John Law

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Law (Edimburgo, 21 aprile 1671Venezia, 21 marzo 1729) è stato un economista e finanziere scozzese integratosi in Francia.

John Law

La sua teoria monetaria, critica verso la moneta metallica e a favore della moneta cartacea, è stata a lungo trascurata, a causa del noto fallimento del “Sistema di Law” o “Sistema del Mississippi” da lui costruito. John Law si iscrive nella serie di autori quali Richard Cantillon, David Hume e François Quesnay che nella prima parte del XVIII secolo hanno dato il loro importante contributo all’analisi economica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1671 John Law (o John Law de Lauriston), nasce a Edimburgo da un padre orafo che all'epoca esercita, come tutti gli orafi del tempo, attività bancarie rudimentali, in particolare consegnando certificati in cambio del deposito di denaro.
  • 1688 – Dopo la morte del padre si trasferisce a Londra, dove perde importanti somme di denaro al gioco d'azzardo.
  • 1694 – Il 9 aprile, a seguito di contrasti personali, uccide in duello Edward Wilson, uno dei più enigmatici, brillanti e discussi damerini di Londra. Law viene condotto nel carcere Newgate. Inizialmente condannato a morte, la condanna viene sospesa. Law fugge dal carcere grazie ad appoggi esterni.

Segue un periodo di frequenti spostamenti in Europa, occupato nel gioco d’azzardo, attività nella quale eccelleva grazie alle straordinarie capacità di calcolare mentalmente le probabilità. Viene accompagnato da Katherine Seigneur, nata Knowles, che aveva lasciato il marito per seguire Law, diventandone la compagna.

  • 1705 - Lo studio dei sistemi finanziari e bancari di differenti Stati europei a lui contemporanei lo porta a pubblicare le Considerazioni sulla moneta e il commercio.
  • 1716 - Sotto la Reggenza del Duca Filippo di Orléans, e dopo vari tentativi di creare una banca che emettesse carta moneta, fonda la Banque Générale, una banca commerciale privata che fornisce servizi bancari ottenendo anche il diritto di emettere biglietti bancari.
  • 1717 - Istituisce la Compagnia d'Occidente (o Compagnia del Mississippi).
  • 1718 - La Banque Générale diventa Banque Royale, ottenendo la garanzia dello Stato.
  • 1719 – La Compagnia d'Occidente assorbe altre compagnie coloniali francesi diventando la Compagnia delle Indie, sulle cui azioni s'instaura un meccanismo di speculazione, alimentato dalle nuove emissioni di titoli e da anticipazioni d'importanti guadagni in Louisiana. In pochi mesi il valore delle azioni, che vengono scambiate in rue Quincampoix, passa da 500 lire a 15.000 lire l'una.
  • 1720
    • 5 gennaio - Law viene nominato Controllore generale delle finanze, de facto primo ministro. La Banque Royale e la Compagnia delle Indie vengono unificate.
    • 21 maggio - viene emesso il decreto che provocherà di fatto la bancarotta del Sistema di Law
    • 14 dicembre - Law lascia Parigi con il figlio John e raggiunge la tenuta di campagna di Guermande.
    • 17 dicembre - Law abbandona la Francia diretto a Bruxelles.
  • 1721
    • 21 gennaio - Raggiunge, sempre con il figlio, Venezia, dove riprenderà il gioco d'azzardo per far fronte alle sue necessità finanziarie.
    • Torna a Londra per un breve periodo.
  • 1728
  • 1729 - Muore a Venezia e viene sepolto nella Chiesa di San Gemignano in Piazza San Marco. Quasi 80 anni dopo la chiesa viene demolita, mentre i resti di John Law sono traslati nella vicina Chiesa di San Moisè dove tuttora si trovano.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1694 viene fondata la Banca d'Inghilterra con l'intento di finanziare la guerra che Guglielmo d'Orange conduce contro Luigi XIV. Nello stesso periodo, le grandi compagnie commerciali come la Compagnia delle Indie Orientali, la Compagnia reale d'Africa e più tardi la Compagnia dei mari del Sud sono in forte crescita grazie al monopolio del commercio con le colonie britanniche. Il monopolio viene loro accordato dallo Stato in cambio di un contributo al finanziamento della guerra contro la Francia.

Gli attivi finanziari, come i titoli di Stato e le azioni delle compagnie private iniziano ad entrare in concorrenza, come riserve di valore, alle monete in oro e in argento. La Banca d'Inghilterra inizia ad emettere biglietti che entrano ugualmente in competizione, quale mezzo di scambio e di pagamento, con le monete metalliche.

Il successo della Banca d'Inghilterra e delle grandi compagnie commerciali hanno molto probabilmente influenzato le idee monetarie e le pratiche finanziarie di Law. Anche le condizioni economiche della Scozia e della Francia, da lui studiate, marcate dalla stagnazione economica per sotto-impiego delle risorse, scarsità di moneta e indebitamento pubblico eccessivo hanno influito sul pensiero economico di Law.

La Francia di Luigi XIV è sprofondata in una crisi monetaria (scarsità di moneta e conseguente tassi d'interesse elevati) e in una crisi finanziaria (insostenibilità del debito pubblico, provocato dalle frequenti guerre). Law avrà l'ambizione di risolvere entrambe le crisi.

Pensiero economico[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli estimatori di Law troviamo Joseph A. Schumpeter, voce però per lo più isolata. Il pensiero economico di Law è stato a lungo trascurato o taciuto anche da eminenti economisti (John Maynard Keynes incluso), condannato all'oblìo per oltre due secoli dal fallimento del sistema finanziario da lui costruito in Francia. Tuttavia, come ci ricorda Schumpeter, il pensiero economico di Law va considerato in quanto tale e non giudicato attraverso il fallimento del sistema da lui realizzato.

Il pensiero economico di Law è principalmente incentrato sulla moneta e può essere riassunto nelle seguenti quattro elementi.

Moneta manovrata[modifica | modifica wikitesto]

Con questo termine, utilizzato da Joseph A. Schumpeter, si riassume l'idea di Law, secondo la quale la modifica dell'offerta di moneta influisce sulla crescita economica, l'impiego e il livello dei prezzi. Per Law, la moneta non è neutra. (A) In un'economia di baratto gli scambi, effettuati senza moneta, sono inefficaci. L'introduzione di uno strumento monetario (passaggio da un'economia di baratto ad un'economia monetaria) facilita gli scambi e favorisce la crescita economica. (B) Data un'economia monetaria, l'aumento quantitativo della moneta a disposizione (offerta di moneta) è suscettibile d'incrementare l'attività e la crescita economica, in quanto esiste una domanda di moneta latente che viene così soddisfatta. Una quantità eccessiva di moneta è però ugualmente dannosa di una carenza di moneta in quanto, se quest'ultima è causa di sottoimpiego delle risorse, una quantità eccessiva di moneta provoca l'inflazione. S'intravvede così l'idea di una politica monetaria che assicura il pieno impiego non inflazionistico delle risorse. Law è il primo autore ad utilizzare l'espressione "domanda di moneta", che sarà alla base della teoria quantitativa del XIX secolo.

Critica alla moneta metallica[modifica | modifica wikitesto]

Law si scosta dagli autori metallisti che sostengono l'idea di moneta-bene (moneta-oro o moneta-argento), ammettendo la possibilità di una moneta cartacea. Law critica la moneta metallica, in quanto il valore dell'oro (e analogamente dell'argento) varia e variando modifica il valore della moneta. Tuttavia, gli attori economici detengono la moneta non per il valore del metallo con il quale essa è costituita, ma per la possibilità che la moneta fornisce di acquisire beni reali. La modifica del valore della moneta provocata dal mutamento del valore del metallo che la costituisce intralcia inutilmente il sistema monetario e gli scambi. Inoltre, la quantità di oro di o argento fisicamente disponibile determina la quantità di moneta che può essere messa in circolazione. Questa quantità può però essere inferiore alle esigenze del sistema economico, frenando di conseguenza quella crescita economica che un aumento dell'offerta di moneta indurrebbe.

Moneta cartacea[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi John Law e la moneta fiduciaria.

Per combattere la scarsità di moneta e per evitare l'instabilità del valore della moneta, caratteristiche di un sistema monetario basato sulla moneta metallica, Law propone l'introduzione della moneta cartacea. Il passaggio da una moneta metallica, che ha un valore intrinseco dato dal valore del metallo, ad una moneta cartacea non comporta però l'introduzione di una moneta senza alcun valore. Law sostiene infatti che la moneta cartacea debba avere una controparte adeguata: la terra o altre attività produttive. L'idea di una moneta che prende la forma di biglietti bancari e sganciata da un metallo prezioso è molto moderna. Ai nostri giorni, l'oro e l'argento hanno completamente perso la funzione monetaria, essendo la nostra moneta non solo ridotta ad un supporto cartaceo come la moneta di Law, ma addirittura completamente dematerializzata (moneta elettronica). Ugualmente moderna e corretta è l'idea che la moneta, seppur sotto forma cartacea, debba rappresentare ed avere un valore. John Maynard Keynes mostrerà più tardi trattarsi della produzione economica.

Meccanismo di trasmissione monetario in economia aperta[modifica | modifica wikitesto]

In un'economia aperta, il meccanismo di trasmissione dall'offerta di moneta ai prezzi è particolare, in quanto questi ultimi sono determinati sul mercato internazionale e non sul mercato interno. La riduzione dell'offerta di moneta non si accompagna quindi di una contrazione dei prezzi e non provoca quell'effetto degli incassi reali, che attraverso l'aumento del potere d'acquisto, dovrebbe sostenere la crescita economica. L'analisi di Law non prende in considerazione la distorsione, segnalata più tardi da Richard Cantillon, dei prezzi relativi interni fra beni scambiati e non scambiati.

Elementi di questa teoria si ritrovano presso i monetaristi: il concetto di domanda di moneta, le implicazioni inflazionistiche internazionali date da un'offerta monetaria globale eccessiva, la legge del prezzo unico in un piccolo Stato economicamente aperto verso l'esterno. Un altro elemento si troverà presso i pre-keynesiani: un'offerta inadeguata e un tasso d'interesse elevato quale causa della disoccupazione e del sotto-impiego delle risorse.

Il "Sistema di Law" o "del Mississippi"[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema di Law.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Essay on a Land Bank (170?).
  • Money and Trade considered, with a Proposal for supplying the Nation with Money (1705; seconda edizione, 1720), traduzione in italiano: Considerazioni sulla moneta e sul commercio con una proposta per fornire la nazione di moneta.
  • Mémoire pour prouver qu'une nouvelle espèce de monnaie peut être meilleure que l’or et l’argent (1707).
  • Le opere complete di John Law sono state pubblicate a cura di Paul Harsin (1934). Questa edizione contiene però anche opere di altri autori o la cui attribuzione a Law è incerta.

Hanno scritto di lui[modifica | modifica wikitesto]

  • «Negli ultimi vent’anni il commercio è stato compreso in Francia meglio di quanto non lo fosse mai stato in passato, dal regno di Pharamond a quello di Luigi XIV. Prima di questo periodo, era un’arte segreta, una specie di alchimia in mano a tre o quattro persone che facevano davvero l’oro, ma non comunicavano a nessuno il segreto grazie al quale si erano arricchiti (…) Era destino che uno scozzese di nome John Law dovesse venire in Francia e sconvolgere l’intera economia del nostro governo per ammaestrarci.» (Voltaire, Sul commercio, citato da J. Gleeson.
  • «Egli elaborò la logica economica dei suoi progetti con una lucentezza e, diciamo pure, con una profondità, che lo pone fra i più eminenti teorici monetari di tutti i tempi.» (Joseph A. Schumpeter, Storia dell’analisi economica, 1959.
  • «(...) forse il più innovativo mascalzone in campo finanziario di tutti i tempi (...)» (John Kenneth Galbraith, Storia dell'economia, 1987.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Béraud, Alain e Faccarello, Gilbert Faccarello: Nouvelle histoire de la pensée économique, Volume 1, 1992, Parigi.
  • Du Tot: Histoire du système de John Law (1716-1720), Pubblicazione integrale del manoscritto inedito di Poitiers curato ed introdotto da Antoin E. Murphy, 2000, Parigi, ISBN 2-7332-1020-3.
  • Thiers, Adolphe: La banca di John Law. Bolle speculative e default nella Francia del Settecento, 1858, trad. it. il glifo ebooks, 2013, Roma, ISBN 9788897527190.
  • Gleeson, Janet: L’uomo che inventò il denaro (titolo originale: The Moneymaker), 2000, Milano.
  • Murphy, Antoin E.: John Law, Economic Theorist and Policy-Maker, Oxford, 1997.
  • Schumpeter, Joseph A.: Storia dell’analisi economica, Volume I, 1959, Torino (ripubblicato nel 1990, ISBN 88-339-0536-5).
  • "John Law" in: Le Petit Robert des noms propres, 2002, Parigi.
  • The Enigmatic Monsieur Du Tot in G. Faccarello, (editor) Studies in the History of French Political Economy from Bodin to Walras (Routledge, London, 1998), pp. 57-77.
  • Claude Cueni: Il grande gioco, Tropea, 2008
  • Giorgio Ruffolo: Lo specchio del diavolo, (Einaudi, 2006)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14836706 LCCN: n81080996