John Olorunfemi Onaiyekan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Olorunfemi Onaiyekan
cardinale di Santa Romana Chiesa
His Eminence John Cardinal Onaiekan.JPG
Coat of arms of John Onaiyekan.svg
Fiat voluntas tua
Titolo Cardinale presbitero di San Saturnino
Incarichi attuali Arcivescovo metropolita di Abuja
Amministratore apostolico sede plena di Ahiara
Incarichi ricoperti Vescovo ausiliare di Ilorin
Vescovo di Ilorin
Amministratore apostolico di Ilorin
Vescovo coadiutore di Abuja
Vescovo di Abuja
Presidente della Conferenza Episcopale della Nigeria
Presidente dell'Associazione delle Conferenze Episcopali dell'Africa Occidentale Anglofona
Presidente del Simposio delle Conferenze Episcopali di Africa e Madagascar
Nato 29 gennaio 1944 (71 anni) a Kabba
Ordinato presbitero 3 agosto 1969 dal vescovo Bishop Auguste Delisle, C.S.Sp.
Nominato vescovo 10 settembre 1982 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Consacrato vescovo 6 gennaio 1983 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Elevato arcivescovo 26 marzo 1994 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Creato cardinale 24 novembre 2012 da papa Benedetto XVI

John Olorunfemi Onaiyekan (Kabba, 29 gennaio 1944) è un cardinale e arcivescovo cattolico nigeriano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 29 gennaio 1944 a Kabba.

Il 3 agosto 1969 viene ordinato sacerdote.

Il 10 settembre 1982 viene nominato vescovo titolare di Tunusuda ed ausiliare di Ilorin. Riceve la consacrazione episcopale il 6 gennaio 1983 da papa Giovanni Paolo II.

Il 20 ottobre 1984 viene nominato vescovo di Ilorin.

Il 7 luglio 1990 viene nominato vescovo coadiutore di Abuja. Succede alla medesima sede il 28 settembre 1992.

Il 26 marzo 1994, a seguito dell'elevazione della diocesi di Abuja al rango di arcidiocesi metropolitana, diventa primo arcivescovo metropolita di Abuja.

Dal 2000 al 2006 è presidente della Conferenza episcopale nigeriana, mentre dal 2003 al 2009 guida la Conferenza episcopale della regione ovest dell'Africa anglofona.

Nel quinquennio 2003-2007 è presidente del Simposio delle conferenze episcopali di Africa e Madagascar.

Papa Benedetto XVI lo nomina cardinale presbitero di San Saturnino nel concistoro ordinario pubblico del 24 novembre 2012.

Dal 3 luglio 2013 ricopre anche l'ufficio di amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis di Ahiara.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Successione apostolica.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Predecessore Vescovo titolare di Tunusuda Successore BishopCoA PioM.svg
Concordio Maria Sarte 10 settembre 1982 - 20 ottobre 1984 Germano Grachane, C.M.
Predecessore Vescovo di Ilorin Successore BishopCoA PioM.svg
William Mahony, S.M.A. 20 ottobre 1984 - 7 luglio 1990 se stesso come amministratore apostolico
Predecessore Amministratore apostolico di Ilorin Successore BishopCoA PioM.svg
se stesso come vescovo 7 luglio 1990 - 6 marzo 1992 Ayo-Maria Atoyebi, O.P.
(vescovo)
Predecessore Vescovo di Abuja Successore BishopCoA PioM.svg
Dominic Ignatius Ekandem 28 settembre 1992 - 26 marzo 1994 -
Predecessore Arcivescovo metropolita di Abuja Successore ArchbishopPallium PioM.svg
- dal 26 marzo 1994 in carica
Predecessore Presidente della Conferenza Episcopale della Nigeria Successore Mitra heráldica.svg
Albert Kanene Obiefuna 2000 - 2006 Felix Alaba Adeosin Job
Predecessore Presidente dell'Associazione delle Conferenze Episcopali dell'Africa Occidentale Anglofona Successore Mitra heráldica.svg
Peter Kwasi Sarpong 2001 - 1º settembre 2009 associazione soppressa
Predecessore Presidente del Simposio delle Conferenze Episcopali di Africa e Madagascar Successore Mitra heráldica.svg
Laurent Monsengwo Pasinya novembre 2003 - giugno 2007 Polycarp Pengo
Predecessore Cardinale presbitero di San Saturnino Successore CardinalCoA PioM.svg
Rodolfo Quezada Toruño dal 24 novembre 2012 in carica
Controllo di autorità VIAF: (EN71090011 · LCCN: (ENno2003113092 · GND: (DE1052900909