John Wilmot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
(EN)
« Angels listen when she speaks:
She 's my delight, all mankind's wonder;
But my jealous heart would break,
Should we live one day asunder. »
(IT)
« Gli angeli ascoltano quando lei parla:
Ella è la mia gioia, tutta la meraviglia del genere umano;
Ma il mio geloso cuor potrebbe rompersi,
Dovessimo vivere un solo giorno separati. »
(J. Wilmot, conte di Rochester)
Coronet of a British Earl.svg
John Wilmot
John Wilmot, pittore anonimo, 1675, National Portrait Gallery, Londra
John Wilmot, pittore anonimo, 1675, National Portrait Gallery, Londra
II Conte di Rochester
III Visconte Wilmot
In carica 1658 –
1680
Predecessore Henry Wilmot, I conte di Rochester
Erede Charles Wilmot, III conte di Rochester
Successore Charles Wilmot, III conte di Rochester
Altri titoli Lord Rochester
Nascita 1º aprile 1647, Ditchley, Charlbury
Morte Woodstock (Oxfordshire), 26 luglio 1680
Luogo di sepoltura Chiesa di Spelsbury
Padre Henry Wilmot, I conte di Rochester
Madre Anna St. John, contessa di Rochester
Consorte Elizabeth Malet
Figli Lady Anne Wilmot
Lord Charles Wilmot
Lady Elizabeth Wilmot
Lady Mallet Wilmot

John Wilmot, II conte di Rochester (Ditchley, 1 aprile 1647Woodstock, 26 luglio 1680), è stato un nobile, poeta, drammaturgo, letterato, militare e cortigiano inglese, amico del re Carlo II d'Inghilterra e autore di numerosi componimenti a carattere umoristico e satirico. Rochester veniva rinomato come un genio nella Corte del re durante la Restaurazione inglese ed era una figura di spicco dei cavalier lyrists, cioè gli scrittori e i poeti che facevano parte della Corte del sovrano Carlo II. Veniva considerato il miglior wit di tutta l'Inghilterra[1].

Fu anche un protettore degli artisti e noto libertino, tanto da diventare, insieme a personalità come Vanini e de Sade, una delle figure più emblematiche di questo movimento, e da guadagnarsi il soprannome di Il libertino.

Fu il marito dell'ereditiera Elizabeth Malet, dalla quale ebbe quattro figli. La sua fama si deve anche alle sue numerose amanti, tra cui l'attrice teatrale Elizabeth Barry, alla quale sembra che abbia tenuto in privato delle lezioni di recitazione, rendendola un'attrice brillante, e dalla quale ebbe una figlia.

Rochester era piuttosto famoso nella corte del re e nella nobiltà inglese non solo per il suo eroismo militare e le sue poesie, ma anche per il fatto che abusava degli alcolici (lui stesso disse allo storico Gilbert Burnet "di essere stato continuamente ubriaco per cinque anni") e ciò lo rendeva "sfarzosamente gradevole". Tuttavia veniva rinomato non solo per le scorribande ma anche per i guai: venne cacciato e riammesso innumerevoli volte alla corte di re Carlo II, che Rochester aveva satireggiato in modo scurrile. Oltre all'alcol, la distruzione da parte sua di una meridiana regale, una rissa nella quale rimase ucciso un suo amico, Mr Downes, e vari altri avvenimenti lo portarono alla disgrazia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Henry Wilmot, II visconte Wilmot e I conte di Rochester, padre di John Wilmot

John Wilmot, II Conte di Rochester, detto anche Visconte Wilmot e Lord Rochester, nacque a Ditchley, nella contea di Oxfordshire. Sua madre Anna St. John, contessa di Rochester, era una realista, discendente di una antica e nobile famiglia anglicana. Ella divenne una partigiana dei Parlamentari durante la Prima rivoluzione inglese e fu anche incline al puritanesimo. Suo padre, Henry Wilmot, era un visconte alcolizzato, anch'egli realista, come la moglie, e di origini anglo-irlandesi; era stato nominato conte di Rochester nel 1652 per servizi militari resi a Carlo II durante l'esilio del re sotto il protettorato di Oliver Cromwell.

John Wilmot nacque due anni dopo la decapitazione del re Carlo I ed Henry Wilmot, padre di John, morì nel 1658, due anni prima della restaurazione della monarchia in Inghilterra.

Wilmot fu iniziato dalla madre ad un'istruzione esemplare sin da bambino. Egli studiava alla Burford Grammar School e a casa veniva seguito da un tutore. Era molto bravo in latino e in storia ed era particolarmente appassionato degli scritti di Augusto. Rochester veniva generalmente considerato come uno studente modello e ben educato. All'età di soli dodici anni Rochester frequentò il Wadham College dell'Università di Oxford[2]. Qui, lontano dall'occhio vigile della madre, Rochester aveva cominciato a far emergere una personalità differente da quella che tutti conoscevano. A quattordici anni gli fu conferito un titolo di studio onorifico da Edward Hyde, primo conte di Clarendon, che era Cancelliere all'Università e suo zio. In seguito di gratitudine verso il figlio di Henry Wilmot, il re Carlo II Stuart conferì a John una pensione annuale di 500 sterline. Dopo aver eseguito un Grand Tour in Francia e Italia, Rochester ritornò a Londra nel 1664, accompagnato da Andrew Balfour, e venne ammesso alla corte del sovrano.

Re Carlo II, con il quale Rochester ebbe sempre un rapporto molto burrascoso

Carlo II, in funzione di in loco parentis, suggerisce a Wilmot la possibilità di un matrimonio tra lui e una giovane e ricca ereditiera e poetessa, Elizabeth Malet. Nel 1665 John Wilmot si invaghisce così di Elizabeth Malet, che tenta più volte di corteggiare e con modi non sempre galanti. Tuttavia nella questione si intromettono i familiari della ragazza, anch'essi affamati di denaro, che si oppongono al matrimonio tra lei e lo squattrinato Rochester, che decide quindi di prendere la situazione in mano: la sera del 28 maggio dello stesso anno, mentre Elizabeth ritorna alla sua dimora dopo aver cenato alla Whitehall, viene forzatamente trasferita dalla sua carrozza a quella di Rochester, che la rapisce e la porta via con sé, come racconta Samuel Pepys nel suo diario. Qui Elizabeth viene violentata varie volte dal conte, ma non si sa come sia riuscita a tornare a casa dopo.

Rochester venne presto catturato e rinchiuso nella Torre di Londra, dove rimase per varie settimane. Venne rilasciato solo dopo aver scritto un'apologia di pentimento a re Carlo II. Rochester, in cerca di redenzione, si offrì volontario per combattere nella Seconda guerra anglo-olandese. Il suo coraggio nella battaglia marittima di Vågen contro gli olandesi gli procurò grandissima fama, tanto da farlo diventare un eroe di guerra. Rallegrato per la condotta di Rochester, Carlo II lo nominò Gentleman of the Bedchamber poco dopo il suo ritorno in patria.

Elizabeth Malet acconsentì al matrimonio con Rochester, celebrato nel gennaio 1666 - 1667. Dopo le nozze e l'acquisizione del cospicuo patrimonio della moglie, Rochester e lei si trasferiscono in campagna, nella grande tenuta di Rochester, come racconta nel suo diario Samuel Pepys[3]. Da allora Elizabeth Malet, divenuta contessa di Rochester, controllò il denaro del marito, che quindi non poteva mai essere totalmente libero o sicuro a livello finanziario. Insieme scrissero anche un libro di poesie[4].

Nel 1667 Rochester ottenne il suo seggio alla Camera dei lord, nonostante le contestazioni degli stessi lord riguardo al fatto che era troppo giovane.

La vita di Rochester fu divisa in due parti molto distinte, cioè quella domestica e quella di corte:
la prima Rochester la trascorreva leggendo libri e scrivendo opere teatrali e poetiche, spesso mentre si alcolizzava, il che faceva preoccupare molto la moglie Elizabeth, che sembrava amarlo sinceramente;
la seconda fu particolarmente burrascosa, a causa del fatto che spesso Rochester si ubriacava, faceva discorsi abbastanza "vivaci" e se la spassava in modo stravagante. Rochester faceva inoltre parte della Merry Gang[5] (così definita da Andrew Marvell per il suo carattere cameratesco e canzonatorio), composta per lo più da letterati, drammaturghi e in genere personalità della borghesia inglese accomunate dalla passione per il teatro. La compagnia divenne molto florida dal 1665 in poi e lo rimase per almeno quindici anni. Tra le sue fila si annoveravano personalità del calibro di George Etherege, William Wycherley, Charles Sackville, VI conte di Dorset, Henry Jermyn, I conte di St Albans, Sir Charles Sedley, V baronetto, Henry Killigrew, Nell Gwyn e George Villiers, II duca di Buckingham (da quest'ultimo il giovane Rochester rimase affascinato a tal punto da dedicargli alcuni versi esplicitamente erotici).

Castello del conte di Rochester vicino ad Adderbury

Ancor oggi Rochester viene considerato uno dei maggiori esponenti del libertinismo dei costumi non solo per le sue avventure galanti a sfondo sessuale, ma anche per la sua presunta bisessualità, che trova conferma anche in numerosi sonetti dedicati agli amici della Marry Gang, ma sempre tuttavia legati a quella che sembra essere solo un'ammirazione artistica.
La comunanza di gusti e idee fa nascere tra John Wilmot e l'amico George Etherege un intenso e profondo legame, che col tempo passerà dall'amore per la letteratura e per il teatro ad un amore di tipo sessuale. I due decidono di intraprendere insieme una carriera nel mondo dello spettacolo, scrivendo varie poesie e pièce; in particolare, Etherege diventa un modello di stile per i lavori di Rochester e di contro il commediografo si ispirerà alla figura eclettica e irriverente di John Wilmot per delineare il protagonista libertino Dorimante del suo The Man of Mode, scritto nel 1676, un elogio teatrale al suo amico Rochester e indiscutibilmente la migliore comedy of manners scritta in Inghilterra prima dell'avvento di Congreve, nonché una delle più emblematiche pièce del teatro della Restaurazione inglese.

Elizabeth Barry, amante e protetta di Rochester

Avendo fatto il suo ingresso nel mondo del teatro e delle compagnie londinesi, Wilmot finanzia gli allestimenti dell'amico Etherege e conosce Elizabeth Barry, una giovane e inesperta attrice che Wilmot prende sotto la sua ala. Rochester le dà lezioni di recitazione, rendendola in breve tempo molto brillante e capace (Elizabeth in seguito diverrà anche sua amante e "protetta"). La giovane Barry diede presto a Wilmot una figlia, così come anche al suo amico Etherege: Barry sarà l'acclamata protagonista di tutti i lavori teatrali di Wilmot, compresa una satira su Carlo II scritta nel 1674, conosciuta come Il Satiro. Questa è essenzialmente una critica alla tendenza del monarca a concedere privilegi e terre ad ogni donna che gli si conceda, facendo ricadere il mantenimento delle sue amanti e dei suoi figli (illegittimi) sulle spalle del popolo inglese. La pièce, oltre ad essere una violenta critica alla corte e al governo di Carlo II, mostra il sovrano preoccupato solo di quanto i suoi sudditi spendano per il sesso e di quante prostitute ci siano a Londra.
Il re aveva invece commissionato al conte di Rochester una satira contro un suo avversario politico; Rochester una sera, alterato dagli effetti dell'alcol, consegnò al monarca il componimento sbagliato, irritando il sovrano tanto da essere costretto a lasciare la corte. Durante il suo esilio, Wilmot spese il suo tempo ad Adderbury e praticò il mestiere di mercante nella città vecchia di Londra.

Gilbert Burnet

Ormai fallito e ridotto sul lastrico, il conte decise di operare per un certo periodo di tempo nelle vesti di un fantomatico guaritore, il "Dottor Bendo", esperto nella cura di impotenza, infertilità ed altri disturbi sessuali: applicando metodi scientificamente discutibili ma all'apparenza efficaci, Rochester attirò a sé una clientela popolare, soprattutto femminile, della quale risolveva i problemi di infertilità proponendosi egli stesso come donatore di seme e visitando approfonditamente le ignare pazienti sotto le sembianze di "Mrs. Bendo", la "moglie del medico"[6]. Venne in seguito reintregato nella Camera dei lord, dove riprese posto al suo seggio, dopo un'assenza di sette settimane[7].

Tuttavia, Rochester si ricacciò nei guai nel 1676. Una sera tardi, ad Epsom, sembra che abbia avuto una rissa con un guardiano, presumibilmente provocato dallo stesso Rochester, e che, durante questa rissa, uno degli amici di Rochester, Billy Downes, nonché suo amante, venne ucciso con una picca ma il conte si dileguò dalla scena del delitto[8].

All'età di trentatré anni Rochester fu colpito, presumibilmente, da sifilide, gonorrea, cirrosi epatica, malattie veneree o da malattie provocate dall'uso eccessivo di alcolici. Fu inoltre malato di depressione e, secondo le sue note biografiche, accettò, solo sul letto di morte, con gli sforzi del vescovo Gilbert Burnet e di sua madre, di convertirsi al cristianesimo.
Rochester, assistito dalla madre e dalla moglie Elizabeth, morì alle prime luci del mattino del 26 luglio 1680, "senza un brivido o un suono"[9] e la sua salma fu sepolta nella chiesa di Spelsbury. Pochi mesi dopo la sua dipartita, anche la moglie Elizabeth e il figlio Charles morirono.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Le tre grandi edizioni critiche di Rochester nel XX secolo hanno adottato approcci molto diversi per autenticare e organizzare il suo canone di scrittura. L'edizione del 1968 di David Vieth adotta una organizzazione fortemente biografica, modernizzando l'ortografia e la direzione delle sezioni del suo libro "Prentice Work", "Early Maturity", "Tragic Maturity" e "Disillusionment and Death". L'edizione di Keith Walker del 1984 è di un genere basato su approccio, tornando alle vecchie grafie, nel tentativo di presentare i testi più vicini a quelli che un pubblico del XVII secolo avrebbe potuto ricevere. L'edizione della Harold Love Oxford University Press del 1999 utilizza uno standard scientifico, prende atto della varietà della storia coscienziosamente, ma organizza le opere delle sezioni di genere ordinatamente, dal privato al pubblico. Ci sono circa 75 poesie autentificate essere di Rochester[10].

L'opera poetica di Rochester varia molto in forma, genere e contenuto. Faceva parte di una "folla di signori che scriveva con facilità"[11], che hanno continuato a produrre la loro poesia nei manoscritti, piuttosto che nella pubblicazione. Di conseguenza molto dell'opera di Rochester s'accorda sul riguardo dell'attualità, andando dalle satire degli affari di corte in libelli, alle parodie degli stili dei suoi contemporanei, come Sir Charles Scroope. Egli è anche noto per le sue improvvisazioni[12], una delle quali è un epitaffio e presa in giro di re Carlo II:

« Qui si trova il nostro sovrano signore, il re,
Sulle cui parole non fa affidamento nessun uomo.
Non ha mai detto una cosa sciocca,
Né ha mai fatto una cosa saggia. »

Al che Carlo è noto per aver risposto:

« Questo è vero, perché le mie parole sono mie, ma le mie azioni sono quelle dei miei ministri[13]»

Rochester era anche interessato al teatro. Oltre ad un particolare interesse per le attrici, scrisse un adattamento del Valentinian di John Fletcher (1685), una scena per Robert Howard intitolata La conquista della Cina, un prologo per L'imperatrice del Marocco di Elkanah Settle (1673), ed alcuni epiloghi per Love in the Dark di Francis Fane (1675) e per Circe, a Tragedy di Charles Davenant (1677).

L'opera più nota attribuita a Rochester, Sodom, or the Quintessence of Debauchery, non è mai stata confermata con successo di essere stata scritta da lui. Stampe postume del Sodom, tuttavia, furono accusate del reato di oscenità e distrutte. Il 16 dicembre 2004 una delle poche copie superstiti del Sodom è stata venduta dalla Sotheby's per 45.600 sterline[14].

Filosofia[modifica | modifica sorgente]

Discepolo nichilista del filosofo Thomas Hobbes[15] e di libertini come Théophile de Viau e Claude Le Petit, seguitori moderni del pensiero di Epicuro, condusse una vita fatta di avventure galanti e a sfondo sessuale, sia con donne che con uomini, e praticò un edonismo discreto. Wilmot scrisse che i suoi unici principi erano l' "amore violento per il piacere" e "una buona disposizione per il piacere stravagante". Il pensiero di Wilmot fu influenzato molto anche dagli scritti di Abraham Cowley, Nicolas Boileau[16], François de Malherbe e Pierre de Ronsard (degli ultimi tre scrisse anche alcune imitazioni).

« Cosa devo salutare, la ricchezza, il vino, l'allegria [...], e si, il rivoltoso amor vi assedia [...]; conosco un bellissimo paggio [...], che al caso è meglio di quaranta sguattere. »
(J. Wilmot, conte di Rochester)
« Dopo la morte, il nulla; e nulla è la morte. »
(J. Wilmot, conte di Rochester)

Seguendo la sua propria linea scettica e cinica riguardo alla vita, Wilmot scrisse:

« Prima di sposarmi, avevo sei teorie su come educare i figli; adesso ho sei figli e non ho più teorie. »
(J. Wilmot, conte di Rochester)

Dopo la morte del conte, la sua presunta rinuncia all'ateismo venne persino pubblicata e diventò un caposaldo della "letteratura religiosa" inglese. Nonostante negli ultimi periodi comparissero spesso delle riflessioni teologiche e religiose negli scritti di Rochester, quel resoconto dei suoi ultimi istanti di vita è oggi ritenuto un falso abilmente costruito per tentare di ripristinare il prestigio della famiglia agli occhi del re e della società britannica.

Le sue opere, divulgate in forma manoscritta e molto note ai contemporanei, furono apprezzate da personalità come Voltaire e Defoe ma pubblicate organicamente sotto il suo nome solo verso gli anni sessanta del 900. È probabile che molti suoi scritti siano andati bruciati, come richiesto nella sua presunta rinuncia all'ateismo, ma quelli pervenuti fino a noi presentano dotte influenze di Seneca, Ovidio, Anacreonte, Orazio, Petronio e Lucrezio, e sono tutti pervasi da una feroce denuncia del razionalismo e dell'ottimismo imperanti che contrastano con la perfidia umana e i suoi istinti animali. Tra queste opere gli viene attribuita la pièce teatrale Sodom, or the Quintessence of Debauchery, la quale fu considerata molto controversa e oscena, a causa del tema della storia, nella quale "un lussurioso re decide di stabilire la libertà nella nazione, permettendo che la sodomia venga praticata su tutto il territorio". Questa viene considerata come la prima opera treatrale al mondo a sfondo pornografico.

Influenza[modifica | modifica sorgente]

« Dunque non mi parlare d'incostanza,
Di cuori falsi e voti infranti;
Se io, per miracolo, posso esserti,
Questo lunghissimo minuto, Fedele,
È quanto il cielo può concedere. »
(J. Wilmot, conte di Rochester)

A John Wilmot non mancarono diverse critiche e ammirazioni riguardo alla sua scrittura e alla sua personalità.

La scrittrice Aphra Behn lodò le sue opere in versi e basò vari dei suoi personaggi, controversi e caratterizzati da condotte immorali, sul conte di Rochester. Anche il drammaturgo George Etherege, amico di Rochester, scrisse, nel 1676, una commedia basata sul conte, intitolata The Man of Mode. Anne Wharton scrisse un'elegia sulla morte di Wilmot, nella quale il suddetto viene a farsi elogiare dai poeti contemporanei[17]. Horace Walpole descrisse il conte come "un uomo che le muse si sono appassionate ad ispirare, pur avendo vergogna di confessarlo"[18]. Daniel Defoe menzionò frequentemente Rochester nel romanzo Fortune e sfortune della famosa Moll Flanders[19] e parlò del conte anche in altre opere.

Il suo pensiero poetico e i suoi testi furono apprezzati anche da Voltaire. Quest'ultimo commentava dicendo che Rochester "era il genio, il grande poeta" e l"energia e il fuoco" intrinsechi nelle sue satire, i cui alcuni versi Voltaire contribuì a tradurre in francese, "mostravano l'illuminante immaginazione che solo sua Eccellenza (Carlo II) poteva ostentare"[20].

Il pensiero e le opere di Rochester furono apprezzate molto da William Hazlitt, secondo cui i versi "scintillano come i diamanti" mentre "i suoi epigrammi erano i più pungenti, poco elaborati e veritieri che siano mai stati scritti"[21], e da Goethe, il quale affermò che "il suo disprezzo per tutto ciò che gli altri rispettano ha un qualcosa di sublime"[22].

Wilmot scrisse anche poesie d'amore, tra cui Absent from thee I languish, The Platonic Lady, A Woman's Honour, An age in her Embraces passed, I cannot change as others do, To this moment a rebel, All my past life, Ancient person from whom I, Give me leave to rail at you. Tra le sue opere satiriche più celebri si ricordano The Imperfect Enjoyment, Ramble in St James Park, Quoth the Duchess, A Satyre on Charles II, A Satire against Mankind, Signior Dildo, By all Love's Soft, The Disabled Debauchee.

The Libertine[modifica | modifica sorgente]

Il film del 2005 The Libertine, diretto da Laurence Dunmore e interpretato da Johnny Depp, racconta la vita di Rochester.
Il film ha vinto il premio per la miglior attrice non protagonista (Rosamund Pike, che interpreta Elizabeth Malet) al British Independent Film Awards.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Diary of Samuel Pepys - John Wilmot (2nd Earl of Rochester)
  2. ^ (EN) Google books Thomas Hearne, Philip Bliss, and John Buchanan-Brown, The Remains of Thomas Hearne: Reliquiae Hearnianae; Being Extracts from His MS Diaries (London: Fontwell (Sx.) Centaur P., 1966). 122. Accessed May 5, 2007
  3. ^ (EN) Diary of Samuel Pepys — Complete 1665 N.S. in Progetto Gutenberg. Samuel Pepys, entry for 26 May 1665, Diary of Samuel Pepys May 28, 1665. Accessed May 5, 2007
  4. ^ (EN) The Diary of Samuel Pepys - John Wilmot (2nd Earl of Rochester)
  5. ^ (EN) Google books Charles Beauclerk, Nell Gwyn: Mistress to a King (New York: Grove, 2005), 272. Accessed May 15, 2007
  6. ^ (EN) Alcock, Thomas. "Epistle Dedicatory" to Lord Rochester, The Famous Pathologist or The Noble Mountebank." Ed. and introd. Vivian de Sola Pinto. Nottingham: Sisson and Parker Ltd. (1961), pp. 35-38
  7. ^ Johnson, Profane Wit, 182-83
  8. ^ (EN) Johnson, Profane Wit, 250-53
  9. ^ (EN) Johnson, Profane Wit, 327-43
  10. ^ Joseph Laurence Black, The Broadview Anthology of British Literature: The Restoration and the Eighteenth Century, Volume 3, Broadview Press, 30 marzo 2006, p. 232, ISBN 978-1-55111-611-2. URL consultato il 12 luglio 2012.
  11. ^ (EN) Alexander Pope, "First Epistle of the Second Book of Horace", line 108.
  12. ^ (EN) Rochester composed at least 10 versions of Impromptus on Charles II luminarium.org
  13. ^ (EN) Il resto del discorso riguardo quest'epigramma e la risposta del re si trovano nel 19esimo e 21esimo paragrafo di The Tryal of William Penn and William Mead
  14. ^ (EN) (EN) "IN BRIEF: Trump picks new 'Apprentice'; Bawdy 17th century play auctioned". in CBC News, 17 dicembre 2004. URL consultato il 15 luglio 2012.
  15. ^ (EN) Frank H. Ellis, ‘Wilmot, John, second earl of Rochester (1647–1680)’, Oxford Dictionary of National Biography, Oxford University Press, 2004; online edn, Jan 2008 accessed 12 July 2012
  16. ^ Samuel Johnson e William Hazlitt, Lives of the British poets, Nathaniel Cooke, 1854, p. 244. URL consultato il 12 luglio 2012.
  17. ^ (EN) Beinecke Rare Book & Manuscript Library at the Yale University, Library.yale.edu, 3 ottobre 2005. URL consultato il 12 giugno 2011.
  18. ^ (EN) Horace Walpole, A Catalogue of the Royal and Noble Authors of England, 1758.
  19. ^ (EN) Moll Flanders in Progetto Gutenberg. Daniel Defoe, The Life And Misfortunes of Moll Flanders
  20. ^ (EN) Great Books Online, François Marie Arouet de Voltaire (1694–1778). "Letter XXI—On the Earl of Rochester and Mr. Waller" Letters on the English. The Harvard Classics. 1909–14, Bartleby.com, Accessed May 15, 2007
  21. ^ William Hazlitt, Lectures on the English Poets in Progetto Gutenberg.
  22. ^ (EN) Notes and Queries, No.8, Dec 22, 1849 in Progetto Gutenberg. Goethe quotes Rochester without attribution.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rochester Poesie e Satire. Masolino d'Amico, Einaudi Editore. pp 239

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di Rochester Successore
Henry Wilmot 1658-1680 Charles Wilmot

Controllo di autorità VIAF: 34465786 LCCN: n79027135

Controllo di autorità VIAF: 34465786 LCCN: n79027135