Jorge Selarón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto su ceramica di Jorge Selarón

Jorge Selarón (Limache 1947Rio de Janeiro, 10 gennaio 2013) è stato un pittore e ceramista cileno che operò, per gran parte della sua vita, a Rio de Janeiro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jorge Selarón nacque in Cile nel 1947 e viaggiò in oltre cinquanta paesi del mondo prima di giungere, nel 1983, a Rio de Janeiro, dove decise di stabilirsi definitivamente. È noto al grande pubblico per il suo lavoro sulla Scalinata Selarón, una scalinata ricoperta di piastrelle situata tra i quartieri di Lapa e Santa Teresa a Rio de Janeiro in Brasile.[1][2][3] Considerò la Scalinata Selarón un "tributo al popolo brasiliano."[3]

Si trasferì nel quartiere di Lapa a metà degli anni ottanta, andando a vivere in una casa nei pressi della scalinata.[1] Negli anni novanta, iniziò a decorare i 215 gradini che portavano al Convento di Santa Teresa con delle piastrelle di ceramica.[1] La sua trasformazione artistica della scalinata, utilizzando piastrelle e porcellane regalate da amici e sostenitori, necessitò circa 20 anni per essere portata a termine.[1][3] La sua scalinata, che fu dichiarata un emblema della città nel 2005, ha fatto parte della presentazione di Rio de Janeiro per i Giochi Olimpici del 2016.[1][3]

Jorge Selarón è stato trovato morto sulla Scalinata Selarón vicino a casa sua il 10 gennaio 2013, all'età di 65 anni.[1][3] La polizia non ha scartato l'ipotesi dell'omicidio, visto che l'artista aveva ricevuto ripetute minacce di morte.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Rio de Janeiro landmark artist Jorge Selaron dies in BBC News, 10 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  2. ^ Polícia não descarta hipótese de homicídio no caso do artista plástico Selarón in O Globo, 13 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  3. ^ a b c d e f Chilean artist found dead on famous Brazilian steps he spent his life decorating in The Daily Mail, 11 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.