Josep Acebillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Josep Acebillo

Josep Acebillo (Huesca, 1946) è un architetto spagnolo.

Si è laureato in architettura presso l'Università politecnica della Catalogna (ETSAB-1974).

Professore in carica presso l'Accademia di Architettura di Mendrisio, Università della Svizzera italiana.

Partner principale dello studio di architettura Architectural Systems office.[senza fonte]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dal 1975 al 1981 avvia la sua esperienza in architettura lavorando indipendentemente e collaborando con Oriol Bohigas, MBM studio (Martorell, Bohigas and MacKay). Durante questo periodo vince due concorsi di urbanistica e altrettanti di architettura. Dal 1981 al 1987 diventa direttore dei progetti urbani per la città di Barcellona, posizione che lo vede coinvolto nella progettazione e direzione di interventi infrastrutturali, monumenti e progetti urbani promossi dalla città. Dal 1988 al 1994 Acebillo è direttore dell'Istituto per lo sviluppo urbano di Barcellona (Olympic Holding), incaricato di guidare i progetti e realizzare le principali infrastrutture in occasione dei Giochi della XXV Olimpiade, tenutisi proprio a Barcellona.

Nel 1992 gli viene conferita la "Honorific Medal" dalla città di Barcellona per il suo contributo alla trasformazione urbana. L'università Harvard "Harvard Graduate School of Design"), gli conferisce nel 1990 il "Prince of Wales Prize for urban design" in relazione alla qualità degli spazi urbani progettati e realizzati sotto la sua direzione. Dal 1994 al 2011 è stato CEO (chief executive officer) della Metropolitan Agency Barcelona Regional[1], un organo esperto nello sviluppo di progetti urbani strategici ed infrastrutture per la città. Riceve lo "Special European Prize of Urbanism" del 1997/1998. Più tardi nel 1998 Acebillo è nominato "commissario sulle infrastrutture e progetto urbano" della città di Barcellona.

Nel 1999 sempre Barcellona lo elegge "chief architect" della città. Nel corso dello stesso anno è nominato membro onorario della Royal Institute of British Architects (RIBA)[2], organo che nello stesso anno premia Barcellona con la "Royal Gold Medal" all'architettura[3] per il contributo di: Narcís Serra i Serra, Pasqual Maragall i Mira, Joan Clos, Josep Acebillo e Oriol Bohigas. Sotto la guida di Acebillo, Barcellona ha ricevuto riconoscimenti mondiali per la posizione conquistata sul campo architettonico internazionale. In seguito a questo riconoscimento, Josep Acebillo è oggi frequentemente chiamato alla valutazione di città come Londra, Ostenda, Kazan', per guidarle nella loro futura trasformazione urbana.

Josep Acebillo è da sempre molto attivo nel campo dell'insegnamento, prima per lo ILAUD (International Architecture and Urban Design Laboratory) di Urbino[4][5], quindi come professore invitato in diverse scuole di Architettura, tra le quali la School of Architecture dell'Università Yale, la Harvard Graduate School of Design della Università Harvard e presso la scuola di Architettura di Singapore - NUS National University of Singapore. Dal 2001 Acebillo insegna Cultura del Territorio all'Accademia di Architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana), della quale è stato direttore di facoltà per due mandati consecutivi, dal 2003 fino al 2007. Nel 2004 fonda presso l'Accademia di <rchitettura di Mendrisio l'Istituto per il progetto urbano contemporaneo ("Institute for the Contemporary Urban Project, o "i.CUP"). Nello stesso anno Barcellona lo nomina direttore per le opere architettoniche e le infrastrutture in occasione del Forum Universale delle Culture che ha tenuto la sua prima edizione nella città di Barcellona.

Dal 2007 ha aperto lo studio di architettura AS office in collaborazione con l'architetto Stanislava Boskovic Sigon, ed allo stesso tempo continua a tenere lezioni presso l'università della Svizzera italiana.

Esperienze accademiche[modifica | modifica sorgente]

  • Laurea in architettura conseguita presso l'Università Politecnica della Catalogna, Barcellona (ETSAB 1974).
  • Professore presso l'ETSAB (Technical Superior Architecture School of Barcelona) (1975-2001).
  • Professore presso l'ILAUD (International Architecture and Urban Design Laboratory) di Urbino, Italia, (1976-1977). Venezia, (1997)[6].
  • Direttore del corso post-laurea The architecture on al large scale, Università politecnica della Catalogna, (1992-93).
  • Direttore del corso post-laurea Architecture in complex scales, Pompeu Fabra University di Barcellona, (1994).
  • Direttore del corso post-laurea Projecting the city: Infrastructures and complexity, Università politecnica della Catalogna, (1995-96/1996-97).
  • Professore al master in urban planning dal tema Metropolitan complexity, Università politecnica della Catalogna, (1995-96/1996-97).
  • Professore invitato durante il semestre autunnale alla School of Architecture dell'Università Yale. (1997)[7]
  • Professore presso l'Accademia di architettura di Mendrisio, (Università della Svizzera italiana) dal 2001[8]
  • Professore invitato durante il semestre autunnale alla "Harvard Graduate School of Design" dell'Università di Harvard. (2002)
  • Direttore dell'Accademia di architettura di Mendrisio, Università della Svizzera italiana per due mandati consecutivi, (2003-2007).
  • Direttore dell'i.CUP (Institute for the Contemporary Urban Project) dell'Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana) dal 2004[9]

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 1996 Primo premio al concorso per l'ampliamento della Pompeu Fabra University di Barcellona.
  • 1999 "Royal Gold Medal" per l'architettura conferita dal RIBA (Royal Institute of British Architects) alla città di Barcellona ed alle persone che hanno contribuito attivamente alla sua trasformazione (Narcís Serra i Serra, Pasqual Maragall i Mira, Joan Clos, Josep Acebillo e Oriol Bohigas).[10]
  • 1999 Nomina a membro onorario del RIBA (Royal Institute of British Architects).
  • 2000 Primo premio ex aequo al concorso per il rimodellamento della Faliron Bay di Atene, Grecia.
  • 2002 Premio speciale alla Mostra internazionale di architettura di Venezia nella sua ottava edizione, conferitagli per la sua guida nell'architettura internazionale.
  • 2005 Primo premio "Public space, thematic square and urban development" attribuitogli per il progetto sul lungofiume di Saragozza in occasione dell'Expo 2008.
  • 2007 "Energy Award" per il Forum internazionale delle culture di Barcellona.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Organizzazione di Barcelona regional
  2. ^ Pagina sul sito Architecure.com.
  3. ^ Pagina sul sito Architecture.com.
  4. ^ ILAUD - Urbino 1977
  5. ^ ILAUD - Urbino 1978
  6. ^ Pagina dell'ILAUD
  7. ^ William Henry Bishop Visiting Professorship of Architectural Design | YSOA | Yale School of Architecture
  8. ^ Pagina presso il sito dell'università della Svizzera italiana
  9. ^ Pagina dell'i.CUP
  10. ^ 1999 - The City of Barcelona

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Peter G. Rowe, Building Barcelona.A second Renaissance, 2006. ISBN 8496540286.
  • i.CUP - IRE, La Nuova Lugano, Mendrisio, Accademia di architettura USI, 2008.* Josep Acebillo; Ramon Folch, Atles ambiental de l'àrea de Barcelona, Barcelona, Ariel Ciencia, 2000. ISBN 9788434480254

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66303885