Joan Maragall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joan Maragall, fotografato da Pau Audouard nel 1903

Joan Maragall (Barcellona, 10 ottobre 1860Barcellona, 20 dicembre 1911) è stato uno scrittore spagnolo.

Dopo gli studi intraprese la carriera di avvocato per qualche anno per poi dedicarsi al giornalismo lavorando alla redazione del Diario de Barcelona.

Fautore dell'indipendenza della Catalogna e presidente dell' "Ateneu Barcelonés", criticò aspramente la Spagna come arretrata e tradizionalista rispetto al resto d'Europa più avanti in questi campi e partecipando alle iniziative rinnovatrici poste allora in essere dalla generazione del 98 (1898).

Caratteristica della sua produzione è il bilinguismo: per le opere in versi preferiva la lingua catalana, nelle opere in prosa quella castigliana.

Tradusse molte opere di scrittori classici (Omero, Pindaro) e contemporanei (Goethe, Novalis).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesies, 1895
  • Visions i Cants, 1900
  • Les Disperses, 1904
  • Enllà, 1906
  • Seqüències, 1911
    • comprende il poema La fageda d'en Jordà

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 4939902 LCCN: n79056058