Jeremy Lin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jeremy Lin
Jeremy Lin 2012 Shankbone.JPG
Jeremy Lin nel 2012
Dati biografici
Nome Jeremy Shu-How Lin
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 91 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Playmaker, guardia
Squadra Los Angeles Lakers L.A. Lakers
Carriera
Giovanili
200?-2006
2006-2010
Palo Alto High School
Harvard Crimson Harvard Crimson
Squadre di club
2010-2011 Golden St. Warriors Golden St. Warriors 29 (76)
2010-2011 Reno Bighorns Reno Bighorns 20 (360)
2011-2012 New York Knicks N.Y. Knicks 35 (512)
2012 Erie BayHawks Erie BayHawks 1 (28)
2012-2014 Houston Rockets Houston Rockets 153 (1985)
2014- Los Angeles Lakers L.A. Lakers 5 (54)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 luglio 2014

Jeremy Shu-How Lin (Palo Alto, 23 agosto 1988) è un cestista statunitense, professionista nella NBA con i Los Angeles Lakers.

Lin è divenuto uno dei protagonisti della stagione NBA 2011-12: da giocatore poco conosciuto, panchinaro e con poche partite all'attivo in NBA, ha saputo sfruttare l'opportunità di giocare titolare grazie ai numerosi infortuni subiti dai propri compagni di squadra. Dal 4 febbraio 2012 ha messo a referto almeno 20 punti a partita, in ogni partita disputata, per sei partite consecutive, con un record di 38 contro i Los Angeles Lakers. Per celebrare la serie di ottime prestazioni è stato coniato il termine "Linsanity"[1].

È il quarto giocatore asioamericano nella storia della NBA (dopo Raymond Townsend, Wat Misaka e Rex Walters) ed il primo di origine cinese e taiwanese[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Regista puro, intelligente, con accurata visione di gioco e trattamento di palla. È dotato, inoltre, di un buon tiro[3].Sa crearsi tiri dal palleggio con facilità ed è veloce in penetrazione. Il suo stile ricorda quello di Isiah Thomas o di Steve Nash.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Lin è cresciuto a Palo Alto in California in una famiglia di emigrati di origine taiwanese e cinese. La famiglia paterna è originaria di Beidou nella Contea di Changhua, a Taiwan; quella materna è di Pinghu,Zhejiang, in Cina.

Al termine della stagione 2005-06 alla Palo Alto High School è stato eletto Giocatore dell'Anno della Northern California Division II, ed è stato inserito nel quintetto All-State; Lin ha chiuso il suo ultimo anno a Palo Alto con una media di 15.1 punti, 7.1 assist, 6.2 rimbalzi e cinque palle rubate[4].

College[modifica | modifica wikitesto]

Gli unici college disposti a garantire a Lin l'ammissione nella squadra di pallacanestro furono la Brown e l'Università di Harvard; Lin optò proprio per quest'ultima, che disputava la Ivy League.

Lin con la divisa della Harvard University

Al suo anno da rookie disputò 28 partite, mettendo a referto 133 punti complessivi, con una media di 4,8 a partita. Al suo anno da sophomore le cifre migliorarono sensibilmente: in 30 incontri mise a segno 377 punti, chiudendo con la media di 12,6 a partita. Alzò ancora il rendimento nel suo terzo anno, chiuso con 497 punti in 28 partite (17,8 di media); al suo ultimo anno riuscì a mantenere lo stesso livello, chiudendo con 476 punti complessivi in 29 partite. Dopo essersi laureato in Economia, si dichiarò eleggibile per il Draft NBA 2010.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Lin non venne scelto da alcuna squadra al Draft; fu però invitato dai Dallas Mavericks a prendere parte ad alcune partite di Summer League. Prima dell'inizio della stagione NBA 2010-11, ricevette quattro offerte di ingaggio: dai Mavericks, dai Los Angeles Lakers, da una squadra di Eastern Conference il cui nome è rimasto segreto, e dai Golden State Warriors. Il 21 luglio 2010 Lin firmò un accordo biennale proprio con i Warriors.

Golden State Warriors[modifica | modifica wikitesto]

I Golden State Warriors[5] gli offrono un contratto di due anni a 500.000 dollari a stagione. Esordisce contro i Los Angeles Clippers, e segna i suoi primi punti NBA nella partita successiva contro i Los Angeles Lakers, in cui mette a referto anche 3 assist e quattro palle rubate. Sempre contro i Lakers segna 13 punti in 18 minuti (record personale in carriera, fino a quel momento). Durante la stagione partecipa anche alla D-League con i Reno Bighorns. Conclude il campionato NBA con una media di 2,6 punti a partita in 29 incontri.

New York Knicks[modifica | modifica wikitesto]

Jeremy Lin con la maglia dei New York Knicks.

Nella stagione 2011-12 passa ai New York Knicks; a New York trova però poco spazio in campo, disputando una media di pochi minuti a gara. Nel febbraio 2012 sfrutta però l'opportunità di giocare titolare, grazie ai numerosi infortuni subiti dai giocatori della squadra. Il 4 febbraio contro i New Jersey Nets mette a segno 25 punti in 36 minuti; nei due incontri successivi ne realizza rispettivamente 28 e 23, realizzando anche la prima doppia doppia della sua carriera grazie a 10 assist. Il 10 febbraio mette a referto 38 punti (record personale in carriera) e sette assist nella vittoria contro i Los Angeles Lakers per 92-85; nella vittoria contro i Minnesota Timberwolves, sua quarta gara consecutiva da titolare, mette a referto altri 20 punti. Il 14 febbraio mette a referto 27 punti e realizza il canestro decisivo a fil di sirena, consentendo ai Knicks di sconfiggere i Toronto Raptors. La striscia di realizzazioni oltre i 20 punti si interrompe il 15 febbraio: Lin realizza infatti 10 punti e 13 assist (record personale) nella vittoria contro i Sacramento Kings[6]. La prima sconfitta arriva tre giorni dopo: i Knicks cedono in casa ai New Orleans Hornets per 85-89, nonostante i 26 punti dello stesso Lin. La partita successiva al Madison Square Garden segna 28 punti con 14 assist (nuovo record) nella vittoria contro i Dallas Mavericks.

Il 17 febbraio viene convocato per il Rising Stars Challenge, la sfida tra rookie e sophomore organizzata nell'ambito dell'All-Star Weekend 2012. Lin non è stato inizialmente selezionato per partecipare alla partita, ma le sue prestazioni hanno convinto la NBA ad aggiungere il suo nome e quello di Norris Cole ai roster delle due squadre. La stagione si conclude però con un infortunio al menisco che lo costringe a saltare i playoff.

Houston Rockets[modifica | modifica wikitesto]

Scaduto il suo contratto con i Knicks, Lin riceve la qualifying offer e diventa così restricted free-agent. Il 14 luglio 2012 gli Houston Rockets presentano a Lin la propria offerta, che i newyorkesi decidono di non pareggiare, e pertanto Lin si trasferisce così a Houston, fortemente voluto dal general manager Daryl Morey. Si presenta all'esordio segnando 12 punti e otto assist contro i Detroit Pistons il 31 ottobre.

Los Angeles Lakers[modifica | modifica wikitesto]

L'11 luglio 2014 viene ceduto ai Los Angeles Lakers insieme ad una prima scelta del draft 2015.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

statistiche aggiornate al 20 giugno 2013[7]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2010-2011 Stati Uniti Golden State Warriors NBA 29 0 9,8 38,9% 20% 76,0% 1,2 1,4 1,1 0,3 2,6
2011-2012 Stati Uniti New York Knicks NBA 35 25 26,9 44,6% 32,0% 79,8% 3,1 6,2 1,6 0,3 14,6
2012-2013 Stati Uniti Houston Rockets NBA 82 82 32,2 44,1% 33,9% 78,5% 3 6,1 1,6 0,4 13,4
Totale carriera 146 107 26,5 44% 33,2% 78,9% 2,7 5,2 1,5 0,3 11,5

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2012-2013 Stati Uniti Houston Rockets NBA 4 3 21 25% 16,7% 100% 2 2 0,5 0,3 4
Totale carriera 4 3 21 25% 16,7% 100% 2 2 0,5 0,3 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gioco di parole con il cognome Lin e la parola insanity (in italiano: follia); il termine richiama foneticamente la "Vinsanity", crasi di Vince (Carter) e insanity, termine coniato quando Vince Carter (ora giocatore dei Dallas Mavericks) giocava per i Toronto Raptors e stupiva per le sue giocate spettacolari
  2. ^ (EN) Howard Beck, Newest Knick Out to Prove He’s Not Just a Novelty in The New York Times, 28 dicembre 2011. URL consultato l'11 febbraio 2012.
  3. ^ (EN) Prospect profile - Jeremy Lin, nba.com. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  4. ^ (EN) Jeremy Lin, gocrimson.com. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  5. ^ NBA.com: Warriors sign undrafted free agent Jeremy Lin, nba.com, 21/07/2010.
  6. ^ NBA, Jeremy Lin mette la settima. Belinelli sbanca Milwaukee, Il Pallonaro. URL consultato il 17 febbraio 2012.
  7. ^ nba.com, 20-06-2013, http://www.nba.com/playerfile/jeremy_lin/career_stats.html. URL consultato il 20-06-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 233480356