Joë Bousquet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joe Bousquet (Narbonne, 19 marzo 1897Carcassonne, 28 settembre 1950) è stato un poeta francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Prima Guerra mondiale, il 27 maggio 1918, all'età di 21 anni, fu gravemente ferito nella battaglia di Vailly alla colonna vertebrale. Paralizzato all'altezza del petto, perse l'utilizzo della parte inferiore del corpo. Visse il resto dei suoi giorni a Carcassonne (53, rue de Verdun), in una camera le cui imposte rimasero sempre chiuse.

Con gli amici François-Paul Alibert, Ferdinand Alquié, Claude-Louis Estève e René Nelli fondò nel 1928 la rivista Chantiers.

Fu in contatto epistolare con numerosi scrittori e artisti, tra cui Paul Éluard, Max Ernst, Jean Paulhan e Simone Weil.

Joe Bousquet lasciò un'opera poetica considerevole.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesie[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Opere erotiche[modifica | modifica wikitesto]

Saggi critici[modifica | modifica wikitesto]

Corrispondenza[modifica | modifica wikitesto]

Autobiografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere postume[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12305777