Jish

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jish
autorità locale
in ebraico גִ'שׁ, גּוּשׁ חָלָב
in arabo الجش
Dati amministrativi
Stato Israele Israele
Distretto Nord
Sottodistretto Zefat
Territorio
Coordinate 33°01′18.76″N 35°26′46.81″E / 33.021878°N 35.446336°E33.021878; 35.446336 (Jish)Coordinate: 33°01′18.76″N 35°26′46.81″E / 33.021878°N 35.446336°E33.021878; 35.446336 (Jish)
Superficie 6 916 km²
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Israele
Jish

Jish (in arabo الجش‎; in ebraico גִ'שׁ, גּוּשׁ חָלָב‎) è un centro abitato situato sulle pendici del Monte Giarmaq nel Distretto Nord di Palestina. La popolazione, di circa 3000 abitanti (2010)

Il centro abitato è stato occupato dalle forze israeliane il 29 ottobre 1948 nel contesto dell'Operazione Hiram durante la guerra arabo-israeliana del 1948.

Secondo lo storico israeliano Benny Morris una lettera fu mandata al Consiglio del partito israeliano Mapam l'11 novembre 1948 nella quale si dichiara l'uccisione di una donna e il suo bambino, e di altre 11 persone.[senza fonte]

Molti abitanti di Jish fuggiti durante l'occupazione da parte dell'esercito israeliano sono migrati in Siria e Libano, oggigiorno vive in Jish fatta eccezione per le popolazioni indigene, un numero significativo di cittadini cristiani fatti trasferire nel 1949 dal vicino villaggio di Kafr Beram.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Si trattava dell'antica città di Giscala, che ricorda Giuseppe Flavio durante la prima guerra giudaica (degli anni 66-70).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giuseppe Flavio, Guerra gudaica, IV, 2.1-2.