Johnny Dumfries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johnny Dumfries
Dati biografici
Nome John Colum Crichton-Stuart Earl of Bute Dumfries
Nazionalità Scozia Scozia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1986
Scuderie Lotus
Miglior risultato finale 13° (1986)
GP disputati 16 (15 partenze)
Punti ottenuti 3
 

John Colum Crichton-Stuart, 7º marchese di Bute, prima del 1993 conosciuto con il titolo di cortesia di Conte di Dumfries e quindi comunemente noto come Johnny Dumfries (Rothesay , Isola di Bute, Scozia, 26 aprile 1958), è un ex pilota automobilistico britannico di Formula 1.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Nato in una famiglia aristocratica, rinunciò ad una formazione culturale costosa per la sua passione nei confronti delle corse.[1] Divenne infatti l'autista di uno dei furgoni del team Williams grazie anche a suo cugino Charlie Crichton-Stuart, che procurava gli sponsor alla scuderia.[1] Successivamente decise di tentare di diventare un pilota senza usufruire dei soldi della famiglia e, lavorando come pittore e decoratore, riuscì a raccogliere il denaro necessario per finanziare la propria carriera.[1] Fece quindi il suo debutto in Formula Ford 1600 e nel 1983 passò alla F3 inglese, mettendosi in evidenza a Silverstone, dopo aver a lungo duellato con Ayrton Senna.[1] Le sue buone prestazioni gli permisero di ottenere un posto nel team di Dave Price e di guadagnarsi la sponsorizzazione della BP.[1] Riuscì quindi ad imporsi nel campionato britannico e giunse secondo in quello europeo dietro a Ivan Capelli. Visti i risultati la Ferrari gli offrì il posto di collaudatore nel 1985, mentre lui gareggiava in Formula 3000, pur senza ottenere grandi risultati.

Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986 ebbe l'occasione di debuttare in Formula 1 con la Scuderia Lotus, come compagno di squadra di Ayrton Senna, dopo che questi aveva posto il veto per l'assunzione di Derek Warwick.[1] Ottenne però appena 3 punti, e venne rimpiazzato da Satoru Nakajima a fine stagione.

Dopo la Formula 1[modifica | modifica sorgente]

Negli anni seguenti Dumfries decise di proseguire la propria carriera nelle competizioni a ruote coperte. Divenne quindi un pilota Jaguar e riuscì ad imporsi alla 24 Ore di Le Mans 1988 al volante di una XJR-9. Successivamente passò alla Toyota, squadra con cui ha chiuso la propria carriera nel 1990. Dopo il ritiro si è dedicato alla gestione delle imprese di famiglia.[1]

Risultati in Formula 1[modifica | modifica sorgente]

1986 Scuderia Vettura Flag of Brazil (1968-1992).svg Flag of Spain.svg Flag of San Marino.svg Flag of Monaco.svg Flag of Belgium.svg Flag of Canada.svg Flag of the United States.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Austria.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Mexico.svg Flag of Australia.svg Punti Pos.
Lotus 98T 9 Rit Rit NQ Rit Rit 7 Rit 7 Rit 5 Rit Rit 9 Rit 6 3 13º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Drivers: Johnny Dumfries, grandprix.com. URL consultato il 6 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]