John Evelyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Evelyn

John Evelyn (31 ottobre 162027 febbraio 1706) è stato uno scrittore inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I diari scritti da Evelyn corrispondono con quelli scritti da un altro grande scrittore dell'epoca, Samuel Pepys. I diari ci raccontano spaccati di vita quotidiana inglese e narrano eventi importanti dal punto di vista storico, come la morte di Oliver Cromwell, quella di Carlo II d'Inghilterra, il grande incendio di Londra e la grande peste di Londra. I due diaristi ebbero modo di confrontarsi vicendevolmente diverse volte.

Evelyn nacque nella contea di Surrey da una famiglia produttrice di polvere da sparo nel 1620.

La sua opera principale è il Diario, nel quale descrive l'incendio e la peste che devastarono Londra nel 1665 e nel 1666. La narrazione si distinse per una certa oggettività, oltre per il ritratto di un uomo retto, spinto da idee entusiastiche, abituato a frequentare la crema della società e pur tuttavia lontano dalla vita dissoluta tipica della sua epoca.[1]

Nell opera che lo ritrae al National Portrait da parte del suo amico Robert Walcher nella recensione è scritto: ripete Seneca e The Importance of Preparing For Death come si può vedere nel quadro di Walker. Insieme a Robert Boyle soprannominato Philaterus ovvero Amante della verità ed altri studiosi fondarono prima l'Accademia Invisibile la quale nel 1660 divenne La Royal Society una delle più prestigiose accademie ancora oggi di ogni sapere nei più svariati ambiti, il loro motto oggi come allora è : NULLIUS IN VERBA. Accanto a questi possiamo tranquillamente collocare anche la figura di William Dampier bucaniere esploratore e profondo conoscitore della navigazione che tanto diede all'Inghilterra; Anche il suo ritratto è al National Portrait .

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Muse, op. cit., pp. 429-430.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Le muse, vol. 4, Novara, De Agostini, 1966.
  • Clara Marburg, Mr. Pepys and Mr. Evelyn, Filadelfia, 1935.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 61653698 LCCN: n50009162