José Luis Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José Luis Brown
Jose Luis Brown.jpg
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 183[1] cm
Peso 81[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1990 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1975-1983 Estudiantes Estudiantes 290 (27)
1984 Atletico Nacional Atlético Nacional 25 (2)
1984-1985 Boca Juniors Boca Juniors 29 (5)
1985 Deportivo Espanol Deportivo Español 5 (0)
1986-1987 Brest Brest 31 (1)
1987-1988 Real Murcia Real Murcia 28 (1)
1989 Racing Club Racing Club 9 (1)
Nazionale
1983-1990 Argentina Argentina 36 (1)
Carriera da allenatore
 ???? San Lorenzo San Lorenzo Vice
 ???? Boca Juniors Boca Juniors Vice
2000 Almagro Almagro
 ???? Nueva Chicago Nueva Chicago
2002 Blooming Blooming
 ???? Estudiantes Estudiantes Giovanili
 ????-2005 Atletico de Rafaela Atlético de Rafaela
2005 Almagro Almagro
2006 Ben Hur Ben Hur
2007 Ferro Carril Oeste Ferro Carril Oeste
2007 Argentina Argentina U-17
2008 Argentina Argentina U-20 Vice
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Messico 1986
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Brasile 1989
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

José Luis Brown (Ranchos, 10 novembre 1956[2]) è un allenatore di calcio ed ex calciatore argentino, Campione del Mondo con la Nazionale argentina nel 1986.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Soprannominato Tata, iniziò a giocare nelle giovanili dell'Estudiantes de La Plata, debuttando nel 1975 nel campionato di calcio argentino. Fu il capitano della squadra che vinse il campionato nel 1982 e nel 1983.

Dopo otto stagioni con l'Estudiantes, si trasferì in Colombia, all Nacional de Medellin; giocò poi al Boca Juniors e successivamente al Deportivo Español nel 1985, in Francia con lo Stade Brestois e in Spagna con il Real Murcia. Nel 1989 passò al Racing Club dove si ritirò dal calcio giocato.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la nazionale di calcio argentina giocò 36 partite, segnando un solo goal, quello che aprì le marcature durante la finale del campionato del mondo 1986, vinta poi 3-2 contro la Germania Ovest.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro è diventato vice di diversi allenatori, come Oscar Ruggeri al San Lorenzo e Carlos Bilardo al Boca Juniors. Nel 2000 accettò un'offerta di allenare il Club Almagro neopromosso in prima divisione insieme ad Héctor Enrique, suo compagno di nazionale durante Messico 1986. I due passarono poi al Nueva Chicago, ma dopo 11 partite si dimisero a causa degli scarsi risultati. Nel 2002 allenò i boliviani del Club Blooming, dimettendosi dopo 16 partite.

Dopo quest'esperienza tornò a lavorare con Bilardo, allenando le giovanili dell'Estudiantes. Dopo l'addio di Bilardo allenò l'Atlético Rafaela per 30 partite. Brown lasciò il club nell'aprile del 2005, e tornò ad allenare l'Almagro. Nel 2006 allenò il Ben Hur[3] e successivamente ricoprì la carica di allenatore del Ferro Carril Oeste nel maggio 2007.[4]

Nel dicembre del 2007 Brown divenne l'allenatore dell'Argentina Under-17, e da vice di Sergio Batista guidò l'Argentina durante Pechino 2008.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Estudiantes: Metropolitano 1982, Nacional 1983

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Messico 1986

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2-4-2010.
  2. ^ Scheda su José Brown di fifa.com
  3. ^ Articolo del Clarin. URL consultato il 13-12-2008.
  4. ^ Futbol de Ascenso. URL consultato il 13-12-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]