchezza. A seguito dell'indignazione del mondo del calcio, che ne chiedeva a gran voce le dimissioni, Blatter ha chiesto scusa per i suoi commenti, proferendo di essere stato frainteso e confermando la sua volontà a non dimettersi.

Il 18 giugno 2013, commentando le proteste in corso in Brasile contro i costi della Confederations Cup in corso e dei mondiali in preparazione, Blatter ha minimizzato le manifestazioni in atto affermando che "il calcio è più importante dell'insoddisfazione delle persone", aggiungendo poi che "i manifestanti stanno usando la piattaforma del calcio e la presenza della stampa internazionale per ampliare la protesta".[7]

Il 12 giugno 2014, a seguito della realizzazione del rigore, che portò il Brasile in vantaggio per 2-1 sulla Croazia, Blatter fu sorpreso, in diretta televisiva, ad esultare. Lo stesso rigore fu causa di altre controversie, in quanto, nonostante l'opinione pubblica mondiale lo ritenesse un'invenzione dell'arbitro Yuichi Nishimura, Blatter difese quest'ultimo, alimentando ulteriori polemiche e malcontenti. [8]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 2008
Medaglia al Merito per lo Sport (Bolivia) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al Merito per lo Sport (Bolivia)
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 2004
Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 2006
Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sol Levante (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine del Sol Levante (Giappone)
— 2009
immagine del nastrino non ancora presente Commendatore dell'Ordine Nazionale del 27 Giugno (Gibuti)
— 2005
Gran Cordone dell'Ordine dell'Indipendenza (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine dell'Indipendenza (Giordania)
Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea)
Ordine dell'Amicizia di II Classe (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia di II Classe (Kazakistan)
— 12 dicembre 2005
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco)
Membro di I Classe dell'Ordine del Trono (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine del Trono (Marocco)
— 2004
Ordine della Stella Polare (Mongolia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella Polare (Mongolia)
Ufficiale dell'Ordine di Riconoscimento (Repubblica Centrafricana) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di Riconoscimento (Repubblica Centrafricana)
— 2005
Commendatore dell'Ordine del Leone (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine del Leone (Senegal)
Ufficiale dell'Ordine della Stella del Sudafrica (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Stella del Sudafrica (Sudafrica)
— 1998[9][10]
Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dei Compagni di O.R. Tambo in Oro (Sudafrica)
«Per il suo eccezionale contributo al calcio e per il supporto alla Coppa del Mondo FIFA nel continente africano.»
— aprile 2010[11]
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Repubblica (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Repubblica (Tunisia)
Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di V Classe (Ucraina)
— 2007
Ordine al Merito di I Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al Merito di I Classe (Ucraina)
Ordine dell'Amicizia (Uzbekistan) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia (Uzbekistan)
Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Francisco de Miranda (Venezuela)
— 2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Blatter attacca l'Italia del calcio: «Troppi politici e vivai poveri» archiviostorico.corriere.it
  2. ^ Campbell, Denis; Kuper, Simon (21 March 1999). $ "1m 'fixed' the FIFA poll, author claims". The Observer (Guardian Media Group).
  3. ^ FIFA president Blatter accused of corruption, The Irish Times citing Reuters, 04–05–02.
  4. ^ Bribery allegation over FIFA poll. CNN. 28 February 2002.
  5. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/31/nuove-accuse-blatter-diritti-televisivi-gratis-come-regalo-lappoggio-elettorale/180816/
  6. ^ Il punto CONGIURA CONTRO L'ITALIA
  7. ^ Brasile, nuove manifestazioni contro i Mondiali di calcio 2014 - Repubblica.it
  8. ^ http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.12589/blatter-rigore-su-fred-larbitro-ha-fatto-bene-il-brasiliano-e-stato-trattenuto.html
  9. ^ About Government - National Orders
  10. ^ National Orders and Awards. URL consultato il 2012-05-15.
  11. ^ About Government - National Orders April 2010

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 45492410 LCCN: nb2007006905