Jennifer Connelly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jennifer Lynn Connelly (Catskill Mountains, 12 dicembre 1970) è un'attrice statunitense. Baby modella per alcuni spot pubblicitari, già da adolescente appare in alcuni film, tra cui C'era una volta in America, Phenomena e Labyrinth - Dove tutto è possibile. Nel mondo del cinema si afferma definitivamente e diventa volto noto grazie alle interpretazioni in Requiem for a Dream e soprattutto in A Beautiful Mind, grazie alla quale ha vinto un Oscar e un Golden Globe per la migliore attrice non protagonista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

L'infanzia, gli studi e la moda[modifica | modifica sorgente]

Jennifer è nata nello stato di New York, precisamente sulle Catskill Mountains. Sua madre Eileen era un'antiquaria e gestiva un negozio a Woodstock,[1] mentre suo padre Gerard è proprietario di una piccola industria tessile ed in precedenza ha lavorato nel settore dell'abbigliamento per bambini a New York.[2][3] La famiglia possedeva un'altra proprietà a Bellport, Long Island, sita nella contea di Suffolk.[1] I suoi nonni paterni erano rispettivamente di religione cattolica irlandese e ascendenza norvegese, mentre quelli materni erano ebrei, appartenenti a famiglie provenienti dall'Impero russo e dalla Polonia[4][5] (sua madre fu educata in una Yeshiva).[6] Quando Jennifer aveva quattro anni, la famiglia si trasferì a Brooklyn Heights, nei pressi del Ponte di Brooklyn,[1] dove frequentò la scuola privata Saint Ann's School, ad eccezione del quarto anno a causa del trasferimento a Woodstock, per poi diplomarsi.[7][8]

Un dirigente pubblicitario amico di famiglia suggerì al padre di Jennifer che sua figlia sarebbe potuta diventare un'importante baby modella, viste le particolari doti fisiche, ragion per cui consigliò di fare un provino in una agenzia di moda. Andarono così alla ricerca di un rappresentante, trovandolo nella prestigiosa Ford Agency e, dopo la scuola, Eileen portò la figlia in città per le audizioni. All'età di dieci anni Jennifer esordì lavorando come modella e sfondando nel campo della pubblicità per poi dedicarsi a spot televisivi.[9] Di quei giorni Jennifer afferma di non ricordare molto, a parte una réclame per la carta igienica della Scott.[1]

Il debutto al cinema[modifica | modifica sorgente]

Iniziò a recitare per il cinema negli anni dell'adolescenza. Il suo lavoro la portò ovunque, in particolare in Europa e, mentre si trovava in Inghilterra, fece il suo debutto sullo schermo nel video musicale della canzone Union of the snake dei Duran Duran.[1] Nel 1982 ottenne una parte in un episodio della fortunata serie televisiva thriller Il brivido dell'imprevisto, sinistra trasposizione delle storie di Roald Dahl.[10] Il suo primo ruolo cinematografico, piccolo ma significativo, fu quello della giovane ballerina Deborah Gelly (la donna agognata dal protagonista Noodles, interpretato da Robert De Niro),[9] una parte da non protagonista affidatale da Sergio Leone su consiglio di un direttore di casting,[11] nell'epico gangster movie C'era una volta in America, uscito nel 1984, ma girato in gran parte nel 1982, quando aveva undici anni.[12] Robert De Niro doveva interpretare Noodles, James Woods doveva interpretare Max, c'erano anche Joe Pesci e James Russo ed Elizabeth McGovern nel ruolo di Deborah, l'amore della vita di Noodles. Leone aveva bisogno di una ragazza che interpretasse il ruolo di Deborah da giovane, qualcuno che fosse anche in grado di danzare con grazia. La Connelly dichiarò che quella fu l'audizione più facile della sua vita. Il primo giorno danzò; il secondo giorno fece un incontro con Leone; il terzo giorno fece un incontro con Leone e De Niro e fu ingaggiata. A quanto pare, il suo naso le fu d'aiuto: era proprio come quello della McGovern.[13]

I primi film da protagonista[modifica | modifica sorgente]

Lavorò in seguito a fianco di Daria Nicolodi e di Donald Pleasence nell'horror italiano Phenomena (1985) diretto da Dario Argento, dove interpretò un'adolescente americana in grado di comunicare con gli insetti, impegnata ad affrontare un feroce assassino in un ovattato collegio svizzero,[9] e in Sette minuti in paradiso, recitando la parte di una studentessa modello che ospita in casa un suo amico problematico, con grande dispiacere del suo fidanzato.

Divenne presto conosciuta recitando a fianco di David Bowie in Labyrinth - Dove tutto è possibile, film fantastico del 1986 di Jim Henson, ormai un cult anche se all'epoca non aveva riscosso il successo sperato.[14][15] In Labyrinth, la Connelly ricopre il ruolo di una giovinetta che, frustrata dal dover fare da babysitter al fratello, chiama i goblin perché se lo portino via, compito che svolgono con cura. Questo film, diretto dal creatore dei Muppets Jim Henson e prodotto da George Lucas, vede la protagonista andare alla scoperta della chiave del labirinto del Re dei Goblin e salvare il suo fratellino, incontrando mostri bizzarri e tutti i tipi di animali fantastici durante il percorso. David Bowie, che aveva anche scritto una canzone appositamente per il film, disse che la ragazza gli ricordava Elizabeth Taylor da giovane.[16]

Seguì Some Girls (1988), il debutto da regista di Michael Hoffman che avrebbe poi continuato con Restoration - Il peccato e il castigo e Un giorno, per caso. Si trattava di una bizzarra commedia nera nella quale lo studente Patrick Dempsey va in Québec per trascorrere il Natale con la sua ragazza, Gaby D'Arc, interpretata dalla Connelly. Al suo arrivo, ella dichiara di non amarlo più, ma lui rimane nei paraggi per ricevere lezioni di vita e d'amore dalle avvenenti sorelle di Gaby, da suo padre che passa la maggior parte del suo tempo nudo e da sua nonna, convinta che egli sia il suo defunto marito. La Connelly ha continuato la sua carriera a livello internazionale interpretando una ballerina nel film italiano Étoile (1988).

Pausa di riflessione e carriera altalenante[modifica | modifica sorgente]

Dopo tutto ciò arrivò una pausa ed una seria valutazione della sua vita. "Ho cominciato a lavorare che ancora non avevo capito com'ero dentro", spiegò più tardi; "quando ero ancora un burattino che camminava. Alcuni dei film che ho girato... guardo indietro e rabbrividisco". D'allora si domandò se davvero avesse voluto essere un'attrice, se davvero intendeva crescere davanti a un pubblico. Decise di sì. Dopo aver frequentato discoteche non avendo l'eta per farlo, iniziò a vestirsi di nero e ad ascoltare la musica dei The Cure.[17]

Con gli anni novanta arrivò il meglio e il peggio della sua precoce carriera.[17] In The Hot Spot - Il posto caldo (1990), diretto da Dennis Hopper (che l'aveva notata in Some Girls), Don Johnson ricopre il ruolo di un ragazzo violento che giunge in auto in una piccola cittadina del Texas, trova un lavoro, pianifica una rapina in banca, attrae le attenzioni della moglie del capo, Virginia Madsen, e si innamora della giovane ragazza della contabilità interpretata dalla Connelly. Jennifer, che ora è una donna voluttuosa, riceve le attenzioni di molti critici maschi, soprattutto quando è seminuda.[17] Parlando della sua occasionale nudità nel film Jennifer ha poi dichiarato: "Sono state esperienze formative, in passato ero molto riservata e timida. Ero una brava bambina e volevo esserlo, ma ciò non può portare ad una riservatezza tale da essere ostacolante. È stato un processo graduale".[17] Il film non fu comunque un successo né di critica né commerciale.[17]

Insieme a una serie di film commerciali di minore successo, seguì la commedia Tutto può accadere, una romantica commedia scritta da John Hughes, che vedeva la Connelly nei panni di una ricca ragazza intrappolata per una notte in un negozio con un ragazzo privo di fascino, interpretato da Frank Whaley. I due iniziano a comprendersi a vicenda, quando improvvisamente il negozio viene scassinato da due ladri. La rivista People accusò il fatto che film strumentalizzasse il corpo dell'attrice e la campagna pubblicitaria confermò la loro opinione. Tra le pubblicità c'era una silhouette di cartone, ripresa da una scena che includeva un cavallo meccanico, dove Whaley sta guardando Jennifer e la didascalia recitava "Lui sta per avere la corsa della sua vita".[18]

Gli studi di recitazione e la breve parentesi musicale[modifica | modifica sorgente]

Monologue of Love
Artista Jennifer Connelly
Tipo album Singolo
Pubblicazione dicembre 1986
Durata 7 min
Dischi 1
Genere Pop
Etichetta Toshiba East World Records

Venne definita sulla copertina di Esquire del mese di agosto 1991 uno dei personaggi più amati dalle donne.[19] Apparve accanto a Jason Priestley nel video musicale della canzone I Drove All Night di Roy Orbison nel 1992, entrata nella top ten 4 anni dopo la morte dell'artista.[18] Su invito del padre, desideroso che la figlia completasse gli studi non ostacolando mai la sua carriera come modella, iniziò a frequentare il corso di letteratura inglese alla Yale University, dove si laureò[11] per poi passare due anni dopo alla Stanford University dedicandosi al teatro classico e drammatico.[9][20] In seguito si applicò nella recitazione sotto la guida di prestigiosi insegnanti come Roy London, Howard Fine e Harold Guskin.[9][11] Divenne quindi famosa nel Sol Levante quando incise un singolo in Giappone intitolato Monologue of Love, nel quale l'attrice canta in giapponese e rilascia - nel lato B - un'intervista accompagnata dal sottofondo musicale.[7][9][10]

Gli anni novanta[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 fu impegnata nel costoso Rocketeer della Disney, recitando con il suo fidanzato di allora Billy Campbell; tale esperienza non diede una svolta alla sua carriera, anzi si rivelò un fallimento, tanto da indurla a prendersi un periodo di pausa.[10] Il film, che narra di un giovane pilota che scopre uno zaino a razzo e lo utilizza per salvare la sua fidanzata e combattere contro gangster e nazisti negli anni trenta a Hollywood, avrebbe dovuto raggiungere nelle intenzioni il successo delle pellicole di Indiana Jones. Nonostante fosse godibile, il film fu surclassato al botteghino da Terminator 2 e Robin Hood - Principe dei ladri.

Recitò in The Heart of Justice, film tv in cui Eric Stoltz ricopriva il ruolo di un giornalista coinvolto negli affari sospetti e probabilmente vergognosi di una facoltosa famiglia della Upper East Side. Jennifer era la bellissima figlia attorno a cui girava il sospetto e c'erano anche delle comparsate di Hopper, Dermot Mulroney (con cui aveva recitato in Career Opportunities), Vincent Price e William H. Macy. Ci fu quindi D'amore e ombra, tratto dall'omonimo romanzo di Isabel Allende, dove recita al fianco di Antonio Banderas nella parte di Irene, una giornalista di famiglia benestante durante la dittatura cilena del generale Pinochet. Incarnò poi un altro personaggio distaccato, questa volta una collegiale lesbica, mentore di Kristy Swanson, nel film L'università dell'odio di John Singleton.

Nel film indipendente Far Harbor del 1996 diede una notevole interpretazione[senza fonte], recitando nella parte di una dei sette giovani che passano un fine settimana a Long Island. Questo film fu girato a Sag Harbour, una ex città baleniera vicina a Bellport, dove Jennifer Connelly aveva passato parte della sua giovinezza. Un'altra sua coprotagonista è stata Gay Harden, che ha fatto ancora coppia con lei - vincendo un Oscar - nel film Pollock.[18]

Nel 1996 recitò nel thriller Scomodi omicidi la sirena che ammalia sia Nick Nolte che John Malkovich in una Los Angeles degli anni quaranta. A quel punto la sua vita cambiò. Incontrato il fotografo David Dugan durante un'arrampicata a nord di New York, intraprese con lui un'attiva relazione che condusse la coppia ad affrontare la scalata dei Grand Tetons di Wyoming e del Monte Shasta in California. Dalla stessa nacque il piccolo Kai, il cui imminente arrivo fu annunciato al Rosie O'Donnell Show da Jennifer. L'attrice afferma che l'arrivo di Kai la obbligò a fare il punto sulla sua vita e sulla sua carriera.[21]

Iniziò ad apparire in piccoli ruoli in film notevoli, come Innocenza infranta del 1997, dove si fece notare nel ruolo di cattiva ragazza insieme a Billy Crudup, Joaquin Phoenix e Liv Tyler. Del 1998 è il film fantascientifico Dark City di Alex Proyas (regista de Il corvo) che le diede la possibilità di lavorare con attori del livello di Rufus Sewell, William Hurt, Ian Richardson e Kiefer Sutherland. In questo film Jennifer ricoprì il ruolo della moglie di Rufus Sewell, un uomo che si sveglia in un mondo oscuro e scopre di non avere ricordi e di essere circondato da gente che può far morire, spostare e poi far rivivere qualunque cosa.

Dopo Waking the Dead, nel 2000 l'attrice rivisitò la sua immagine ingenua, anche se in modo più sobrio, per il biografico Pollock (presentato alla Mostra del cinema di Venezia)[11] in cui ha interpretato una delle amanti del pittore Jackson Pollock.

L'affermazione negli anni 2000[modifica | modifica sorgente]

Jennifer Connelly a New York nel 2005

Jennifer Connelly non venne notata dalla critica fino al 2000, quando uscì il pluripremiato Requiem for a Dream di Darren Aronofsky. Nel film, presentato al festival di Cannes,[11] recita il ruolo di una tossicodipendente sull'orlo di una crisi insieme a Jared Leto e Marlon Wayans, facendosi apprezzare nuovamente dalla critica e svelandosi in tutte le proprie potenzialità drammatiche. Per documentarsi seguì Aronofsky e il coprotagonista Jared Leto nelle loro escursioni nel Lower East Side di New York, dove osservarono veri drogati darsi alle loro "attività endovenose".[21]

« Se ambienti un film in un bosco ti senti isolato, ma l'inquietudine che ti può dare la città è unica. Sei circondato da tanta gente, ma tutto è anonimo, ognuno pensa solo per se stesso. Questo è la vera forza delle location.[22] »

Secondo Aronofsky, la Connelly non rimase affatto sconcertata; al contrario, Requiem sembrò donarle sicurezza mentre si lanciava nella terribile discesa del suo personaggio. Ad un certo punto, quando il suo personaggio è ormai divenuto una prostituta imbottita di droga, esegue nuda una performance lesbica in un night-club, con tanto di giocattoli erotici, davanti ad un gruppo di uomini d'affari urlanti. La scena è costata al film il divieto ai minori di 17 anni, dato che Aronofsky si rifiutò di modificarla: dichiarò che doveva mostrare quanto in basso si possa scendere.[21]

Questa interpretazione valse alla Connelly diverse candidature a premi come gli Independent Spirit Awards, ma soprattutto mise in luce il suo talento per lungo tempo ignorato. Subito dopo interpretò la tosta responsabile dei broker Catherine Miller nella serie The Street, un ruolo che accettò perché lo poteva interpretare vicino alla sua casa di Manhattan; i produttori le misero a disposizione una sala giochi per il giovane Kai.[21]

« Non so se succeda a tutte le mamme, ma quando vuoi bene ai tuoi figli, finisce che ti affezioni anche a quelli degli altri. Te ne accorgi quando sei al parco, dove tutte le madri prestano attenzione che ogni bambino non si faccia del male.[22] »

L'anno seguente arrivò la definitiva consacrazione di pubblico e critica con A Beautiful Mind, di Ron Howard, in cui l'attrice interpreta il ruolo di Alicia Nash, la moglie sofferente del brillante e schizofrenico matematico John Nash (interpretato da Russell Crowe), vincitore del Premio Nobel nel 1994. Il film riscosse vasto successo commerciale e di critica, facendole vincere un Golden Globe e un Oscar alla miglior attrice non protagonista.[9] La sua partecipazione in A Beautiful Mind le ha inoltre meritato un articolo sul TIME.[23] Sul set del film conobbe anche Paul Bettany, che interpreta Charles, l'amico immaginario di Nash; i due si sposarono nel 2003.

Dopo questo grande successo, Jennifer trovò altre parti interessanti a fianco di registi ed attori prestigiosi: nel 2003 si dedicò a Hulk, versione di Ang Lee del celebre personaggio dei fumetti, in cui la Connelly vestiva i panni di Betty Ross, scienziata ricercatrice ed ex fidanzata del tormentato Bruce Banner di Eric Bana, che lotta per aiutarlo a trovare un cura per la sua insolita condizione "verde" e allo stesso tempo contrasta il padre militare, un generale impegnato ad uccidere il mostro. Come Fay Wray in King Kong, Betty è l'unica che riesce a calmare la bestia selvaggia ma, con un copione che scava nel profondo delle relazioni tra genitori e figli, la Connelly non è stata scelta solamente per il suo bel viso.[24] Il film ebbe tuttavia scarso successo.

Fu poi la protagonista del drammatico La casa di sabbia e nebbia, tratto da un romanzo di Andre Dubus III, che ricorda da vicino un suo film indipendente realizzato sul finire degli anni novanta. La pellicola la vede nei panni di una moglie abbandonata, che perde la casa di famiglia ereditata dal padre, a causa di un errore burocratico. A cogliere l'occasione è l'immigrato Ben Kingsley che sta cercando una casa per la sua famiglia esiliata e in disgrazia. Emotivamente instabile, la Connelly non riesce a lasciare la casa, è troppo legata al suo senso di orgoglio e tradizione, ma nemmeno Kingsley ci riesce, dato che sta lavorando estremamente duro per ricostruire quelle stesse sensazioni per se stesso. Nell'esplorazione di due culture americane molto differenti e di un modo molto diverso di come vengono trattate, la storia oscilla quindi tra conflitto e terribile tragedia. Lodato dalla critica, il film vedrà Kingsley candidato all'Oscar per la quarta volta. Dopo ciò la Connelly resterà lontana dagli schermi per due anni.[24]

Nel 2005 è la volta di Dark Water, del regista brasiliano Walter Salles, remake di un noto film dell'horror giapponese. Qui interpretò una moglie abbandonata alla ricerca di sistemazione. Questa volta però, al verde e nel disperato tentativo di tenere un tetto sulla testa della figlia, è costretta a rintanarsi in un appartamento buio e conciato da buttar via segnato da macchie misteriose. Quando sua figlia si fa un sinistro amico immaginario iniziano i guai e la Connelly è portata ai limiti della sanità mentale, interpretando non la classica urlatrice ma una madre minacciata.[25]

« L'acqua sa nascondere molto bene le cose e sa essere molto violenta, ma è anche alla base stessa della vita, così come l'acqua può portare via quella stessa vita. Si tratta di tutta una serie di connessioni e qualità intrinseche, come il suo essere un elemento isolante: quando piove, apri l'ombrello che ti protegge, ma che ti isola da tutto quello che ti circonda. »
(Riflessione di Jennifer Connelly sull'acqua, tema di Dark Water[22])
« Nell'horror giapponese la cosa più interessante è il fatto che la minaccia è sempre un qualcosa che è dentro noi stessi, una concezione della paura molto più sofisticata e sottile.[22] »

Il 2006 invece la vede impegnata nel ruolo di una giornalista con il pluricandidato Blood Diamond - Diamanti di sangue di Edward Zwick, con Leonardo DiCaprio e Djimon Hounsou; di seguito ha avuto un ruolo importante al fianco di Kate Winslet in Little Children di Todd Field, una rielaborazione dell'omonimo romanzo. Sebbene il ruolo di Kathy Adamson fosse molto importante nella storia, il regista Todd Field ha dato meno importanza al personaggio sullo schermo, soffermandosi invece sui personaggi interpretati dalla Winslet e da Patrick Wilson. La Connelly apparirà poi in Reservation Road con Joaquin Phoenix, film che ha avuto una limitata distribuzione nel 2007.

Gli ultimi film[modifica | modifica sorgente]

Nel 2008 recita il ruolo della scienziata Helen Benson, insieme a Keanu Reeves, nel remake fantascientifico Ultimatum alla Terra. I suoi ruoli del 2009 comprendono una parte in un piccolo thriller indipendente con il marito Paul Bettany e un ruolo da coprotagonista con Jennifer Aniston e Ginnifer Goodwin nel film La verità è che non gli piaci abbastanza.

Sempre nel 2008 è stata candidata come "il volto" degli annunci pubblicitari di Balenciaga,[26] nonché testimonial dei cosmetici Revlon.[27]

Nel 2014 sarà tra i protagonisti del kolossal biblico diretto da Darren Aronofsky, Noah[28] adattamento della storia di Noé presente nel Vecchio Testamento.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

L'attrice ha un figlio, Kai, nato nel 1997, frutto della sua relazione con il fotografo David Dugan,[29] con il quale non ha mai convissuto e di cui preferisce non parlare.[11] Nel 2001 è stata fidanzata anche con Josh Charles.[30] Dal gennaio 2003 è sposata con l'attore Paul Bettany,[11] che ha conosciuto mentre lavorava sul set di A Beautiful Mind. Il primo figlio della coppia, Stellan (nome ripreso dall'attore Stellan Skarsgard), è nato il 5 agosto 2003.[31] La seconda figlia della coppia, Agnes Lark Bettany, è nata l'8 giugno 2011.

Jennifer Connelly è poliglotta: parla benissimo italiano, francese e giapponese.[7][10][32]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Premi e candidature[modifica | modifica sorgente]

AFI Awards

Premio Oscar

Saturn Award

BAFTA Awards

Critics' Choice Movie Awards

Chicago Film Critics Association Awards

Chlotrudis Awards

Empire Awards

Golden Globe

Hollywood Film Festival

  • 2002: Vinto - Attrice non protagonista dell'anno

Independent Spirit Awards

Kansas City Film Critics Circle Awards

Las Vegas Film Critics Society Awards

Online Film Critics Society Awards

Phoenix Film Critics Society Awards

Satellite Award

Screen Actors Guild Awards

Southeastern Film Critics Association Awards

Dallas-Fort Worth Film Critics Association Awards]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jennifer Connelly è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 1. URL consultato il 12-03-2010.
  2. ^ (EN) Karen S. Schneider, Beautiful Minder, people.com. URL consultato il 29-08-2009.
  3. ^ (EN) Jennifer Connelly Biography (1970-), filmreference.com. URL consultato il 29-08-2009.
  4. ^ Dichiarato in un'intervista a Inside the Actors Studio, 2004
  5. ^ (EN) As half of one of Hollywood’s coolest couples, Jennifer Connelly is in demand., nw.ninemsn.com.au. URL consultato il 29-08-2009.
  6. ^ (EN) Ron Dicker, Jennifer Connelly feeling more at home in her career, pqarchiver.com. URL consultato il 29-08-2009. The Hartford Courant. "Scherza sul fatto che è stata sollevata con una doppia dose di colpa, avere un padre irlandese cattolico e madre ebrea che è stato educata in una yeshiva a New Rochelle"
  7. ^ a b c Biografia Jennifer Connelly, filmup.leonardo.it. URL consultato il 06-09-2009.
  8. ^ (EN) George Kalogerakis, Mind Games, nymag.com. URL consultato il 29-08-2009. New York (rivista). È cresciuta principalmente a Brooklyn Heights, figlia di un produttore di vestiti e di una antiquaria. Ha frequentato la Saint Ann's e iniziato a fare la modella quando aveva 10 anni
  9. ^ a b c d e f g Biografia di Jennifer Connelly, movieplayer.it. URL consultato il 06-09-2009.
  10. ^ a b c d Jennifer Connelly, mymovies.it. URL consultato il 01-09-2009.
  11. ^ a b c d e f g Profilo di Jennifer Connelly su Cinematografo, cinematografo.it. URL consultato il 05-09-2009.
  12. ^ (EN) Once Upon a Time in America (1984) - Box office / business, imdb.com. URL consultato il 29-08-2009.
  13. ^ Daniele Passanante, Jennifer, la donna di Hulk in news2000.it. URL consultato il 12-03-2010.
  14. ^ Labyrinth: Dove tutto è possibile, informazionepura.it. URL consultato il 29-04-2010.
  15. ^ Scheda di Labyrinth - Dove tutto è possibile, filmedvd.dvd.it. URL consultato il 29-04-2010.
  16. ^ (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 2. URL consultato il 12-03-2010.
  17. ^ a b c d e (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 3. URL consultato il 12-03-2010.
  18. ^ a b c (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 4. URL consultato il 12-03-2010.
  19. ^ (EN) Esquire Cover Gallery, esquire.com. URL consultato il 30-08-2009.
  20. ^ (EN) The Biography Channel - Jennifer Connelly, thebiographychannel.co.uk. URL consultato il 06-09-2009.
  21. ^ a b c d (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 5. URL consultato il 12-03-2010.
  22. ^ a b c d Intervista a Jennifer Connelly su I.H. Magazine, a cura di Alessandro De Simone, 6 luglio 2005
  23. ^ (EN) Richard Schickel; Bengiamin Nugent, Cinema: Jennifer Connelly, time.com. URL consultato il 30-08-2009.
  24. ^ a b (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 6. URL consultato il 12-03-2010.
  25. ^ (EN) Dominic Wills, Jennifer Connelly - Biography, talktalk.co.uk, p. 7. URL consultato il 12-03-2010.
  26. ^ (EN) Is Jennifer Connelly New Balenciaga Ad Hot or Not?, usmagazine.com. URL consultato il 31-08-2009.
  27. ^ (EN) Bang Showbiz, Jennifer Connelly's Revlon deal, boston.com. URL consultato il 31-08-2009.
  28. ^ Russell Crowe e Jennifer Connelly nelle nuove immagini di Noah. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  29. ^ (EN) Logan Hill, Jennifer Connelly confronts the terror of New York real estate., nymag.com. URL consultato il 31-08-2009.
  30. ^ (EN) Dana Kennedy, Jennifer Connelly: Ever More Familiar, but Still Hard to Get to Know, nytimes.com. URL consultato il 31-08-2009.
  31. ^ (EN) Excerpts from Stellan's interview with Paul Bettany, stellanonline.com. URL consultato il 31-08-2009.
  32. ^ La biografia di Jennifer Connelly, comingsoon.it. URL consultato il 30 aprile 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Stephen Spire III, Betty Page & Jennifer Connelly, Personality Comics, 1991, ASIN B000MQM9CE.
  • Dominic Willis, Jennifer Connelly Biography, Talktalk.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Marcia Gay Harden
per Pollock
2002
per A Beautiful Mind
Catherine Zeta-Jones
per Chicago

Controllo di autorità VIAF: 61755901 LCCN: no95037067