Joe Robbie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joe Robbie negli anni 70.

Joseph "Joe" Robbie (Sisseton, 17 luglio 19167 gennaio 1990) è stato un dirigente sportivo, avvocato e imprenditore statunitense di origini libanesi.

Robbie fu il primo proprietario originale della franchigia di football americano dei Miami Dolphins della National Football League (1966–1990). Allenati da Don Shula, i Dolphins di Robbie furono la prima e unica squadra a terminare una stagione da imbattuta (17–0) nel 1972 e vinsero due Super Bowl consecutivi[1][2]. Inoltre, con 115 milioni di dollari costruì il Joe Robbie Stadium (1987–1996) con fondi privati nel 1987. In seguito fu rinominato Pro Player Park (1996), Pro Player Stadium (1996–2005), Dolphins Stadium (2005–2006), Dolphin Stadium (2006–2009; 2010), LandShark Stadium (2009–2010) e attualmente Sun Life Stadium (2010–presente).

Robbie recitò nel ruolo di sé stesso nel film Black Sunday, in cui veniva intervistato sulla sicurezza per il Super Bowl X (1976).

Robbie fu anche proprietario dei Miami Toros e dei Fort Lauderdale Strikers (poi Minnesota Strikers), squadre di calcio della North American Soccer League. Il Joe Robbie Stadium fu uno dei primi stati maggiori degli Stati Uniti ad essere progettato specificamente per il calcio.

Premi e onori[modifica | modifica wikitesto]

Per i suoi contributi ai Miami Dolphins e per essere stato il fondatore della squadra, Joe Robbie fu il membro inaugurale ad essere indotto nel Miami Dolphins Honor Roll il 16 settembre 1990 (otto mesi dopo la sua morte).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Super Bowl VII Game Recap, NFL.com. URL consultato il 15 novembre 2012.
  2. ^ (EN) Super Bowl VIII Game Recap, NFL.com. URL consultato il 15 novembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]