John Gray (filosofo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

John Gray (South Shields, 14 aprile 1948) è un filosofo della politica inglese.

È stato professore di Pensiero Europeo alla London School of Economics fino al 2007.

Discepolo di Isaiah Berlin, è noto per le sue polemiche contro il liberalismo e l'umanesimo. A livello accademico, la sua concezione di liberalismo agonistico si sviluppa a partire da una base etica di pluralismo dei valori che Gray ha ereditato da Berlin e sviluppato.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Mill on Liberty: A Defence, London: Routledge & Kegan Paul, 1983, 1996
  • Hayek on Liberty, Oxford: Basil Blackwell, 1986, 1998
  • Liberalism (1986); trad. Liberalismo, premessa all'edizione italiana di Pier Luigi Porta, Milano: Garzanti, 1989
  • Liberalism: Essays in Political Philosophy, London-New York: Routledge, 1989
  • Post-Liberalism: Studies in Political Thought, London-New York: Routledge, 1996
  • Endgames: Questions in Late Modern Political Thought, London: Polity, 1997
  • False Dawn: The Delusions of Global Capitalism (1998); trad. Alba bugiarda: il mito del capitalismo globale e il suo fallimento, Milano: Ponte alle Grazie, 1998
  • Voltaire (serie "The Great Philosophers"), London: Routledge, 1999
  • Straw Dogs: Thoughts on Humans and Other Animals (2002); trad. Cani di paglia, Milano: Ponte alle Grazie, 2003
  • Al Qaeda and What It Means to Be Modern, New York: The New Press, 2003
  • Heresies, London: Granta Books, 2004
  • Black Mass: Apocalyptic Religion and the Death of Utopia, London: Allen Lane, 2007
  • Gray's Anatomy, Toronto: Anchor Canada, 2009
  • The Immortalization Commission: Science and the Strange Quest to Cheat Death , London: Allen Lane, 2011

Controllo di autorità VIAF: 108180206 LCCN: n82105723

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie