Jordan Belfort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jordan Belfort nel 2012

Jordan Belfort (New York, 9 luglio 1962) è un imprenditore e scrittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Jordan Belfort è nato nel Bronx, quartiere di New York, il 9 luglio del 1962, figlio di due commercialisti, Max e Leah Belfort. In seguito la madre diventò un avvocato. Di origini ebraiche, è cresciuto nel distretto di Queens, a New York. Si laurea in biologia presso l'American University di Washington. Inizia la sua carriera come broker presso la banca americana L.F. Rothschild fino al crollo del 1987.

Nel 1990 fonda la società di brokeraggio Stratton Oakmont che vende telefonicamente penny stock, azioni di piccole società dalle dubbie prospettive di crescita. Ingannando gli investitori sul reale valore delle azioni vendute e sul livello di rischio degli investimenti diviene ricco. Durante i suoi anni da truffatore, Belfort sviluppa uno stile di vita diverso, fatto di feste, droga e alcol. Tutto ciò lo porta a una grave tossicodipendenza. La Stratton Oakmont arriva a impiegare fino a 1.000 agenti di borsa e a fatturare oltre un miliardo di dollari.

Belfort viene incriminato nel 1998 per frode e riciclaggio di denaro. Dopo aver collaborato con l'FBI, trascorre 22 mesi in una prigione federale. Belfort viene condannato a rimborsare le sue 1513 vittime per un totale di 11 milioni di dollari, le sue proprietà per un valore di 10 milioni di dollari vengono confiscate. In totale la condanna ammonta a 110 milioni di dollari. Durante i mesi in carcere conosce Tommy Chong, che lo incoraggia a scrivere un libro sulla sua storia. Da questo libro, intitolato The Wolf of Wall Street, è stato tratto un film omonimo diretto da Martin Scorsese e interpretato da Leonardo DiCaprio.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]