Jenny-Wanda Barkmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jenny Wanda Barkmann, a destra nella seconda fila, assieme ad altre fra cui Elisabeth Becker.

Jenny Wanda Barkmann (Amburgo, 1921Danzica, 4 luglio 1946) è stata una militare tedesca, guardia di numerosi campi di concentramento nazisti.

Primi anni e servizio nei campi di concentramento[modifica | modifica wikitesto]

Jenny trascorse la sua infanzia ad Amburgo, in Germania. Nel 1944 divenne una aufseherin nel campo femminile di Stutthof SK-III, dove era solita percuotere brutalmente i prigionieri, a volte uccidendoli[1]. Era anche incaricata di selezionare donne e bambini per le camere a gas, inoltre era tanto violenta e brutale da essere soprannominata "Il bello spettro".

Cattura e processo[modifica | modifica wikitesto]

All'arrivo dei sovietici la Barkmann fuggì da Stutthof e fu arrestata alla stazione di Danzica nel maggio 1945, mentre tentava di lasciare la Polonia. Fu così incarcerata e messa sotto accusa nel Processo di Stutthof, dove fu accusata oltretutto di aver tentato di corrompere le guardie del carcere. Fu dichiarata colpevole, dopodiché dichiarò:

« Effettivamente la vita è un piacere ed i piaceri sono di solito brevi. »

La Barkmann fu pubblicamente impiccata a Biskupia Gorka (nei pressi di Danzica) il 4 luglio 1946, a 25 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1946: Eleven from the Stutthof concentration camp, ExecutedToday.com, 4 luglio 2008. URL consultato il 31-01-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie