Jordi Bernet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jordi Bernet Cussò (Barcellona, 14 giugno 1944) è un fumettista spagnolo.

Nasce in una famiglia di artisti quasi tutti legati al mondo del fumetto.[1] Inizia a lavorare nel settore fumettistico come professionista all'età di 15 anni, proseguendo Doña Urraca una serie umoristica creata dal padre, Miguel Bernet Toledano, scomparso prematuramente.[2]

Entrato nel 1963 alla Bardon Art, agenzia spagnola di distribuzione di fumetti, realizza la serie western Poncho Yucatan, sceneggiata da suo zio Miguel Cussó, e pubblicata anche in Francia e Inghilterra.[1] La collaborazione gli apre le porte del mercato inglese per cui realizza nei primi anni sessanta numerosi lavori.

Nel 1968 passa a collaborare con la nota rivista belga Spirou per cui realizza serie come Dan Lacombe (sempre su sceneggiatura dello zio) e Paul Foran.[1] Per il mercato tedesco realizza invece le serie Wat 69 e Andrax.[2], mentre per quanto riguarda il mercato del suo paese natio è da segnalare El Cuervo.[1] Alcune sue storie autoconclusive vengono pubblicate in Italia dagli Albi dell'Intrepido.

Il grande successo arriva però nel 1982 quando viene chiamato a sostituire Alex Toth nella realizzazione della serie Torpedo 1936, storia di un malavitoso siciliano di nome Luca Torelli alias "Torpedo", scritta da Enrique Sanchez Abuli e pubblicata in Italia sulla rivista omonima, che lo fa entrare di diritto tra i grandi disegnatori internazionali.[1]

Da questo momento in poi la carriera di Bernet è costellata di grandi successi come Sarvan e Kraken, scritte da Antonio Segura ed apparse in Italia sulle pagine della rivista Comic Art, Chiara di notte e Cicca dum du, su testi di Carlos Trillo ed Eduardo Maicas, edite in Italia da Eura Editoriale.

Nel 1996 disegna l'albo gigante n. 10 di Tex, scritto da Claudio Nizzi e intitolato L'uomo di Atlanta.[3] Nello stesso anno per la DC comics realizza una storia della serie Batman: black and white.[2] La storia gli apre le porte della collaborazione con la casa editrice per cui realizza, tra l'altro, un numero di Solo, e un episodio di Spirit sceneggiato da Jimmy Palmiotti. Nel 2007 entra nello staff della serie Jonah Hex.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Paul Gravett Jordi Bernet: inchiostro nero, umore nero. URL consultato il 28 marzo 2014.
  2. ^ a b c Scheda su Jordi Bernet sul sito della Sergio Bonelli Editore. URL consultato il 28 marzo 2014.
  3. ^ Scheda de L'uomo di Atlantata sul sito della Sergio Bonelli Editore. URL consultato il 28 marzo 2014.

Controllo di autorità VIAF: 14780937 LCCN: n87103502